«Stalkerizzavo la ex del mio fidanzato. E quando l’ho incontrata…»

Siamo portati a essere gelosi di donne che vengono prima e dopo di noi. Diamo loro dei poteri speciali. E se invece: non fosse così?

Mouth, Hairstyle, Eyebrow, Jaw, Amber, Iris, Neck, Long hair, Jewellery, Chest,
Getty

La sua nuova ragazza è più bella di me. Quando il tuo ex si fidanza mentre tu ti fidanzi con Facebook, linkedIn, Instagram. Si parte dai social: ma senza lasciare traccia (alias cuori / like). Poi si arriva a dragare il passato in cerca di relitti impugnabili. Si sa tutto di lei: cosa mangia al mattino (quel post in quel bar con quella tazza), cosa regala a lui (e quanto ne va fiera), dove è andata in vacanza (e quanto è rimasta sulla tavola da surf mentre lui la riprendeva in quel dannato Boomerang). Sapere tutto sulla nuova ragazza del proprio ex fidanzato è una missione. Lo sa bene Nora McInerny Purmort, autrice di un best seller Crying is cool, too, che spiega perché siamo ossessionate dalle ex quanto dalle nuove ragazze dei nostri fidanzati. Il libro è una raccolta di racconti parecchio tristi, ridicoli e attuali sulla fine delle relazioni. La storia che sta facendo il giro del mondo, poi, è una delle più comuni e meno confessate. Perché stalkerizziamo la fidanzata del nostro ex (più o meno delicatamente)? Anche quando sappiamo che la questione ci farà ancor più soffrire? Cosa si nasconde dietro alla gelosia che dovrebbe essere caduta in prescrizione da un pezzo?

Getty

«Non direi che fossi ossessionata da Karen» racconta in prima persona Nora in uno dei suoi racconti «non ci eravamo mai incontrate ma sapevo di odiarla. Sapevo il nome di suo fratello, di che colore aveva gli occhi, dove si è laureata. La odiavo anche se aveva incontrato Jacob, il mio ex, molti mesi dopo che io e lui ci eravamo lasciati. Quando gli ho detto che non c’erano problemi sul fatto che frequentasse un’altra non avevo considerato il fatto che Karen avesse capelli più biondo-naturali dei miei, un corpo notevole, e soprattutto, che lo rendesse così dannatamente felice». Nora finge che vada tutto bene. Poi inizia la routine per la quale qualunque ragazza scaricata ama e odia (in questo ordine) Mark Zuckerberg. Cercare, ispezionare, triangolare amicizie, tagging, geolocalizzazioni su Facebook. E dare inizio allo stalking onlinedella nuova fidanzata. «In breve tempo mi sono trovata a passare serate a metà strada tra una puntata di The Wire e di Law & Order. Cercavo prove, setacciavo i social, volevo capire chi fosse Karen, cosa ci trovasse Jacob in lei. Ma peggio di tutto: cosa facesse di lei una ragazza così interessante. Anche per me. Un giorno ho incontrato Jacob in un bar di Brooklyn. Ho dovuto fingere di non sapere che stesse frequentando una nuova ragazza. Anche se di lei sapevo che: i genitori erano divorziati, aveva i miei stessi stivali Hunter, era stata in un collegio privato etc…».

Getty

Passa il tempo: e la finta tranquillità di Nora convince Jacob a invitarla a un brunch di coppia. L’invito arrivava direttamente da Karen: tanto Nora era la ex che non aveva problemi, giusto? «Quando ho visto Karen per la prima volta, dal vivo intendo, mi ha regalato un sorriso gigante. Io ero in hangover pesante dalla sera prima e non ero neppure tornata a casa per farmi una doccia: Karen era naturalmente bellissima, cool nel suo essere acqua & sapone. Io che pensavo di sentir salire la nausea da sbronza, invece, ho sentito le farfalle nello stomaco. Abbiamo iniziato a parlare, con un tono della voce sempre più alto. Molto più alto del resto delle persone che avevamo intorno. Wow. Karen era meravigliosa. Siamo tutti portati a essere gelosi di donne che vengono prima e dopo di noi. Diamo loro dei poteri speciali e inventiamo una mitologia pur di sostenere che abbiano quei ruoli». La storia di Nora fugge dai social e diventa bellissima quanto sorprendente. Infatti: anni dopo Karen e Nora sono due donne che si vogliono un grande bene, fatto di stima, supporto, vita comune. Jacob ha lasciato Karen, Nora da quel brunch non ha più lasciato Karen per la vita. Vita fatta non più di hangover ma di chemioterapie, crisi matrimoniali (con altri partner) nuove responsabilità. «Devo ringraziare la mia gelosia per tutto questo: ho iniziato questa avventura con Karen convinta di voler conoscere un nemico. E, invece, ho trovato una delle migliori amiche di sempre».

courtesy photo Getty Images


This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Coolmix