Perché se mangi troppo in fretta potresti ingrassare più facilmente?

Pasti divorati e pranzi last minute, riappropriarsi del piacere di mangiare è un dovere.

image
Getty

Se siete Leone siete giustificati (è il segno vorace per eccellenza). Mangiare molto in fretta è una pessima abitudine. Sicuramente ereditata dalla necessità di consumare il pranzo nel minor tempo possibile, divorare un pasto in pochi bocconi può causare gonfiore perpetuo e fame cronica. E l’imbarazzo di essere il primo della tavola con il piatto sgrassato. Ma anche indigestione e reflusso acido perché quando si mangia troppo velocemente si ingoiano bocconi troppi grandi che lo stomaco fatica ad accogliere, senza mai raggiungere il senso di sazietà. Il rischio? Nutrirsi con poca consapevolezza e, inevitabilmente, ingrassare. Come fare quindi per abituarsi a mangiare con più calma e godersi il pasto in santa pace (soprattutto in vacanza)?

Getty

+ pasti , + calma Basterebbe pianificare pasti e spuntini frequenti da spalmare nell’arco dell’intera giornata per soddisfare la fame come si deve. Il diktat? Mangiare ogni 3/4 ore. Il menu? Dieta il più possibile varia: proteine, fibre, grassi.

Getty

Seduti è meglio Evitare di mangiare in movimento. Per gustare un piatto fino in fondo e soddisfare stomaco e mente, prendersi il tempo e la calma necessaria è davvero ciò che ci vuole.

Getty

No smartphone allowed Seduti ok, ma soprattutto senza distrazioni. Consiglio: evitare di mangiare davanti alla tv o scollando lo schermo dello smartphone. Mangiare concentrati sul piatto, please.

Getty

In tutti i sensi Annusare, guardare, assaporare. Il cibo è un’esperienza e tutti i cinque sensi devono goderne. Se proprio non riuscire a resistere, una rapida foto del piatto da postare dopo averlo gustato al 100%.

Getty
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food