Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

WAIT: il caffè non doveva darci MOLTA energia? (sorpresa: pare di no)

Non guardare lo sprint che ti da oggi, ma la fiacca che ti darà domani: una nutrizionista spiega perché il caffè smorza la vitalità delle donne.

Danni del caffè smettere di berlo aiuta il ciclo
unsplash.com

Se questo è il momento “uccidete tutte le nostre certezze”, stabiliamolo una volta per tutte e mettiamoci l’anima in pace. L’ultima che avevamo e che pareva intoccabile, ovvero, il caffè fonte di energia (ultimamente ci eravamo anche buttate sul caffè col filtro), ce lo ha appena demolito una nutrizionista funzionale di New York di nome Alisa Vitti che da quando ha sofferto di sindrome da ovaio policistico, a 20 anni, studia tutto ciò che mangiamo e che può modificare la produzione e circolazione di ormoni nel nostro corpo. Alisa Vitti ha una compagnia chiamata FLOLiving e un’app, MyFLO che aiuta a monitorare il ciclo mestruale e a gestirlo al meglio. Nel senso che insegna come trarre il massimo del proprio rendimento dalle varie fasi. Ma torniamo al caffè. Cosa c’entra con ormoni e ciclo mestruale?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

C’entra perché, come spiega a Insider, Alisa Vitti non beve una goccia di caffè, ma neanche di soft drink che contengano caffeina, da circa 20 anni. Questo, dice lei, perché “la caffeina già da sola inibisce il corretto assorbimento di magnesio e vitamina B, che fa scivolare via dall’organismo forzatamente. La carenza di questi due nutrienti può provocare disfunzioni ormonali”. Secondo Alisa Vitti, provando a non assumere caffeina da alcuna fonte, già dopo un mese si cominciano a percepire i benefici dal ciclo mestruale successivo, meno invalidante. Ovvero, meno dolori, meno sindrome premestruale e maggiore energia. Secondo la nutrizionista, in generale, un’alimentazione che supporta la corretta e bilanciata produzione di ormoni, caffeina a parte, aiuta a vivere molto meglio, e questa non comprende alimenti che inneschino dipendenza, quindi anche lo zucchero. “Lo so”, dice lei, “chiedere di rinunciare a caffè e zucchero è un supplizio, circondati come siamo da bar e Starbucks che servono entrambi in deliziosa combinazione”. Ma provare per qualche settimana non è un gran sacrificio. Poi, se non funziona, niente è per sempre.

In apertura foto di Tyler Nix su Unsplash

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food