Il premio Nobel per la Pace 2020 non è andato ad una persona

Il massimo riconoscimento mondiale per la pace è andato ad un'organizzazione che cerca di abbattere una delle peggiori ingiustizie del globo.

food
Getty Images

Non un singolo, non un team di studiosi, ma un'organizzazione globale con una missione precisa. Il Nobel per la Pace 2020 vinto dal World Food Programme è una dichiarazione di intenti sociali e politici da parte dell'Accademia, che nell'anno della pandemia ha voluto elogiare il lavoro estenuante di chi cerca di proteggere gli ultimi della terra. "La necessità di solidarietà internazionale e cooperazione multilaterale è più cospicua che mai" si legge nel comunicato ufficiale del Norwegian Nobel Committee, il comitato distaccato che assegna il Nobel per la Pace. Le motivazioni sono state lungamente esplicitate: "Per il suo impegno nel combattere la fame, il suo contributo a migliorare le condizioni di pace nelle aree di conflitto, e per il suo sforzo nell'impedire lo sfruttamento della fame come arma di guerra".

L'operato del World Food Programme (WFP) si è distinto soprattutto nei paesi dove sono in corso conflitti armati da diverso tempo, acuiti dall'emergenza sanitaria globale. Paesi come Yemen, Repubblica Democratica del Congo, Nigeria, Sud Sudan e Burkina Faso hanno dovuto affrontare nello stesso momento storico guerra e pandemia, registrando un aumento drammatico nel numero di persone che vivono sull'orlo della fame più misera. "Il legame tra fame e conflitto armato è un circolo vizioso: la guerra e il conflitto possono causare insicurezza alimentare e fame, così come la fame e l'insicurezza alimentare possono provocare il divampare di conflitti latenti e innescare l'uso della violenza" si legge ancora nel comunicato ufficiale di assegnazione del Nobel per la Pace 2020. Il WFP ha dovuto intensificare gli sforzi in un'epoca in cui le priorità sembravano essere diventate altre, assistendo nel 2019 oltre 100 milioni di persone in 88 paesi del mondo. La sicurezza di poter mangiare ogni giorno è un viatico di pace, migliora le stabilità governative di un paese. L'ONU sin dal 2015 ha stabilito i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile, tra cui l'eradicazione della fame nel mondo, proprio attraverso i progetti portati avanti dal WFP.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food