Assaggiare il platano come in un reality show è la prossima spunta sulla food wishlist

Sembra una banana ma non lo è, e grazie ai programmi tv in location selvagge ha invaso i banchi della frutta: provare a cucinarlo è una sorpresa di gusto (e benessere).

image
Getty Images

A meno che non siamo intensi frequentatori di località esotiche, per ricordare il nostro primo incontro ravvicinato con il platano dobbiamo risalire agli albori dei reality show di sopravvivenza, quando qualche concorrente con più skill trovava una pianta di platano sull’isola in cui era confinato con gli altri concorrenti, e lo scambiavano per una banana. Invece, cibo per tutti. E che cibo. Da allora ci abbiamo preso confidenza e ora che il platano è un frutto delizioso che si sta diffondendo sempre più rapidamente anche in Italia, non è più così difficile trovare le chips di platano anche nel supermercato sotto casa. Ma molti ancora lo confondono con la banana, quando invece platano e banana non sono la stessa cosa.

Banana e platano, differenze. Intanto, il platano è solitamente più grande, più lungo e più pesante della banana, e meno curvo. Anche la compattezza è diversa: la banana delle Isole Canarie tende ad essere più soda e anche più succosa, dal momento che ha una più alto percentuale di acqua rispetto al platano, che è più secco. E un terzo indizio: l'aroma. Basta portare entrambi i frutti al naso per trovare sfumature. L'odore del platano è più intenso, a causa di alcuni componenti che sono più abbondanti rispetto alla banana. E ora andiamo alla voce platano, valori nutrizionali. Per ogni 100 grammi di frutto, 32 sono carboidrati e 15 zucchero. Il platano è povero di grassi (0,4 grammi) e assolutamente privo di colesterolo. Il platano di calorie ne ha 122 (sempre per 100 grammi).

Getty Images

Platano, benefici. Il platano fa bene, ma a cosa? Migliora e regola la frequenza cardiaca: il platano fornisce all’organismo molto potassio per cui aiuta il cuore a mantenere una frequenza cardiaca e la pressione sanguigna regolare. Aiuta a combatte la gastrite e altri problemi allo stomaco perché è ricco di amidi, ottimi protettori della mucosa gastrica. Per cui è adatto a chi soffre di bruciore di stomaco. Tuttavia, questo beneficio si annulla quando mangiamo il platano fritto, che è buonissimo, ma più pesante. Allora, questo platano come cucinarlo per mantenerne i benefici? Semplice: è ottimo bollito e condito con un po’ di sale e olio d'oliva, come una patata. Altri benefici del platano: combatte le malattie intestinali. Sempre per il suo contenuto di amidi, è molto benefico per i batteri buoni che aiutano la funzione del colon, poiché fornisce un effetto regolatore e prebiotico. Il consumo di platano aiuta quindi a rigenerare la flora intestinale, ed ecco perché è utile quando si incorre i problemi intestinali in vacanza. Il platano migliora anche le difese immunitarie. Proprio come l'aglio, i platani sono magnifici portatori di vitamina B6, necessario per il corretto funzionamento del sistema immunitario, specialmente nelle persone anziane. Il platano è anche un buon regolatore dell'ipertensione grazie al potassio. Inoltre, aiuta nel processo di contrazione dei muscoli, che è molto importante per il cuore.

Il platano aiuta a ridurre il colesterolo. Oltre ai carboidrati contiene anche tantissime proteine, il che lo rende un'opzione eccellente per ridurre i livelli di colesterolo alto. Gli amidi contenuti nei platani verdi forniscono una sensazione di prolungata sazietà dopo averli mangiati, e questo è ottimo, per un alimento che non contiene alcun tipo di grassi. Per cui, se si sta cercando di perdere peso, si può includere il platano in quantità moderate, accordandosi con il nutrizionista per aggiungerlo appropriatamente alla quota di carboidrati.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food