Il design del mese: settembre 2018

Vasi dai colori cangianti, rivisitazioni creative di oggetti del passato visti sotto una nuova luce: il meglio del mese secondo noi.

image
Courtesy Photo nella grafica di Silvia Reppa

Bestiario simbolico. Un pezzo iconico che raffigura la scimmia, emblema di curiosità e istinto naturale. L'intera collezione, che rilegge con spirito contemporaneo i soggetti e i decori settecenteschi, riproduce gli animali più simbolici, tra cui elefante, pinguino, cammello e scoiattolo.

Vaso Totem in porcellana, di Richard Ginori, cm 20Øx30,5h, da €435.
Courtesy Photo

Pubblicità - Continua a leggere di seguito


L’oro dei Dogi. Un vaso in vetro e polvere di ottone dai bagliori cangianti. Realizzato con un'antica tecnica muranese, fa parte della linea Venetian Gold disegnata dal duo Stories of Italy per Les-Ottomans. Un omaggio alla Serenissima e ai legami del brand con Istanbul.

Vaso in vetro e polvere, linea Venetian Gold disegnata dal duo Stories of Italy per Les-Ottomans.
Courtesy Photo


Talento poliedrico. Il designer Derek Castiglioni debutta con una linea outdoor, in sintonia con i suoi giardini. Astro nascente della progettazione green, il varesino Derek Castiglioni, classe 1983, debutta anche nel design con la collezione outdoor Aquiloni. «Gli esterni meritano la stessa attenzione degli interiors, con un accorgimento in più: devono essere versatili. Per questo ho disegnato elementi lussuosi ma camaleontici, in grado di reinterpretare in ogni momento la scenografia», afferma. Avviato alla professione nell'azienda di famiglia − i Vivai Mandelli, specializzati in tetti verdi e giardini high-tech − Castiglioni si è formato come architetto al Politecnico di Milano e poi a Perth, in Australia. Per i suoi layout si ispira al côté romantico delle ville del primo Novecento; infatti, il tessuto che ha disegnato per lettini e sedute, con una foglia di palma, rivela il flair esotico dell'epoca.

Uno dei mobili per esterno della collezione Aquiloni.
Foto, Maria Teresa Furnari

Pubblicità - Continua a leggere di seguito


Jungle mood. Una giungla lussureggiante sembra uscita da una tela del pittore francese Henri Rousseau. In realtà, la fitta sovrapposizione di foliage e fioriture di questo tessuto, ottenute con stampa digitale nelle nuance dall'opale all'arancio, si rifà al rigoglio dell'Amazzonia brasiliana. Qui nelle versione Amethyste, è disponibile anche nella declinazione Bleu de Prusse, dai toni più vividi.

Tessuto in lino al 100%, Idylle à Rio, di Misia, cm 134h, €157/m.
Courtesy Photo


Botanica e sentimento. Il noto fashion designer, Christopher Kane, rende omaggio alla sua passione per i fiori, svelando i segreti della botanica con la sezione di un garofano ricamata sul cuscino in lana e seta.

Cuscino Botanical Anatomy, design Christopher Kane per The Rug Company, €630.
Courtesy Photo


Design mimetico. Una special edition che porta in casa i cromatismi di muschi e licheni attraverso un sistema di sedute modulari rivestite in velluto. Fa parte della collezione Mimesi, un progetto che celebra gli elementi naturali con dodici rivestimenti in velluto ispirati ai paesaggi wild più belli: dalle distese di sabbia alle pareti rocciose, fino ai foliage d'autunno.

Divano Muscus, di Emanuel Gargano per Amura, cm 279x292x94h, €10.560.
Courtesy Photo

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito


Simmetria assiale. Un dittico di pannelli decorativi realizzati in legno inciso a mano, ornati da lacca, oro ventitré carati e madreperla. Squelettes-WTC (sigla che sta per World Trade Center e rimanda alla tragedia dell'11 settembre 2001) e Flore sono le ultime creazioni firmate da Mathias Gaillaguet, designer francese che forma il duo Atelier l'étoile con l'artista Stéphanie Lay. Apprezzata per le sofisticate scenografie indoor, la coppia è ora alle prese con un importante progetto décor all'interno dell'Hôtel de Crillon, a Parigi. Nel loro portfolio anche boiserie, paraventi istoriati con cineserie, trompe-l'œil e bassorilievi.

Dittico di pannelli decorativi firmati Atelier l
Courtesy Photo


Test di mixology. Arredi di fine Ottocento e inizio Novecento scomposti, riassemblati e poi impreziositi da nuove finiture, con lacche colorate, ottone e acciaio. La collezione Limited Edition firmata da Emiliano Salci per Dimorestudio annovera nove pezzi unici, tra cui questo scultoreo mobile bar.

Mobile bar collezione Limited Edition, Emiliano Salci per Dimorestudio.
Courtesy Photo


Legami speciali. Materiali a basso costo come fogli di linoleum, trasformati in un particolare processo di stratificazione, ripiegati e assemblati mediante una corda. "Bound" è il progetto sperimentale di Maarten Kolk e Guus Kusters, giovani olandesi autori di questa insolita seduta simile a un masso. Diplomati alla Design Academy di Eindhoven, hanno già esposto i loro prototipi da Sotheby's, a Londra.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Seduta di Maarten Kolk e Guus Kusters.
Courtesy Photo


Nom de plume. Una corolla in piume di struzzo che ricorda i boa in voga negli anni Trenta o gli eleganti cappelli piumati indossati – alla corte di Elisabetta II – da dame e cavalieri dell'Ordine del Cardo. Feather è l'eccentrica sospensione del brand Mineheart. Disponibile anche in bianco e nella versione da tavolo, ha una struttura in metallo.

Sospensione Feather, Mineheart.
Courtesy Photo

Pubblicità - Continua a leggere di seguito