Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Come capire se gli piaci (o banalmente: breviario di psicologia maschile)

Potremmo domandarcelo a vita: oppure affidarci a un riassunto di psicologia maschile (da centellinare).

Getty

Ci hanno abituate a vederli forti come rocce, a volte troppo orsi, poco inclini alle dolcezze e tutti d’un pezzo; siamo convinte che siano diversi da noi e spesso ci lasciamo andare a quelle considerazioni che suonano particolarmente consolatorie, tipo “Sono proprio dei maschi”. Ma non lo crediamo veramente: sappiamo che la psicologia maschile è complessa tanto quella femminile e che gli stereotipi funzionano soltanto quando non si sa che dire.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Giochiamo ad armi pari, gli uomini e le donne sono uguali: più di quanto si pensi normalmente. Siamo persone e in fondo vogliamo le stesse cose: essere amati, essere accettati, sentirci apprezzati per quello che siamo e per quello che facciamo (anche a letto). Questi punti sono unisex e dovremmo mettercelo finalmente in testa.

Gli uomini hanno cuore, sentimenti ed emozioni come le donne e l’unica distanza percepibile è quella data dall’educazione (obsoleta) che ha sempre spinto in direzioni opposte: per le donne è normale esternare ciò che si sente, gli uomini vengono invitati sin da piccoli a non farlo. Fortunatamente nel corso degli anni questa distanza si è ridotta ed è sempre più facile incontrare uomini che non si fanno problemi a mostrare ciò che provano. Il lavoro si fa in due, come sempre: deve cambiare anche la mente femminile, incline anch’essa a trincerarsi dietro lo stereotipo.

Getty
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Secondo la psicologa Jill Weber esistono cinque chiavi per comprendere la psicologia maschile che le donne non dovrebbero dimenticarsi mai.

1. Un uomo vuole davvero piacerti per quello che è, non per quello che può fare per te

A volte dovremmo dimenticarci che non abbiamo a fianco solo un idraulico (o muratore, carpentiere, uomo di fatica a seconda delle necessità), ma una persona che può avere i suoi momenti di down e non essere sempre al top della forma o delle possibilità. Superman esiste solo nei fumetti e anche lui non è che fosse sempre perfetto.

2. Se non ti piaci, come pretendi di piacere a lui?

Atteggiamento out ma sempre in agguato. Così rischi di mettere in difficoltà la sua fiducia, perché ti vedrà sempre alla ricerca della prossima conferma e si farà strada l’incertezza della vostra relazione. Non solo, tenderai a proiettare addosso a lui la negatività che senti verso te stessa, diventando ipercritica e inaffrontabile. L’autostima e la considerazione di sé sono SEMPRE il primo passo per il successo di una relazione duratura: prima ti senti realizzata, meglio vivi con lui.

3. Credi nella sua capacità di comunicare

Se continui a sottoscrivere gli stereotipi sugli uomini (“Beh, è maschio, che pretendi”), significa che non credi veramente nella possibilità che lui possa lasciarsi andare con te e rischi di troncare la sua espressività sul nascere. Non capire cosa ti sta dicendo dovrebbe spingerti a voler approfondire le sue sensazioni, non a demotivarlo per questo (questo significa essere un bel po' str*nza, fattelo dire).

Getty

4. Sii spontanea e non controllare tutto
Non ammorbarlo in continuazione con la mania di controllo e viviti con leggerezza i momenti che la vita vi mette davanti: a volte godere semplicemente della rispettiva compagnia, parlando tranquillamente di piccoli sogni poi dormendo insieme, è la migliore boccata d’aria pura per comprendersi totalmente.

5. Concedigli le lacrime
Boys do cry eccome, le lacrime le hanno e non solo da bambini: il pianto è liberatorio anche per loro nei momenti difficili della vita. Non devi giudicarlo per questo: un uomo che piange è al massimo della vulnerabilità ed è davvero a nudo di fronte a te. Comprensione, appoggio ed empatia sono le uniche cose che devi offrirgli.

photo GettyImages.com

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Coolmix