Finally il sistema per far mangiare verdure ai bambini

Quanto e cosa deve realmente mangiare un bambino ce lo spiega un bellissimo progetto di educazione nutrizionale.

image
Rikki Austin on Unsplash.com

Ci sono genitori che esagerano le dosi. Secondo l'OMS in Italia il 21% dei bambini e il 14% delle bambine è obeso, valori che nel Sud del Paese salgono al 42% e al 38%. Ci sono però anche genitori che, considerando i propri figli eterni bebé, danno loro porzioni piccole piccole. Ci sono, poi, madri e padri che si sono arresi e non propongono più nessun tipo ci verdura e altri, infine, che per non rovinarsi la cena propongono (quasi) sempre il piatto preferito dalla loro prole. Ma esistono dei trucchi per fare mangiare in modo sano ed equilibrato i bambini? Per fare loro assumere le giuste quantità di macronutrienti? Per avvicinare i piccoli alle tanto odiate verdure? Un'università romana e una famosissima multinazionale attiva nel settore alimentare hanno voluto unire le loro forze per dare una mano ai genitori italiani nel momento clou dei pasti. Come?

Jonas Jacobsson on Unsplash.com

Un team di ricercatori e nutrizionisti dell’Università Campus Bio-Medico di Roma ha supportato Nestlé nel mettere a punto un progetto di educazione nutrizionale rivolto ai più piccoli con lo scopo di promuovere un'alimentazione sana e bilanciata che coinvolga le abitudini alimentari di tutta la famiglia. In questa direzione, infatti, Nestlé sta continuando a ridurre zuccheri, sale e grassi saturi dai suoi prodotti. Dal 2000, l’azienda ha ridotto gli zuccheri di oltre il 34% ed entro il 2020 ne ridurrà un ulteriore 5%. “In Italia favoriamo scelte consapevoli per una buona nutrizione fin dal momento del concepimento, con integratori studiati per le specifiche necessità della mamma, in gravidanza e allattamento. Poi accompagniamo man mano i genitori durante la crescita, con prodotti pensati e bilanciati nutrizionalmente per essere validi supporti a un’alimentazione equilibrata dai 4 ai 12 anni. I nostri cereali per la prima colazione, per esempio, hanno come primo ingrediente di ogni ricetta i cereali integrali e, ancora, le nuove merende Nestlé Mio contengono i soli zuccheri della frutta e dello yogurt", spiega Leo Wencel, capo mercato del Gruppo Nestlé in Italia.

Ogni giorno secondo l'OMS dovremmo seguire una dieta che comprenda per metà verdure, per un quarto proteine e l'altro quarto dai carboidrati. Il Nutripiatto ricorda poi l'importanza di bere acqua, aggiungere un cucchiaio di olio extravergine di oliva, mangiare frutta e fare attività fisica.

Nutripiatto, questo è il nome del progetto, è composto da un piatto intelligente e da un manuale che raccoglie informazioni quali le corrette porzioni in base alle esigenze nutrizionali e ricette semplici per gustare cibi semplici nel rispetto della stagionalità dei prodotti e delle preparazioni tradizionali. Se è risaputo che negli ultimi anni sono aumentati sia la sedentarietà sia i consumi di prodotti ad alto contenuto di zuccheri e grassi saturi, meno noto è che per tanti, troppi, genitori mangiare di più significa crescere meglio. Dallo studio Okkio alla salute condotto dall’Istituto Superiore di Sanità in Italia nelle scuole primarie tra il 2007 e il 2016, la maggior parte dei genitori di bambini in sovrappeso non ne ha la consapevolezza. Gli esperti che hanno creato questo strumento alimentare si augurano, quindi, che i genitori ignari del fenomeno e soprattutto dei possibili futuri problemi di salute dei loro figli, possano mettere in atto dei cambiamenti nel loro stile di vita. Perché come spiega Giuseppe Di Mauro, presidente della SIPS - Società Italiana di pediatria Preventiva e Sociale, "la nutrizione pediatrica è uno strumento di prevenzione al pari delle vaccinazioni perché può prevenire malattie quali diabete, patologie cardiovascolari e alcuni tipi di tumori".

Melissa Walker Horn on Unsplash.com

Come funziona Nutripiatto. Dal momento che secondo un sondaggio Nestlé il 42% dei genitori intervistati afferma che, spesso, il proprio figlio chiede una porzione minore di cibo e il 31% è convinto che un bambino debba mangiare come un adulto per crescere bene si è voluto mettere il bambino stesso al centro, aiutando i genitori a valutare correttamente le porzioni, basandosi sulla grandezza del palmo, pugno o lunghezza delle dita del bambino. Uno studio del Nestlé Research Center ha dimostrato, infatti, che quando i bambini vengono coinvolti attivamente nella preparazione dei pasti assumono una maggiore quantità di verdure e mangiano in maniera più equilibrata. Fare la spesa, preparare insieme i piatti e impiattare nel modo corretto è il modo più sano ed efficace per sperimentazione, scoprire e amare il mondo "cibo".

Unsplash (Sylvie Tittel)

L’obiettivo iniziale di Nestlé è di distribuire 500mila kit Nutripiatto entro il 2020, raggiungendo così quasi il 15% delle famiglie in Italia con bambini dai 4 ai 12 anni. Il Nutripiatto può essere richiesto online su nutripiatto.nestle.it. Nel 2019 il Nutripiatto sarà anche distribuito nelle catene della grande distribuzione che aderiranno all’iniziativa e nei luoghi ludici e didattici in cui si possono raggiungere le famiglie, come i musei dei bambini e luoghi dove vengono proposte attività mirate in collaborazione con le associazioni pediatriche.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food