Party surreale

Tra ritratti onirici e panorami fiabeschi, il MASI di Lugano svela il talento immaginifico del pittore svizzero.

alessia delisi, party, arte, marie claire maison italia, giugno 2021
Grafica Silvia M. Reppa


Assomigliano agli attori di una pièce che si ripete all'infinito, in particolare ai personaggi della Comédie humaine di Balzac, pronti a rivivere in ogni romanzo o novella. Sono le figure enigmatiche di Nicolas Party, che si stagliano sullo sfondo di ampi murales, a formare una scenografia fantastica. La grande retrospettiva ospitata dal MASI di Lugano (in calendario dal 27 giugno al 9 gennaio 2022) riunisce trenta artwork in un'unica, suggestiva narrazione. Ritratti, nature morte e paesaggi − composti tra il 2013 e il 2020 − si alternano negli spazi museali, mentre un'imponente scultura policroma campeggia sul tappeto verde del Belvedere.

Portrait with Snakes (2019), di Nicolas Party, evoca un bosco popolato di creature fantastiche, riprese da un dipinto di Otto Marseus van Schrieck.
Tutte courtesy the artist and Hauser & Wirth; foto, Joshua White

Two Pots (2016) immortala uno dei soggetti preferiti di Party. Come Morandi, per il quale «non finivano mai le grandi conversazioni», l’artista ha trascorso parecchio tempo con questi recipienti.

Courtesy photo

Qui, le donne malinconiche di Portrait (2017).
Courtesy photo

Qui, Installation view nell’esposizione Pastel, dove un noto murale di Party incornicia un pastello firmato Jean–Baptiste Perronneau.
Steven Probert

«È importante che un'opera risulti seducente, perché ci avviciniamo all'arte con gli occhi», spiega l'autore svizzero, il quale negli ultimi anni si è imposto all'attenzione di critica e pubblico facendo registrare vendite record (vedi Still Life, del 2014, battuto all'asta da Christie's per la cifra esorbitante di un milione centoventisette mila euro).

Ultravariopinti e ingranditi a dismisura: sono gli elementi protagonisti di Still Life (2017), opera esposta al MASI fino al 9 gennaio 2022.
Isabelle Arthuis

Qui, Still Life (2016), dove pere, mele e altri frutti si stagliano sul fondo scuro.
Isabelle Arthuis
Qui, Nicolas Party regge con le mani una sua scultura.
Juliana Sohn

Austere e solenni come dive ieratiche, le sue figure femminili
citano l’iconografia classica di Picasso

Trees (2016) è la rappresentazione onirica dei paesaggi d’infanzia dell’artista, nato a Losanna.
Courtesy photo

Qui, Il bel volto femminile di Portrait with Pink Bows (2019) su pigmento dorato.
Isabelle Arthuis

Nato a Losanna nel 1980, ma di casa a New York e Bruxelles, Nicolas si è avvicinato al pastello nel corso del 2013. A segnare un punto di svolta nella sua carriera è stato l'incontro con il genio di Picasso, precisamente la sua Tête de femme, del 1921, realizzata con la medesima tecnica e ispirata alla statuaria classica. Ma i riferimenti di Party, che non è raro vedere in mostra accanto ai suoi lavori, includono anche René Magritte, Félix Vallotton e gli artisti rococò Rosalba Carriera e Jean-Baptiste Perronneau, famosi per i portraits delle petites femmes dell'epoca. «Quello che mi piace di questo mezzo espressivo è l'essere molto simile al makeup», rivela.

Qui, Portrait with Mushrooms (2019) veste la figura con funghi oversize e porta in primo piano la dimensione magica della foresta.
Jeff McLane

E le sue tele si arricchiscono di citazioni di altri dipinti − con un metodo che ricorda il campionamento in musica − a cominciare dai funghi e fino ai serpenti, ripresi da Three Snakes, Lizard and Toad (1663), del pittore olandese Otto Marseus van Schrieck. Il confronto con uno strumento fragile come il pastello ne esalta la bellezza: «Quella effimera poetica delle cose che con un soffio diventano aria».

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da High life