A casa del fondatore di Wall&decò

Christian Benini ci apre le porte della sua residenza a Cervia, per svelarci l'ecclettico mondo dell’ornamento murale.

Desk, Eyewear, Table, Furniture, Glasses, Wood, Interior design, Photography, Office, White-collar worker,
Fabrizio Cicconi

Scenografiche wallpaper duettano con il cemento grezzo. Leggiadria versus potenza, in sublime equilibrio

Quando – a inizio carriera – lavorava come fotografo, Christian Benini realizzava in studio degli immensi, stupefacenti fondali. E non ha più smesso. Nel 2005, infatti, ha fondato Wall&decò, azienda di carte da parati di cui ha mantenuto salda l'art direction anche dopo l'acquisizione, nel 2018, da parte del gruppo svedese WallVision.

Seduta Thea, di Baxter, come il coffee table Icaro e i tavolini alti Liquid.
Fabrizio Cicconi

Vaso Pliage, Hands on Design , di ImperfettoLab.
Fabrizio Cicconi
Tavolo, sedia e comodino di Draga & Aurel con wallpaper Vertigo, design Arne Jacobsen, BoråsTapeter.
Fabrizio Cicconi
Christian Benini con suo figlio a bordo piscina.
Fabrizio Cicconi

Il marchio ha sancito una rivoluzione, con uno stile fatto di macroimmagini teatrali e seducenti, fino a giungere all'ultima evoluzione di intarsi, incisioni e trame tridimensionali a effetto bassorilievo. «È davvero entusiasmante vedere crescere il brand, in un percorso di ricerca progettuale: l'espressione più alta del mio sconfinato amore per l'architettura e il design», confida. Nelle scenografie di Christian «decorazione e materia si compenetrano, in un dialogo tra le varie componenti che configurano uno spazio». Un approccio analogo caratterizza la sua casa nella città natale, Cervia, dove lo abbiamo incontrato. «Qui le mie wallpaper si relazionano con arredi essenziali e superfici strutturali raw, a partire dal cemento delle campiture. Ma senza narcisismo, perché nulla è così vanitoso da attirare l'attenzione su di sé».

La scala che conduce alla zona notte; la parete frontale è foderata con la wallpaper Another Canvas, design Draga & Aurel, Wall&decò, mentre a sinistra la pittura murale è opera di Eva Germani.
Fabrizio Cicconi

La luce a sospensione Multi-lite, di Gubi, si staglia contro la carta da parati a motivo botanico Elisir, disegnata da Lorenzo De Grandis per Wall&decò.
Fabrizio Cicconi
Il sofà William, Zanotta, è completato dal set di cuscini realizzati con la collezione Essential, Wall&decò, dall’originale trama in 3D; la seduta è Thea, di Baxter, stesso brand del tavolino rotondo Icaro e dei side table gemelli Liquid. Lampada da terra disegnata da Renzo Serafini e quadro dell’artista Eva Germani.
Fabrizio Cicconi

La sinergia diventa mantra assoluto, in una visione che abbraccia tutti gli elementi di un interno e una moltitudine di linguaggi. «Ho una formazione in storia dell'arte e sono un assiduo frequentatore di mostre e fiere del settore. Adoro Jannis Kounellis e Mario Merz: autori assai poco "parietali", ma dalla potente espressività sensoriale; seguo inoltre con interesse i movimenti d'avanguardia, per la loro capacità di aprire le porte all'innovazione».

A sinistra, tavolo e sedia di Draga & Aurel.
Fabrizio Cicconi
La facciata dell’abitazione, progetto di Fabrizio Bertero e Simona Marzoli.
Fabrizio Cicconi

Nella camera da letto, consolle di Draga & Aurel con lampada di Renzo Serafini e quadri di Eva Germani; luce a muro, Klassik Studio; wallpaper Midsummer Night, Wall&decò.
Fabrizio Cicconi
Christian Benini ritratto nel living, che si apre al pianterreno affacciato sul giardino. In totale relax, è accomodato sulla sedia Alvaro, di Baxter. Alle sue spalle, i libri del cuore sono organizzati nella libreria Brompton, di Boffi. Il tappeto grafico nei toni dell’azzurro è il modello Infini Stucco Soie, del brand cc-tapis.
Fabrizio Cicconi

Nell'universo creativo di Benini un posto d'onore è riservato al team prestigioso che collabora alle quattro collezioni annuali: Draga & Aurel, Eva Germani, Lorenzo De Grandis, Christophe Delcourt, Antonio Marras... «Attualmente posso contare su venticinque grandi nomi. Come oriento le mie scelte? Seguendo il principio dell'eterogeneità e facendo tesoro degli spunti provenienti da mondi diversi: dalla moda all'arte, fino al collezionismo. Questo consente a ciascuno di loro di affrontare la sfida con uno sguardo personalissimo e autentico». Volti umani e motivi botanici, grafismi versus paesaggi naturalistici, astrattismo contrapposto a realismo; nella fantasmagoria di pattern e disegni palpitanti si ravvisa una solida coerenza. Nel nome di un'unica, incontaminata bellezza.

In senso orario, mensola Kaori, Artek, e lampada, Klassik Studio.
Fabrizio Cicconi

Sul tavolo Icaro, Baxter, vaso in resina creato da Il Laboratorio dell’Imperfetto, atelier a Gambettola.
Fabrizio Cicconi

Sedute da esterno Manila, Baxter.
Fabrizio Cicconi

Divano William, Zanotta, con cuscini vestiti in rivestimento Essential, firmato Wall&decò.
Fabrizio Cicconi

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Incontri