Una Navicella sospesa atterra a Roma, ma niente alieni solo arte e design

Si inaugura il 24 maggio con la mostra Materiale immateriale il nuovo progetto architettonico dello studio Spazi Multipli che trasforma la sede della società Enterprise in un'astronave spaziale.

navicella-sospesa-spazi-multpli
Courtesy Photo

Un'astronave sta per atterrare a Roma, proprio nel cuore dell'Eur. Ma non si tratta di un'invasione aliena, è la nuovissima Navicella sospesa griffata da Spazi Multipli, proprio a una manciata di passi dalla basilica dei Santi Pietro e Paolo.

Navicella sospesa
Courtesy Photo

Lo studio di architettura e design romano nato nel 2000 ha creato questa struttura avveniristica di 250 metri quadrati su due livelli nel quartiere razionalista della capitale per la società Enterprise (sì, proprio lo stesso nome della nave spaziale di Star Trek), realtà specializzata nella progettazione di software per banche.

Gli interni
Courtesy Photo

«Volevamo uno spazio che fosse al tempo stesso di impronta razionalista per la pulizia delle forme, in modo che dialogasse con l'architettura dell'Eur, e in stile contemporaneo, dato dall'utilizzo di legno, metallo e vetro», spiegano quasi in coro gli architetti Valentina Pandolfi, Cristina Paris e Antonio Pizzola.

Sullo sfondo la cupola della basilica dei Santi Pietro e Paolo
Courtesy Photo

Save the date: il 24 maggio, giorno in cui la Navicella sospesa sarà inaugurata con la mostra Materiale immateriale che mette in scena una serie di opere d'arte che interpretano lo spazio architettonico giocando sul dualismo tangibile-intangibile, che è poi la pratica quotidiana di Enterprise, attiva nell'ambito dei data e dei flussi finanziari.

I see / I see #6 di Federica Di Carlo
Courtesy Photo

Fra gli artisti coinvolti in questo progetto dove ciò che non si vede si fonda al ciò che più concreto non può essere ci sono Davide Dormino, Federica Di Carlo, Diego Miguel Mirabella, Elvio Chiricozzi, Francesco Bocchini, Josè Angelino, Delphine Valli, Maria Angeles Vila Tortosa, Guendalina Salini, Izumi Chiaraluce e Antonello Viola.

«I lavori in mostra - racconta la curatrice Melania Rossi - interpretano il traffico di dati sensibili ma invisibili che si trasforma in movimenti e accadimenti concreti e tangibili».

L’esterno della Navicella
Courtesy Photo

Fra le opere da non perdere, Immaterialis di María Ángeles Vila Tortosa in cui l'artista spagnola gioca con i colori, i marmi e la generale atmosfera romana. E Isola di Vulcano del 2018 di Antonello Viola che mixa materia e fluidità, prima sovrapponendo velature di colori e poi le raschiandole via. Ed è proprio così che trasforma l’invisibile in visibile.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Coolmix