Siete tutti in Grecia e state mangiando tutti la feta (ps: fate tutti bene)

Con un mix di proteine pregiate, vitamine e basso colesterolo il formaggio greco è l'unico latticino da salvare (senza sensi di colpi).

image
Getty

La feta greca trend topic dell'estate 2017. La sua popolarità in tutto il mondo è cresciuta di pari passo con l’attrazione irresistibile per la Grecia e le sue isole come posti dove trascorrere almeno una vacanza nella vita. Quest’anno, grazie alla combinazione di prezzi contenuti, mare da sogno e cibo divino (lì sì che il termine è appropriato), la Grecia è nuovamente una meta boom. E chi si trova in Grecia ora, si starà deliziando delle classiche insalate di pomodoro, cetriolo, cipolla, origano, olio e, naturalmente, il feta, che poi preparerà a ripetizione al rientro, in piena astinenza. Ma sapevate che questo formaggio golosissimo può essere più sano di quelli preparati con latte vaccino?

Getty

La feta, che tradotto dal greco vuol dire semplicemente “fetta” (e noi chissà cosa credevamo…), è classificato nella categoria dei formaggi a pasta semidura ed è ottenuto da un mix di latte caprino e ovino, anche se da quando è scoppiato il suo successo, alcune aziende hanno iniziato a produrre la versione con latte di mucca. Se volete rimanere fedeli alla tradizione, quindi, occhio alla lista ingredienti tutelati in Europa dal marchio Dop.

Getty

Il valore calorico della feta è di circa 260 per 100gr (non molto, se si pensa che la fontina ne ha 389) e non è privo di lattosio come credono in molti, quindi è vietato a chi soffre di intolleranze importanti, ma è comunque più tollerato da chi ha solo problemi leggeri nel digerire i latticini. Le proteine della feta, infatti, subiscono, durante la lavorazione e la stagionatura in salamoia una prima idrolisi delle caseine, che ne aumenta il valore biologico. È quindi ricco di proteine preziose.

Getty

La feta è sconsigliata a chi soffre di pressione alta perché la salamoia lascia molto sale nella sua pasta. Ma per tutti gli altri, questo peccato è compensato dall’assenza totale di conservanti, che la ricetta originale vieta di aggiungere (ci pensa la salamoia a tenere a bada i batteri), e dalla quantità bassa di colesterolo per un formaggio stagionato. Inoltre, raramente viene consumata da sola, viene quasi sempre aggiunta a una ricetta leggera (non c'è solo l'insalata classica!), e permette di non aggiungere altro sale proprio perché basta il suo. Per cui può essere un peccato di gola con pochi sensi di colpa.

Getty

Fra il latte di pecora e di capra, il primo è riconosciuto come più grasso. Ma è anche molto proteico e contiene una quantità straordinaria di vitamina A ed E. La prima protegge la vista, le ossa e mantiene la pelle compatta. La seconda è un potente antiossidante che rallenta l’invecchiamento cellulare provocato dai radicali liberi. Assimiliate con i grassi del formaggio, le vitamine liposolubili si attivano e rendono la feta (mangiato nelle dosi adeguate) una vera cura di bellezza.

Uno dei pregi finali della feta è la qualità del latte. È risaputo infatti che la maggior parte del latte vaccino viene prodotto in allevamento intensivo e non sempre l’alimentazione delle mucche è esattamente “naturale”. Capre e pecore, invece, si sono dimostrate più ribelli al tentativo dell’allevamento intensivo ed è più facile che il latte con cui la vostra fetta di feta (scusate il gioco di parole) sia stato munto da animali che hanno brucato liberi l'erbetta. E il latte di una pecora priva di stress, è sicuramente più sano.

photo GettyImages.com

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food