Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Il lato più dannoso della torta di compleanno? No, non è il cioccolato ma le sue candeline (aiuto)

L'ennesimo studio che distrugge l'ennesimo classico: soffiare per esprimere il desiderio = guaio in arrivo...

Getty

Oltre alla depressione del tempo che passa, i regali sbagliatissimi (argh!), le feste noiose, ci mancava anche questa per far tramontare definitivamente il piacere del compleanno: soffiare le candeline sulla torta fa malissimo. REALLY? Se ci hanno confermato -tristemente- che con i baci trasmettiamo love&bacteria (mononucleosi, anyone?), anche la più sbarazzina e fresca delle cakes di compleanno potrebbe nascondere una festa di batteri: stando allo studio eseguito alla Clemson University e pubblicato sul Journal of Food Research, con il soffio delle candeline si spargono sulla birthday cake più di duemila particelle potenzialmente infettive, col risultato di esporre persone già a rischio ad una possibile malattia e di aumentare di 14 volte il numero di batteri presenti. Ripetiamolo: REALLY?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Nell’esperimento i ricercatori hanno simulato la superficie di una torta di glassa (le icing cakes tanto amate negli States) con un particolare tessuto spugnoso e vi hanno piazzato sopra numerosi gruppi di candeline. Una volta entrati nel party mood mangiando pizza (la giustificazione era che dovevano stimolare le ghiandole salivari) e dopo aver selezionato i pezzi di glassa sui quali soffiare, hanno cominciato a spegnere le birthday candles.

Getty

Risultato? Una festa sì, ma di potenziali infezioni. Le microparticelle di saliva e di liquidi che vengono espulsi da naso e bocca durante il soffio sono le limousine dei batteri aerofagi, che trovano la loro via preferenziale verso la superficie su cui poggiarsi, in questo caso la torta e la sua golosissima glassa. Quelle rilevate sulla superficie virtuale della torta erano sufficientemente grandi per trasportare diversi tipi di batteri e virus, tra i quali i più alti in numero erano gli stafilococchi (responsabili di una pletora di malattie, dagli ascessi ai foruncoli dello stafilococco aureo fino a raffreddori, polmoniti e intossicazioni alimentari), i corinobatteri, i batteri emofili e i neisseri (responsabili delle principali forme di meningite). Un bel gruppetto pronto a infierire sulla vostra salute.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Insomma, ci hanno davvero preso tutto, anche soffiare sulle candeline. Rompere una tradizione che sembra risalire addirittura all’Antica Grecia vi sembra un sacrilegio? Consolatevi: gli esseri umani sono di per sé dei trasportatori naturali di batteri, ne abbiamo moltissimi addosso e ne riceviamo e spargiamo in continuazione. Siamo noi stessi i veicoli delle malattie, perché i batteri ci usano per spargersi.

Getty

Germofobia, portami via: ora non mettetevi a vietare categoricamente il rito della torta nelle feste degli amichetti, o peggio a buttare via le fantastiche candeline d’autore che avete posto su complicate creazioni da pasticceria costate quanto una it-bag nuova (o meglio ancora, che la riproducano). La scienza sottolinea come la possibilità di contrarre infezioni per via aerea possa essere maggiore sulle torte di compleanno, e spinge indubbiamente per prevenire. Specialmente nelle situazioni in cui possono esserci soggetti più esposti al rischio di contrarre malattie, con sistemi immunitari deboli o patologie pregresse.

Questo studio non fa che confermare un’altra possibile via di diffusione di alcuni fastidi respiratori (tipo un banalissimo raffreddore), e ci spinge a cercare una via alternativa i festeggiamenti. Ad esempio, invece della torta perché non preparare porzioni singole (tipo i fashionissimi doughnut rosé) far soffiare la festeggiata SOLO su quella? E tanti auguri!

photo GettyImages.com

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food