Se il nostro cervello rallenta è TUTTA colpa dell uso eccessivo di sale"

Prima il cuore, poi la mente: il più piccolo condimento della nostra vita ci sta tradendo. E tanto.

Se il nostro cervello rallenta è TUTTA colpa dell uso eccessivo di sale"
unsplash.com

Ennesima domanda che sottovalutiamo, ennesimo buono proposito che ignoriamo: cosa succede al corpo se si mangia troppo sale? Succede qualcosa a cui non diamo troppa importanza. Sbagliando. Passo indietro: l'importanza delle dosi e della frequenza con cui si mangiano cibi "dannosi" in una dieta è fondamentale. Così forse "portando a tavola" il pensiero positivo in medio stat virtus potremmo concederci piccoli momenti di sapori forti e di dolcezza, leggi fritti, carboidrati "bianchi", formaggi e dolci senza esagerare con i sensi di colpa (altissimi). Uno dei grandi alimenti/condimenti da limitare ASAP? Il sale. Motivo principale? Usiamo più sale del dovuto. MOLTO più sale del dovuto.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

#A Effetti del sale sul corpo. Un suo consumo importante è tra le cause dell’insorgenza di patologie dell’apparato cardiovascolare, quali l’infarto del miocardio e l’ictus. Ma i suoi danni non finiscono qua. Un recente studio condotto dal Brain and Mind Research Institute della Weil Cornell Medical School di New York e apparso su Nature Neuroscience ha mostrato che un eccessivo apporto di sodio ha un effetto deleterio sul cervello. Ma la scoperta più sorprendente è che questo meccanismo ha natura immunitaria e origina nell’intestino.

Foto di Matt Cannon su Unsplash
unsplash.com

#B Qual è la dose giornaliera di sale ideale? «Il sale previene o corregge la carenza di iodio che in Italia è molto diffusa. La sua dose giornaliera consigliata dall'OMS e dal Ministero della Salute italiano è 3-4 grammi. Quello migliore? Quello marino integrale perché non ha subìto nessun tipo di raffinazione», spiega la dottoressa Maria Papavasileiou (dieta-personalizzata.it). Da recenti indagini è emerso, però, che ogni giorno si ingeriscono in media circa 10 grammi di sale, quindi 4 grammi di sodio, quasi 10 volte più di quello fisiologicamente necessario. Un consumo eccessivo di sale, e quindi anche di sodio, può favorire l’instaurarsi di ipertensione arteriosa, soprattutto nelle persone predisposte, e aumenta il rischio di malattie a carico dell’apparato cardiovascolare. Ridurre gli apporti di sale diventa un’importante misura di prevenzione e benessere».

in apertura foto di Autri Taheri su Unsplash

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food