Ilaria Forlani: la chef che ha ridisegnato il gelato, anche coi dolci di Natale

Pasticceria bresciana, 31 anni, nominata a Milano Food Designer 2017 e a Londra Best Frozen Chef, ha realizzato il sushi gelato, gli stone (simili a pietre), i cactus, l’hamburger e i datteri: da mangiare con gli occhi e il palato.

Ilaria Forlani
Courtesy Photo

Il caso, si sa, gioca la sua parte. E la fortuna premia i coraggiosi. Nella storia della giovane chef pasticciera che ha reinventato il gelato Ilaria Forlani caso e fortuna sono entrambi elementi fondamentali.

«La mia passione nasce da bambina, preparando dolci con la nonna. Facevo mini muffin che regalavo ai vicini di casa e agli amici, perché mi piaceva vedere la gente felice - racconta Ilaria - Mal la folgorazione è arrivata per caso 10 anni fa a un corso per gelati e cioccolateria fatto per caso con un’amica».
Poi ci sono stati i tanti anni di studi (anche con il grande pasticciere Ernst Knam) e oggi Ilaria è titolare di un suo brand, Glacé (che di recente è stato insignito del riconoscimento internazionale Frozen Desserts Company of the Year 2018) ha una gelateria a Palazzolo sull’Oglio e una in arrivo a fine novembre a Milano, lavora per il Club Med e il ristorante milanese jap Shimokita.

Il sushi gelato
Courtesy Photo

«Rivisito il gelato in forme nuove perché nell’epoca di Instagram prima si mangia con gli occhi, poi si appaga il palato. Ho iniziato con quelli a forma di sushi, poi sono arrivati gli stone (simili a pietre), e di seguito i cactus, l’hamburger e i datteri. Tutto fatto a mano».

Mini Cactus: mono porzioni di sorbetto ai gusti mango, ananas, lampone, lime o menta. Il vaso è una cialda con all’interno del gelato al cioccolato, il crumble di biscotti simula il terriccio e la copertura è di cioccolato aromatizzato al lime.
Courtesy foto

«Il mio incontro con il Giappone e la cultura zen quando ho trascorso die mesi in Australia Il sushi classico - spiega - ha una base di riso basmati cotto nel latte e zenzero un gelato fiordilatte cui aggiungo questo riso cotto nel latte e zenzero Al palato si sente il gelato e i chicchi da masticare e il fresco delle zenzero. La parte del pesce sono gelatine ai frutti di bosco, colori che ricordano il pesce e sapori sono più orientali rispetto a quelli tradizionali del solito gelato».

Golden Christmas tree: bavarese allo zabaione con cuore di panettone e copertura di cioccolato bianco e polvere d’oro.
Courtesy Photo

Gli ingredienti Solo naturali, a partire dal latte che arriva dalla fattoria paterna fino ai pistacchi di Bronte. «Voglio l’eccellenza nei gusti e nelle forme per elevare il gelato ad alta pasticceria».

Christmas garden cake: bavarese alla crema con scorze di agrumi, cuore di sorbetto con mele cotte e cannella e mele caramellate, crumble di biscotti e copertura di sponge cake alla vaniglia con fiori di cioccolato.
Courtesy image
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food