I ghiaccioli allo champagne e Moscow Mule sono in arrivo (e li attendiamo, oh sì...)

Perché non averci pensato prima? Una coppia di amici inglesi ha studiato la formula per trasformare i cocktail in popsicle freddissimi, dissetanti... assolutamente alcolici.

image
Sheri Silver su Unsplash

Amanti del ghiacciolo ormai troppo cresciuti per giocherellare con bastoncini, unitevi per una giusta causa. Ovvero: fare un ordine online tutti insieme di ghiaccioli alcolici. Una coppia di amici inglesi, James ed Harry, ha infatti aguzzato l’ingegno e ha fondato Pops, una piccola azienda che produce e vende i ghiaccioli in gusti di drink e cocktail che non avremmo potuto sperare nemmeno nel sogno più azzardato. Pronti? Champagne (…sì). Bellini (… oh sì). Anguria e Vodka (...okay). Rosé e fragole (help…). Ci sono anche quelli analcolici, in flavor che sfuggono dal déjà-vu, tipo Chilly Mango, Strawberry Mint. E poi il Pimms n.1, un mix di limonata, cetriolo, fragola e menta aggiunti a uno shot di Pimm’s, l’aperitivo tipico inglese dalla formula segreta, un po’ digestivo, un po’ tradizione e passatempo immancabile sugli spalti di Wimbledon durante i match di tennis, dove si gusta in cocktail. Celebrity fan del Pops già pervenuti: è stato visto in compagnia di Miley Cirus, Poppi Delevingne, Bella Hadid, Natalia Vodianova, Karlie Kloss e (eh?) del principe Carlo.

Fra le indicazioni dei Pops ci sono riportati anche il “vegan ok”, il gluten free e le calorie per ogni gusto. Esempio: quello allo champagne arriva appena a 38 calorie (a proposito: avete provato anche gli orsetti gommosi allo champagne?). Vodka e anguria a 50. Il più calorico è quello al Bellini: 56 calorie. Praticamente come i ghiaccioli senza zucchero. E pare che presto, visto il successo, la gamma dei gusti si amplierà molto e comprenderà cocktail più sofisticati, tipo ghiaccioli al Moscow Mule e mix al prosecco. Il problema che bisogna affrontare ora è solo pratico: in Italia non sono ancora in commercio, ma si spera che lo saranno presto. Ordinarli? Se c’è un modo per farli arrivare intatti, magari (apposta si consigliava il gruppo d’acquisto: magari sulla quantità considerevoli l’azienda si organizza). La speranza è quella di vederli presto anche nei nostri bar, nei locali, persino nei supermercati. Ma per ora potete assaggiarli solo voi che state per partire per Londra, dove si trovano anche da Selfridges, nei supermercati Spar, nei Whole Food Markets. Oppure si possono avere a domicilio tramite Amazon Fresh. Feedback gradito: fateci sapere.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food