Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

E se il succo di pomodoro fosse l'unico drink da bere in aereo?

Hostess e steward della UA hanno protestato contro la decisione di eliminarlo dai carrelli di bordo.

Photo by The Creative Exchange on Unsplash

Prendi un pomodoro e frullalo. Aggiungi qualche goccia di succo di limone, sale, se vuoi il pepe. Voilà. Ecco come si fa il succo di pomodoro nel modo più semplice possibile. Esiste al mondo qualcosa di più immediato, veloce e fresco, che faccia la felicità di pensare all’estate? Forse l’anguria alle nostre latitudini. O altra frutta a polpa gialla e arancione, come pesche e albicocche. Perché per una decisa svolta gastronomica nella nostra storia, in Italia il pomodoro è considerato una verdura e si mangia tendenzialmente in versione salata. Ma negli Stati Uniti, dove il pomodoro è re supremo, il succo di pomodoro condito è un must di ogni frigorifero, qualcosa che non manca mai e al quale ci si abitua sin da bambini per merende super healthy. Crescendo, succo di pomodoro = Bloody Mary, uno dei cocktail vintage che evocano spiagge e granelli di sabbia tra i piedi. Per questo la decisione della United Airlines di eliminare il succo di pomodoro dall’elenco di bevande dei loro aerei ha scatenato una serie interminabile di proteste da parte dei frequent flyer e persino di hostess e steward. Che hanno vibratamente polemizzato, costringendo la compagnia a fare marcia indietro e reintrodurre il succo nei carrelli del servizio a bordo con tanto di comunicato pomposissimo sul sito della compagnia per annunciarne il rientro. (Niente da fare per la Sprite, quella è sparita per sempre).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Markus Spiske on Unsplash

Cosa spinge gli statunitensi ad essere così fissati con il tomato juice, tanto da esportarlo anche in Europa, è presto detto: il succo di pomodoro benefici ne ha una quantità notevole, anche se alcune proprietà sono più labili e vengono perse se non bevuto freschissimo (rapido reminder extra: i pomodori non vanno MAI conservati in frigorifero). Intanto, #TeamAntiossidanti: nel pomodoro sono tantissimi, più sono maturi meglio è. Poi esistono anche i pomodori neri, una varietà selezionata arricchita di antociani, e qui sì che il pieno è garantito, ma anche i normali pomodori rossi saranno perfetti per lo scopo. Il succo di pomodoro condito fatto in casa ha una ricetta semplicissima: frullate i pomodori, aggiungete qualche goccia di lime o limone, un pizzico di sale e pepe, menta o basilico. La vitamina C degli agrumi, quella A dei pomodori, la freschezza delle vitamine in un bicchiere. Il conto delle calorie del succo di pomodoro? Bassissimo: il pomodoro in sé ne ha 18 ogni 100 grammi, indicativamente, quindi via libera al suo consumo come spezzafame, accompagnato magari da crudité di carote, sedano e ravanelli. E il Bloody Mary? Beh, qui intervengono gli alcolici (vodka nello specifico) e le calorie salgono, ma chissenefrega. Quando fa caldo, vuoi tirarti su, ti rinfreschi e al tempo stesso arriva l'euforia alcolica, non ci sono rivali: succo di pomodoro forever. Sposare la causa delle hostess della United Airlines è fondamentale: perché il succo di pomodoro in aereo è una delle poche bevande che non vengono percepite alterate dall’altitudine in volo, come invece accade al vino o a certi cibi. E anche le nostre papille ringraziano.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food