Come apparecchiare la tavola da matrimonio

Tovaglie ricamate, ordine delle posate, etichetta per i parenti (e amici): 5 how to per non sbagliare il giorno delle nozze.

Come apparecchiare la tavola per il matrimonio perfetto? Ci si affida al bon ton e alle regole dell'etichetta (evergreen). Ovvero mai incrociare suoceri e tenere sempre al fianco degli sposi i testimoni. Questo e molto altro per realizzare le tableau matrimoniale ideale. Il tovagliato, quale strano "mistero", è meglio che sia semplice e rigoroso nella posizione delle posate e nella successione dei bicchieri da vino. Ma i piccoli accorgimenti di cui fare tesoro prima di far apparecchiare la tavola del matrimonio sono diversi. Eccovi un vademecum tanto per i neo sposi quanto per gli invitati che non vogliono incappare in gaffes con il coltello per il pesce… Cinque passaggi e how to per la tavola del matrimonio.

Come assegnare i posti al tavolo degli sposi. Mai dividere i neo sposi: in un tavolo ovale la coppia è al centro con vista sulla sala, al fianco dello sposo e della sposa rispettivamente un testimone. Davanti allo sposo troveremo la madre dello sposo mentre davanti alla sposa eccovi il padre della sposa. Un'altra variante prevede che la coppia abbia al suo fianco rispettivamente: sposa e padre della sposa, sposo e madre dello sposo con davanti i due testimoni. Rimangono quattro posti liberi: da assegnare al padre/madre degli sposi e a due ulteriori testimoni non ufficiali.

Come assegnare i posti al tavolo degli invitati. Secondo l'etichetta bon ton un tavolo tondo prevede che gli ospiti siano seduti in un numero di otto e, a differenza del tavolo rettangolare non solo da cerimonia, non sono previste delle assegnazioni di anzianità e ruolo. Quindi l'agognato accostamento di ospiti sta alla scelta della coppia (nel suddividere parenti, amici, colleghi, single o accompagnati).

Errori da non commettere nell'apparecchiare i tavoli degli invitati. Rigoroso: un solo centro tavola e per otto persone solo due candele e due burriere collocate a verticalmente e orizzontalmente lasciando libera la visuale - e il dialogo - tra i commensali.

Come disporre i coperti. Si può optare per una tavola apparecchiata con 4 o 3 bicchieri. In entrambi i casi la disposizione dei calici è in linea orizzontale con il bicchiere dell'acqua a partire da sinistra (eccetto se apparecchiato da 4 con il flute per primo da sinistra). Le forchette si pongono a sinistra in ordine delle portate (quindi la forchetta da pesce, per esempio sarà la più interna). Il piattino per il pane rimane a sinistra, quello per l'insalata (dalla forma differente) sarà portato e collocato a destra.

Che tovaglia scegliere per i tavoli. Per una cerimonia intima e di stampo estremamente raffinato porre sui tavoli tondi una tovaglia lunga che sfiori il pavimento sovrastata da una tovaglia più piccola con ricami che sfiorino le ginocchia dei commensali. Per un matrimonio con buffet optare per la tovaglia più cerimoniale ovvero una sovra tovaglia raccolta con drappeggi decorati con fiori. Per il tavolo degli sposi, dal taglio ovale-rettangolare, se si tratta di una cerimonia sontuosa è vivamente consigliato apporre un runner o sopratovaglia estremamente raffinato a corredo della più lunga e classica tovaglia bianca che sfiora il pavimento.

foto tratte dal libro Le guide du Savoir Vivre di Florence Le Bras (Marabout edizioni).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Matrimonio

Come organizzare la tavola perfetta per il matrimonio perfetto

courtesy photo

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il tavolo degli sposi

La collocazione classica del tavolo degli sposi. 1. Il testimone dello sposo. 2. Lo sposo. 3. La sposa. 4. Il testimone della sposa. 5. Un secondo testimone o fratello/sorella. 6. La madre della sposa. 7. Il padre della sposa. 8. La madre dello sposo. 9. Il padre dello sposo. 10. Un fratello/sorella dello sposo.

courtesy photo

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il tavolo degli ospiti

un tavolo tondo prevede che gli ospiti siano seduti in un numero di otto e, a differenza del tavolo rettangolare non solo da cerimonia, non sono previste delle assegnazioni di anzianità e ruolo.

courtesy photo

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Come disporre i coperti

1. Le forchette da sinistra in ordine delle portate . 2. Calici orizzontali con il bicchiere dell'acqua a partire da sinistra (eccetto se apparecchiato da 4 con il flute per primo da sinistra). 3. I coltelli a destra in ordine delle portate . 4. Il tovagliolo al centro del piatto piegato verticalmente. 5. Nella disposizione da tre il bicchiere dell'acqua a sinistra e poi vino rosso e vino bianco. 6. Il piattino da pane. 7. Il piatto da insalata. 8. La forchetta di portata. 9. Il coltello da portata. 10. Il tovagliolo posto a triangolo.

courtesy photo

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food