Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Le pere rosa sono una droga ma nella vita bisogna provare tutto (oh sì!)

Se la frutta autunnale per eccellenza vi annoia, cambierete idea dopo averla assaggiata riveduta e corretta (corrotta?).

Getty

La frutta fa bene, anzi, benissimo. Sarà pure vero, ma è un tormentone che ci portiamo dietro dall’asilo. Ai tempi degli antichi romani la frutta poteva pure essere una prelibatezza, senza andare tanto lontano, negli anni 80 a Londra, per Capodanno le mele venivano servite a mezzanotte come specialità di buon augurio e in Giappone un melone può costare fino a 40 euro. Ma ormai noi siamo un po’ viziati e gli scaffali dei supermercati sono strapieni di merendine e altre golosità che definire saporite è poco, e ci ritroviamo a dover decidere se le calorie a disposizione le dobbiamo investire in frutta, o in un dolcino. E poi, un conto è la stupenda frutta estiva, un altro conto è la noiosa frutta dell’autunno. Tutto questo dilemma esistenziale si può risolvere in un modo solo: trasformando la frutta in un lussurioso dolce.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

E qual è il frutto più inflazionato dell’autunno? La pera, ovvio. Spesso buonissime, altrettanto spesso (a sorpresa) gustose come un cetriolo crudo e acerbo. Ma la frutta fa bene (lo abbiamo già detto?) e le pere fanno benissimo perché stimolano la motilità intestinale. Come unire l’utile (la motilità) al dilettevole (il sapore)? Trasformandola in un dessert. E così a colpo d’occhio l’idea più depravata (sì, depravata) che viene in mente è di preparare le Rosé Poached Pears con zenzero e vaniglia. Il nome è già un programma? Ancora non avete letto la ricetta. Eccola, e buon appetito.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ricetta per le Rosé Poached Pears: una bottiglia di vino rosé secco; mezza tazza di zucchero; qualche scaglia di zenzero; un baccello di vaniglia; 6 pere sbucciate; panna montata per guarnire.

Fate cuocere a fuoco lento in una pentola capiente il vino, lo zucchero lo zenzero e la vaniglia. Immergete le pere con delicatezza e lasciatele cuocere e fuoco lento per 20-25 minuti. Estraetele dalla pentola e lasciatele raffreddare mentre il liquido continua a bollire fino a diventare uno sciroppo abbastanza denso. Si servono dopo averci versato sopra sciroppo a piacere, accompagnate dalla panna. Ciao dieta, ci vediamo lunedì.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food