Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Perché non mettere mai l’anello di fidanzamento a un colloquio

Se lui porta il Rolex significa che vale oro. Se lei porta il diamante il colloquio finisce su-bi-to.

Colloquio di lavoro
Courtesy Photo

A settembre chi ha intenzione di cambiare vita archivi quella emotiva. Almeno temporaneamente, giusto il tempo di un colloquio di lavoro. Sicure di presentarvi in tailleur (grandi ritorno dopo anni di let’s friday con tuta & sneakers), fiere di aver capito cosa fare nella vita non dimenticate di togliervi l’anello di fidanzamento. Sì quel brillante che sulla pelle abbronzata spicca come non mai. Troppo pensa Bruce Hurwitz, professione: assumere persone. Secondo Jezebel il suggerimento di Hurwitz è il nuovo sessismo dal mondo del lavoro. Dopo le madri che meglio non dirlo tocca alle future spose evitare di sbandierare carati davanti al futuro posto di lavoro. La storia nasce da un post su LinkedIn in cui Hurwitz racconta di un colloquio con una donna che indossava un enorme anello di fidanzamento. Com’è andata? Non bene.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

«Quando un uomo vede quel tipo di anello si rende conto che ha di fronte una donna con un alto tenore di vita e che necessita un notevole mantenimento. E quando la donna appena assunta arriverà in ufficio la collega che prima di lei ne aveva uno abbastanza grande si sentirà messa in secondo piano». La donna in questione quindi è rimasta con un grande anello ma senza un lavoro? No, Jezebel riporta che la protagonista del colloquio di lavoro ha trovato un’altra scrivania previo un altro colloquio. Ma questa volta il diamante non si è presentato all’appuntamento.

Courtesy Photo
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Giustamente la giornalista di Jazebel, Megan Reynolds che non a caso ha pubblicato l’articolo nella categoria Sexism, ha riassunto anche l’infinità di commenti per nulla positivi al post di Bruce Hurwitz: tanto che questi ha poi ammesso che «sì, anche gli uomini dovrebbero evitare di indossare con un Rolex (magari da collezione come un Paul Newman) al colloquio di lavoro. Del resto se qualcuno si presenta con al polso un orologio da 50 mila euro significa che è lui a essere troppo costoso per venire assunto». Questo è il dettaglio che ha fatto (s)trillare Megan circa il sessismo: una donna con un diamante da fidanzamento è considerato “ad alto mantenimento”, un uomo con un Rolex al polso è considerato “uno che costa troppo da assumere”.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Coolmix