Sulla frutta secca ci sono teorie contorte (e no, le noci non sono so welcome)

ABC della frutta secca: dal mito della mezza tazza al capolavoro del pistacchio.

image
Photo by Kevin McCutcheon on Unsplash

Il rumore che provoca è stress puro per le orecchie dei colleghi. I benefici che provoca sono tra i tesori che ogni collega di invidierà. Il mito della frutta secca vive la sua stagione d’oro a pochi mesi dalla prova costume quando i divoratori seriali di gelati per merenda provano a tenere lontana la tentazione con nocciole, pistacchi, uvetta…ma cosa si intende per frutta secca? Si tratta di tutti quei frutti che tramite un processo di essicazione (naturale o meno) vengono privati dell’acqua. Ma in realtà nel gergo comune con questo termine si intendono di solito noci, mandorle, ecc., che, a rigore, non sono frutti ma semi. E già ripartiamo dalle basi.

CAPITOLO 1 Frutta secca, proprietà. Fonte di minerali: fornisce magnesio, fosforo, potassio, calcio, ferro e oligoelementi come zinco e selenio, con proprietà antiossidanti. Per quanto riguarda le vitamine la frutta mignon contiene sorprese maxi: B1, B3 o folati ed è anche una delle fonti vegetali più abbondanti di vitamina E, anche con un carattere antiossidante. Quanta frutta secca si può mangiare visto che sono grassi sani ma grassi? Qb perché hanno un alto contenuto di grassi mono- e polinsaturi, fra cui l'acido oleico, il linoleico (omega 6) e il linolenico (omega 3). Fornisce proteine ​​vegetali: cosa che rende la frutta secca per chi fa palestra una manna dal ciel. 5) Ricca di fibre: il suo consumo aiuta a controllare l'appetito e regolare il transito intestinale. È anche associata a una diminuzione dei livelli di colesterolo intervenendo sul suo assorbimento a livello intestinale.

Courtesy Photo

Pistacchi arrostiti in sacchetto con zip leggermente salati (17 euro per 700gr su Amazon.it)

CAPITOLO 2 Frutta secca, benefici e controindicazioni – La frutta secca contiene i minerali che aiutano a ridurre problemi cardiovascolari. No, non sono solo rimedi della nonna perché le mandorle ricce di calcio aiutato le ossa deboli, idem per i pinoli, sottovalutati quasi sempre e invece utili per aumentare i livelli di zinco. Insomma amanti di sport estremi: sgranocchiate, sì.

CAPITOLO 3 I lati negativi della frutta secca. Brutto capitolo che trova nella dicitura di prima (grassi sani) la risposta: evitiamo di superare la mezza tazza al giorno di frutta secca. Per la serie: no non è un pasto. Nonostante sia frutta, contiene un alto livello di apporto calorico. Il peccato di gola più gestibile (ma non ditelo al compagno di scrivania?) votarsi ai pistacchi, che hanno meno calorie per grammo, purché siano privi di sale. In ultimo news stile “forse non tutti sanno che…” tra i principali alimenti che causano reazioni allergiche nelle persone, le noci occupano il 90%. Per la serie qb come non mai…

Courtesy Photo

Kit di frutta secca in sacchetto (7 x 200 grammi 23 euro su Amazon.it)

Pubblicità - Continua a leggere di seguito