Lampi di genio, tra sonorità e arti digitali

A Firenze, dal 21 al 23 febbraio, la prima edizione del Bright Festival: lighting design, installazioni, dj set e molto altro.

image
Courtesy photo

Si accendono i riflettori sul Bright Festival, attesissima prima edizione di una kermesse interamente dedicata alle arti digitali, alla musica e al lighting design. L'appuntamento da segnare in agenda è per il 21, 22 e 23 febbraio a Firenze, tra gli scenografici ambienti della Stazione Leopolda e quelli del The Student Hotel, un innovativo hub che rilegge in chiave contemporanea il concetto dell'ospitalità tradizionale.

Bucky Dream, installazione luminosa di AV Exciters.
Courtesy photo

Nel calendario - un autentico caleidoscopio di appuntamenti - sono in programma masterclass, incontri e laboratori che la sera cedono, invece, il passo a dj set e performance dei creativi più acclamati sul panorama musicale elettronico. La promessa è già nel logo dell'iniziativa... una lampadina al posto della cupola del duomo di Firenze dalla quale si diramano sorprendenti segni grafici, tali da far pensare a idee brillanti pronte a invadere il capoluogo toscano, come una luminosa costellazione.

Francesco Tristano.
Courtesy photo

E a trasformare la città in un eden per sperimentare video mapping, realtà virtuale e aumentata, produzione musicale e molto altro. Perché le iniziative sono davvero molte: tra i numerosi ospiti si farà notare Craig Caton-Largent, guru dell'animazione in 3D, ha creato effetti speciali per film del calibro di Batman - Il ritorno, Jurassic Park e Apollo 13. Altrettanto sorprendenti le lecture con Stefano Fake, video designer artefice di mostre multimediali dedicate a Magritte, Leonardo da Vinci, Klimt e Van Gogh. Al centro della scena, infatti, il Bright Festival porta proprio i nuovi modi di fruire l'arte. Ma non è ancora tutto.

Una delle tante installazioni di lighting design.
Courtesy photo

Da non perdere la masterclass sul lighting design tenuta da Luciano Tovoli, direttore della fotografia, autore dello studio sulle luci di Suspiria e Dracula 3D di Dario Argento. Côté sonorità... a catalizzare l'attenzione del pubblico spiccano Big Fish, producer della squadra di Manuel Agnelli a X Factor, e Derrick May, esponente della musica elettronica di Detroit. Sempre sul fronte musicale saranno tante le contaminazioni. Un esempio per tutti è l'innovativo genere firmato Francesco Tristano, pianista e compositore classico che - con maestria - sa strizzare l'occhio alla techno.

Un’installazione luminosa realizzata con luci laser.
Courtesy photo

Per tornare all'arte basta citare, tra i tanti, Countdown di Luca Agnani, spettacolo di musica, luci e colori sull'architettura, Mae-Artematiko, la storia dell'universo narrata dal Big Bang in poi da Artematiko-Settimo attraverso l'uso della luce in una stanza buia, The Frame di MouFactory, luci e ombre studiate per proiettare lo spettatore in una dimensione giocata su pieni e vuoti. E ancora Sorgente, installazione svelata in anteprima al Bright Festival dal collettivo OLO Creative: una sorta di pozzo per condurre l'osservatore nelle viscere della Terra, inaspettata metafora e simbolo della riflessione introspettiva. Griffata proprio Bright Festival persino un'installazione site-specific che - tra lighting e sound design - sarà realizzata alla Leopolda, nell'ambiente onirico e surreale di una stazione ferroviaria dell'Ottocento avvolta dalla nebbia. Fantasmagorico espediente per enfatizzare le tante novità di un appuntamento che si preannuncia... very bright!

L’immagine e il logo del Bright Festival.
Courtesy photo

Informazioni e calendario completo su: www.brightfestival.com

Pubblicità - Continua a leggere di seguito