Starbucks apre altri tre negozi a Milano (ufficiale: il Frappuccino rimarrà tra noi)

I nuovi indirizzi cambieranno le abitudini dei milanesi?

image
Getty Images

La Milano da Bere (caffè) necessita di opening costanti: e una volta abbattuto il muro di omertà per il caffè americano in 12mila varianti il gioco, domanda, del dove apre il prossimo Starbucks a Milano diventa sport nazional/meneghino. Sì, dopo il Reserve Roastery che si è fatto aspettare a lungo, ora il Signor Starbucks annuncia nuove aperture sempre a Milano. Gli indirizzi? Tre nuovi Starbucks in tre aeree della città pronti ad aprire entro il 2018. Si re-inizia da Corso Garibaldi dove Percassi, il licenziatario che ha portato il caffè da Seattle all’Italia, ha aperto il secondo store che sarà anche il primo in Europa ad avere menu board digitali. Secondo nuova apertura in San Babila - via Borgogna angolo via Durini - e ultimo al Terminal 1 di Malpensa, praticamente il luogo dove tutti hanno sognato di poter ordinare un Frappuccino.

NurPhotoGetty Images

Il canto della Sirena in un mare di caffè si fa dunque sentire e inizia a mappare la città sempre più: cambiano le location ma rimangono fissi i fini quali social-places con wi-fi gratuiti, atmosfera confortevole in netta controtendenza con le proprietà eccitanti del caffè. La discesa americana del caffè non si ferma e si parla di altri 10/15 punti vendita da aprire nei prossimi anni in Italia come conferma Roberto Masi, managing director Italia “Rimanendo fedeli ai valori e all’atmosfera per cui Starbucks è riconosciuto nel mondo, abbiamo voluto offrire ai consumatori di Milano un ambiente studiato su misura per loro, che rifletta la bellezza della città del design e del caffè”.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food