Il succo di pompelmo è davvero l'elisir magico che fa dimagrire in modo sano?

Viaggio tra le leggende metropolitane sull'agrume più chic e fotogenico del mondo, che tanto leggende poi non sono.

image
Unsplash.com

E pensare che un tempo il succo di pompelmo era una bevanda per dive di Hollywood, una scelta esotica che il resto del mondo imparava a conoscere dai film, o nelle riviste in cui si vedevano le coppie vip che facevano colazione sulle terrazze di Saint Tropez in vestaglie di seta, scavando col cucchiaino il mezzo pompelmo nella sua scodellina di cristallo. Poi sono arrivati gli anni 80 (è c’è pure chi ha ancora il coraggio di dire che sono stati inutili) il fitness e le cassette di aerobica di Jane Fonda, e i libri di diete americane dove il pompelmo era fondamentale. E qualcuno a ben pensato che era ora di portarlo ovunque. Oggi sappiamo che bere succo di pompelmo fresco in estate è un modo molto piacevole per mantenersi idratati e anche in salute. Questo agrume dalle dimensioni importanti, infatti, è pieno di proprietà benefiche per l’organismo. Ma non è esente da alcune controindicazioni, in particolare se combinato con alcuni farmaci. Qui i benefici e pericoli del consumare troppa spremuta di pompelmo.

Quindi, il succo di pompelmo e ipocalorico? Uno dei pregi più apprezzati del succo di pompelmo è la scarsa quantità di calorie, pari a circa 26 ogni 100 grammi. Ecco perché di dice, magari un poi semplicemente, che il succo di pompelmo fa dimagrire. Una frase fatta, questa, dietro la quale si cela però una piccola verità: il succo di pompelmo contiene anche un’alta quantità di fibre che contribuiscono a saziarsi prima. Non solo: nel succo di pompelmo c’è la colecistochina, un ormone che incide sugli enzimi digestivi e che di fatto inibisce il senso di fame. Ma sarà vero che il succo di pompelmo brucia i grassi? Oltre a ridurre il senso di fame, secondo alcune ricerche il succo di pompelmo può contribuire anche attivamente al dimagrimento. Pare infatti che l'assunzione di alimenti che contengono nootkatone, un componente che dà anche al pompelmo l’odore caratteristico, può ridurre il peso corporeo di chi ha una elevata massa grassa, soprattutto addominale aiutando a bruciare i grassi. Il succo di pompelmo è digestivo? Sì, perché riesce a ridurre la temperatura dello stomaco e quindi evita che si irriti. Inoltre, aiuta l’afflusso dei succhi gastrici e stimola il movimento dello stomaco stesso, facilitando dunque la digestione.

Unsplash.com

Quindi, il succo di pompelmo e ipocalorico? Uno dei pregi più apprezzati del succo di pompelmo è la scarsa quantità di calorie, pari a circa 26 ogni 100 grammi. Ecco perché di dice, magari un poi semplicemente, che il succo di pompelmo fa dimagrire. Una frase fatta, questa, dietro la quale si cela però una piccola verità: il succo di pompelmo contiene anche un’alta quantità di fibre che contribuiscono a saziarsi prima. Non solo: nel succo di pompelmo c’è la colecistochina, un ormone che incide sugli enzimi digestivi e che di fatto inibisce il senso di fame. Ma sarà vero che il succo di pompelmo brucia i grassi? Oltre a ridurre il senso di fame, secondo alcune ricerche il succo di pompelmo può contribuire anche attivamente al dimagrimento. Pare infatti che l'assunzione di alimenti che contengono nootkatone, un componente che dà anche al pompelmo l’odore caratteristco, può ridurre il peso corporeo di chi ha una elevata massa grassa, soprattutto addominale aiutando a bruciare i grassi. Il succo di pompelmo è digestivo? Sì, perché riesce a ridurre la temperatura dello stomaco e quindi evita che si irriti. Inoltre, aiuta l’afflusso dei succhi gastrici e stimola il movimento dello stomaco stesso, facilitando dunque la digestione.

E pensare che un tempo il succo di pompelmo era una bevanda per dive di Hollywood, una cosa esotica che il resto del mondo imparava a conoscere dai film, o nelle foto delle riviste in cui si vedevano le coppie vip che facevano colazione sulle terrazze di Saint Tropez in vestaglie di seta, scavando col cucchiaino il mezzo pompelmo nella sua scodellina di cristallo. Poi sono arrivati gli anni 80 (è c’è pure chi ha ancora il coraggio di dire che sono stati inutili) il fitness e le cassette di aerobica di Jane Fonda, e i libri di diete americane dove il pompelmo era fondamentale. E qualcuno a ben pensato che era ora di portarlo ovunque. Oggi sappiamo che bere succo di pompelmo fresco in estate è un modo molto piacevole per mantenersi idratati e anche in salute. Questo agrume dalle dimensioni importanti, infatti, è pieno di proprietà benefiche per l’organismo. Ma non è esente da alcune controindicazioni, in particolare se combinato con alcuni farmaci. Proviamo a saperne di più ponendoci una serie di domande.

Unsplash.com

Quindi, il succo di pompelmo e ipocalorico? Uno dei pregi più apprezzati del succo di pompelmo è la scarsa quantità di calorie, pari a circa 26 ogni 100 grammi. Ecco perché di dice, magari un poi semplicemente, che il succo di pompelmo fa dimagrire. Una frase fatta, questa, dietro la quale si cela però una piccola verità: il succo di pompelmo contiene anche un’alta quantità di fibre che contribuiscono a saziarsi prima. Non solo: nel succo di pompelmo c’è la colecistochina, un ormone che incide sugli enzimi digestivi e che di fatto inibisce il senso di fame. Ma sarà vero che il succo di pompelmo brucia i grassi? Oltre a ridurre il senso di fame, secondo alcune ricerche il succo di pompelmo può contribuire anche attivamente al dimagrimento. Pare infatti che l'assunzione di alimenti che contengono nootkatone, un componente che dà anche al pompelmo l’odore caratteristco, può ridurre il peso corporeo di chi ha una elevata massa grassa, soprattutto addominale aiutando a bruciare i grassi. Il succo di pompelmo è digestivo? Sì, perché riesce a ridurre la temperatura dello stomaco e quindi evita che si irriti. Inoltre, aiuta l’afflusso dei succhi gastrici e stimola il movimento dello stomaco stesso, facilitando dunque la digestione.

Il succo di pompelmo è un anticancro? Sì, ha enormi potenzialità antiossidanti, antivirali e antibatteriche, e contrasta la formazione di cellule tumorali. Il merito è della naringina, una sostanza definita flavanone glicoside che rappresenta uno dei migliori antiossidanti in natura, oltre ad essere la ragione del gusto amaro del pompelmo. Bere succo di pompelmo contribuisce quindi a rafforzare il sistema immunitario e anche ad abbassare la febbre, grazie alla sua azione antivirale. Se allunghiamo il succo di pompelmo con dell’acqua otteniamo poi un liquido in grado di idratare a pieno il nostro organismo e di cancellare in tempi più rapidi il senso di spossatezza che deriva da uno stato febbrile. Riducendo il livello di amido nell’organismo, inoltre, il succo di pompelmo aiuta a regolare il flusso di zuccheri nel nostro corpo e dunque a tenere sotto controllo il diabete. Succo di pompelmo è un aiuto contro la stipsi? Un altro sì: bere del succo di pompelmo la mattina a colazione può rappresentare un ottimo metodo per regolare le funzioni intestinali e combattere la stipsi. Il succo di pompelmo, infatti, stimola il colon e riduce anche il gonfiore addominale. Il succo di pompelmo combatte l’insonnia? Un tempo si diceva che i succhi di agrumi non si bevono mai di sera. Il pompelmo fa eccezione perché combatte il triptofano, come il latte. Quindi bere un bicchiere di succo di pompelmo prima di andare a dormire può conciliare il sonno.

E per finire l’ultima domanda: il succo di pompelmo, controindicazioni ne ha? Purtroppo sì. I suoi componenti possono interferire con l’azione di alcuni farmaci - come quelli per diabetici. Se si sta seguendo qualsiasi tipo di terapia farmacologica è quindi giusto consultare il medico (no, non cercate solo su internet) e farsi spiegare se è il caso o no di bere del favoloso succo di pompelmo, o se è meglio rimandare a quando si starà meglio.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food