Anticipazione Maison&Objet 2019: sta per aprirsi il salone parigino dedicato all'home décor

Dal 18 al 22 gennaio, 3000 brand in mostra ed eventi novità: dal focus sui designer emergenti cinesi a quello sull'esprit français.

image
Courtesy photo

Countdown per uno degli appuntamenti irrinunciabili nel mondo dell’interior design e dell’home décor: è il salone parigino Maison&Objet, la cui edizione invernale è prevista dal 18 al 22 gennaio 2019.

Un’immagine del Salone internazionale Maison&Objet a Parigi.
Courtesy photo

Alla consueta esposizione dei più noti brand internazionali (circa 3000) si affiancano quest’anno interessanti focus tendenze. La prima sezione – Decor, nella hall 3, curata da Elizabeth Leriche – presenta una selezione di piccoli accessori, tessuti, vasi; tutto quanto, con tocchi minimi ma di gusto impeccabile, dona uno charme speciale alla casa. Il colore must? Il blu Klein. Nella Hall 1 va in scena Share, con l’arredo tavola, sinonimo di convivialità domestica, mentre Leisure (Hall 2) è dedicata al tema del viaggio declinato in cartoleria raffinata e regalistica. Dove, secondo il curatore François Delclaux, il legno è eletto a materiale principe laddove meno te lo aspetti: in un candelabro o come ornamento per scaldare l’high-tech, come nel caso delle cover dell’iPhone.

Sebastian Herkner, designer del 2019 secondo la giuria di Maison&Objet.
Courtesy photo

I coffee table Bell, pezzo storico del designer Sebastian Herkner.
Courtesy photo

Lampada Oda, di Sebastian Herkner per Pulpo.
Pulpo

Per la giuria di Maison&Objet il designer dell’anno è il trentasettenne tedesco Sebastian Herkner, con studio a Francoforte, già forte di collaborazioni con Moroso e Thonet, per fare solo pochi esempi: un creatore al passo con i tempi nell’abilità di fondere linee di assoluta contemporaneità e artigianato tradizionale, dal savoir-faire dei maestri vetrai bavaresi all’arte della lavorazione del legno.

Il divano modulare Combo progettato da Frank Chou, uno dei sei designer prescelti per il focus Cina: è realizzato con tecniche di imbottitura a mano tradizionali, rese attuali da combinazioni di pelle, lana e tessuto.
Frank Chou Design Studio
I tavolini Pig firmati Mario Tsai, uno dei giovani designer cinesi selezionati da Maison&Objet.
Courtesy photo
La linea di lampade collezione Terrazzo, del designer cinese Bentu, che ricicla i rifiuti ceramici e offre nuovi spunti per un’industria del mobile sostenibile nella città di Foshan, il più grande centro di produzione della ceramica del mondo.
Courtesy photo

Altra novità del 2019 è Excuse My French: celebrazione dello stile francese, di una nouvelle vague declinata in una carrellata di prodotti di ultima generazione. Focus sui designer cinesi emergenti, infine, nell’ambito del consueto appuntamento Rising Talent Awards che omaggia di volta in volta un Paese. I sei nomi prescelti raccontano un continente in ascesa, creativa quanto produttiva, in intriganti sintesi di idee ed esigenze commerciali.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito