Le combinazioni alimentari MIGLIORI secondo la dieta dissociata in 10 punti

Un regime alimentare che potrebbe detossinare e fare dimagrire se creato su misura.

image
GettyImages.com

Chiamata anche dieta Hay, dal nome del dottor William Howard Hay che l'ha creata e ne ha parlato nel libro Food allergy (1931), la dieta dissociata si basa su un principio fondamentale: mai associare nello stesso pasto nutrienti quali carboidrati e proteineper non appesantire l'organismo con una digestione (più) "complicata". Se, infatti, ingeriamo due alimenti che richiedono lo stesso processo digestivo, andiamo a rallentare complessivamente l’intera fase di assorbimento del cibo. Sulla base di questo schema, carne e pesce o legumi e latticini, per esempio, non andrebbero mai consumati nello stesso pasto.

GettyImages.com

L’obiettivo della dieta dissociata, come detto sopra, è, quindi, migliorare al massimo la digestione, agendo sulla trasformazione del cibo in sostanze facilmente assimilabili dall’organismo. Per ottenere buoni risultati, oltre a (1) non assumere mai contemporaneamente carboidrati e proteine, secondo questa dieta, si dovrebbe (2) consumare il pasto più abbondante dalle 13 alle 16, (3) cenare intorno alle 19, (4) limitare il consumo di proteine, grassi e amidi e (5) aumentare quello di cibi vegetali, (6) assumere carboidrati nelle prime ore della giornata e (7) proteine a cena, (8)mangiare grano integrale evitando alimenti come farina bianca, zucchero e margarina, (9) non consumare frutta e dolce a fine pasto, ma lontano dai pasti e (10) fare passare almeno quattro ore tra i pasti.

GettyImages.com

Pro e contro. Se questo regime nutrizionale spesso risolve problemi di stomaco e sonnolenza dopo i pasti, dall'altro assumere proteine in un solo pasto al giorno, soprattutto se si esagera con le quantità, è un'abitudine che non si dovrebbe abbracciare troppo a lungo perché si rischia non solo di non dimagrire, ma anche di ingrassare e di affaticare fegato e reni. Da uno studio pubblicato nel 2000 dall’International Journal of Obesity che ha seguito per un mese e mezzo 57 obesi, suddivisi in due gruppi, uno assegnato a una dieta dissociata e uno che seguiva una dieta bilanciata (entrambi i gruppi rispettavano un regime ipocalorico pari a 1100 kcalorie), è emerso che il gruppo dissociato era sceso mediamente di 1,5 kg in meno rispetto a quello che aveva rispettato un’alimentazione bilanciata. Da qui la necessità di chiedere consiglio a un nutrizionista che valuterà eventualmente una dieta (dissociata) su misura.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food