A casa dei galleristi

I più influenti del mondo sfilano in un libro must: ritratti nelle loro dimore eclettiche, tra suggestioni e capolavori.

coniugi wirth jeffrey deitch arte libro forartssake rizzoli new york marieclaire maison novembre2020
Courtesy Photo

Nella foto, l'opera senza testa di Erwin Wurm, Big Suit, del 2010, anch'essa presente nel volume For Art's Sake (Rizzoli New York).


Iwan e Manuela Wirth

Sono forse la coppia più influente dell'arte contemporanea. Un cocktail di talento, coraggio e intuito mescolato a uno spirito imprenditoriale unico. Hanno iniziato a Zurigo all'interno di un piccolo appartamento e, nel giro di tre decenni, hanno creato un impero che si estende fino a New York, Los Angeles, Londra, Somerset, Gstaad, Minorca, St. Moritz e Hong Kong. Svizzeri, quattro figli, hanno rivoluzionato il concetto di galleria convertendo in spazi espositivi ex birrifici, banche, ospedali navali, discoteche e piste di pattinaggio. L'ultima, in ordine di tempo, è una casa-hotel di 46 camere nelle Highlands scozzesi: The Fife Arms. Antica locanda per la sosta delle carrozze, oggi è un mix di cultura e ospitalità; loro lo chiamano "il posto felice" e non si fatica a immaginare perché.

I coniugi Wirth.
Courtesy Photo

Jeanne Greenberg Rohatyn

Suo padre era il manager di stelle come Donald Judd e Andy Warhol; la madre scriveva libri d'arte per bambini. Con un DNA così, lei non poteva che essere l'incarnazione della creatività. La casa di famiglia a St. Louis, dove è nata nel 1967, è sempre stata un crocevia di artisti. Narra la leggenda che, nel 1977, un timido Andy Warhol si nascose in bagno e le disegnò una banana. Nel 2002, a New York, sulla East 94th Street, ha aperto con il marito Nicolas Rohatyn la Salon 94: al primo piano c'era la galleria, al secondo l'abitazione. «Volevo un luogo speciale in cui le persone potessero riunirsi e i clienti sperimentare l'arte in un contesto domestico». Quest'anno Jeanne si è trasferita nell'edificio che ospitava la National Academy of Design, tra spazi espositivi e pop-up shop.

Un ritratto di Jeanne Greenberg Rohatyn.
Courtesy Photo

Jeffrey Deitch

Artista iconoclasta, curatore, gallerista, consulente. È stato il primo editore americano di Flash Art, nonché il direttore del MOCA; ha creato il dipartimento di consulenza artistica a Citibank e, nel 1996, ha aperto a SoHo la prima galleria, la Deitch Projects. La casa in cui risiede, a Los Angeles, è a firma dell'architetto Wesley Eager; ci hanno abitato Cary Grant con Randolph Scott e Chad Smith dei Red Hot Chili Peppers. L'arredamento è in perfetto stile Deitch, con tre maxidivani di Gaetano Pesce, un tavolo di Urs Fischer e l'opera Man Ray's Obstruction: sessantatré appendiabiti che pendono dal soffitto della camera da letto. «Oggi la mia città sta vivendo un periodo fantastico. È una calamita per i creativi di tutto il mondo e non c'è luogo migliore in cui stare».

Jeffrey Deitch.
Courtesy Photo

Dominique Lévy

Sognava una vita nel circo, ma suo padre aveva per lei altri progetti. Nata a Losanna, studi in storia, ha curato la prima mostra a 19 anni, lavorando sia in Svizzera sia a Parigi. Poi è volata negli Usa, dove nel 2013 ha fondato la prima galleria. Quattro anni dopo, con Brett Gorvy, ha creato la Lévy Gorvy, aprendo spazi a New York, Londra, Hong Kong. Appassionata di quadri astratti, ha immobili negli Hamptons, a Parigi e in Grecia, ma abita in una casa nell'Upper East Side con vista mozzafiato sull'East River. L'ha progettata nel 2007 − assieme a Peter Marino − ispirandosi alle sue tre passioni: l'arte, la ceramica e i mobili del Novecento. L'appartamento è invaso dalle creazioni in vetro di Ritsue Mishima, oltre a molte opere di Claude Cahun, Hans Bellmer, Wyatt Kahn e Cindy Sherman.

Dominique Lévy.
Courtesy Photo

Ivor Braka

Nel mondo dell'arte nessuno è come lui. Capelli lunghi, look eccentrico, moglie top model, non ha una galleria e fa affari solo nel suo appartamento londinese. Ha iniziato commerciando Preraffaelliti e Costruttivisti russi, poi si è convertito al minimalismo americano anni Settanta. Abita in una casa vittoriana a Knightsbridge e afferma di non considerarsi un collezionista, ma uno che ama circondarsi di bellezza. Come i cabinet di Owen Jones, gli oggetti in metallo di Christopher Dresser e le sedie di E. W. Godwin; ha anche un dipinto di Dante Gabriel Rossetti e un arazzo di Edward Burne-Jones. Ultimamente si è impegnato soprattutto in progetti sociali. L'ultimo: l'acquisto di un terreno a Norfolk. «Sogno di far convivere qui persone di ogni ceto, per combattere solitudine e alienazione».

Ivor Braka.
Courtesy Photo
This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Incontri