Le persone false sono un male quotidiano i cui sintomi sono già la cura

Sono ovunque e cercano di trarre da noi solo dei vantaggi: manuale pratico di gestione dei finti amici che come dice il saggio, meglio perderli che trovarli.

image
Unsplash.com

Fidarsi è bene, non fidarsi è una di quelle misure che non sai mai come applicare. Perché è così difficile capire se sei circondata da persone false o se sei solo un filo paranoica. Intanto, le persone false girano libere per il mondo con i loro sorrisini mielosi e conquistano spazi importanti a colpi di scorrettezze. Oppure, semplicemente, gestiscono il loro rapporto con noi decurtandolo della quota di sincerità che rendere la loro la vita molto più semplice, e a noi più complicata. Ma siamo costretti davvero a subirle per buona creanza? O la vita è troppo breve per sprecarla in compagnia di persone che non sono sincere con noi? Perché in fondo, si tratta solo di persone che fingono di prendersi cura di noi ma in realtà stanno traendo vantaggi dalla nostra vicinanza. Ma come si fa a capire quando una persona finge sempre? Qualcuno sa come affrontare le persone false? O meglio ancora: sa come allontanare le persone false? Proviamoci con un prontuario di legittima difesa.

Come comportarsi con le persone false? Facci caso: quel carissimo amico si fa vivo solo e soltanto quando ha bisogno di qualcosa. “Ciaoooo! Come stai ma che fine hai fatto!” (ero impegnato a telefonare a te che non rispondevi). “Come è andata a finire quella faccenda? Non dirmelo, scommetto bene perché fai sempre tuuuutto bene” (soprattutto le cose che vuoi che faccia per te…). “Stavo pensando: questo pomeriggio io e gli altri vorremmo andare al lago, vuoi venire con noi?” (ah che carino, forse ho giudicato male…). “Allora è fatta, si va? Senti, siccome la mia auto è a riparare e quella di Maria ha la batteria giù, ti va di prendere la tua? Puoi passare a prenderci tutti?”. E come volevasi dimostrare, c’era sotto la fregatura. Ma noi non siamo schiavetti on demand. Per cui, anche se la voglia di fare una gita al lago è tanta, meglio rinunciare, se le condizioni sono queste. Altrimenti, quella persona continuerà a chiamare sempre e solo all’ultimo momento, quando non può farne a meno. Senza contare che, quando servirà aiuto a te, questa persona avrà sempre da fare qualcosa di vitale che glielo impedisce (“però tengo le dita incrociate per te, sei una grande, vedrai che ce la farai!”). Grazie.

Come difendersi dalle persone false? Non abboccando alle loro panzane, intanto. Hai presente quella grande amica/o che appena ti incontra spara “ma dai, non ci vediamo mai! Usciamo una di queste sere dai! Com’è il tuo numero, che ho cambiato il cell e non ho salvato la rubrica?”. Le ridai il numero e ci provi, le butti lì: “perché non fissiamo già un aperitivo per venerdì sera?”, ma niente ti dice che deve guardare l’agenda (ma chi ha ancora l’agenda?) e che ti chiama lei/lui in settimana e addio. E ti accorgi che il suo numero manco te l’ha dato. Poi il numero lo rimedi, la/lo chiami appena rispondi chiede “chi parla?” (ma non aveva messo il numero in memoria?) e quando le dici chi sei “ma ciaoooo! Come stai? Che fine avevi fatto?” (ancora…?). Nessun cenno al progetto di uscire insieme e poi ti chiede come sta il tuo gatto/mamma/capufficio bastardo e cominci a raccontarle qualcosa, e lei/lui intercala con “mmh mmh”. E poi senti un rumore strano di acqua che scorre come se stesse sciacquando i piatti (sperando non altro) e a un certo punto fai una domanda e risponde con “mmh mmh”, se addirittura non senti parlare con la voce soffocata con la commessa che le sta dando il resto, mentre tiene la mano sul microfono. Ma mi stai ascoltando?


Come riconoscere le persone false? Osservandole bene. Le persone false sembrano umorali. Sono sempre carine e gentili e poi ogni tanto hanno uno scatto di aggressività che ti lascia basito. Questo succede perché mantenere un comportamento non spontaneo, fingere sempre, equivale a vivere su un palcoscenico. Questo comporta una gran tensione che, come un elastico, ogni tanto si spezza. Osserviamo pure come queste persone rivolgano tutta la loro attenzione nella stanza solo alle persone che contano di più o gli interessano di più. Se hai quell’amica direttrice di un negozio dove vorrebbero lavorare (o comprare qualcosa con lo sconto), stai sicura che dopo che gliel’avrai presentata a una cena parlerà quasi solo con lei, ignorandoti.

Come trattare le persone false? Non assecondando la loro trama. Non c’è bisogno di odiarle, semplicemente, quando mettono in atto uno dei loro odiosi rituali, bisogna evitare di dar loro spazio. Una delle caratteristiche delle persone false è quella di parlar male degli altri alle spalle e di farlo in modo da far sentire speciale te che ascolti, e che finisci per darle ragione, lusingata. Non abbocchiamo mai. Quelle parole di conferma che potrebbero uscirci dalla bocca potrebbero essere usate poi contro di noi. Non bisogna neanche perdere tempo a gestire le persone false perché portano via tempo che possiamo investire in cose più grandi e migliori. Il modo migliore per trattare le persone false è semplicemente tenerle fuori dalla vita. Può risultare difficile se si tratta di un collega di lavoro, con il quale è necessario prestarti attenzione a non dargli corda quando cercano la luce dei riflettori. E se qualcuno degli amici comuni ti chiede perché non vuoi frequentare quella persona, bisogna essere sinceri e confessare tutto, che il suo modo di fare ti fa sospettare che sia una persona falsa, e che preferisci frequentare persone che ti convincono di più. Sul serio, la vita è breve, perché sprecarla?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Coolmix