iPhone 11 e gli altri: ecco tutte le novità Apple

Booooo

image
Getty Images

Come vi abbiamo preannunciato Apple ha tolto il velo ai nuovi iPhone e, come sempre, ha fatto seguire la presentazione dei nuovi smartphone a quella degli altri device del suo catalogo e di tutto un corollario di servizi.

Innanzitutto un dato: era dal 2013 che il fatturato derivante dai melafonini non si assestava al di sotto della metà del totale, peraltro in discesa, rispetto allo scorso anno del 12 per cento. A pesare sulle cifre è il contesto generale delle vendite di smartphone, sempre più prossimo alla saturazione e quindi al ristagno, oltre che segnato dalla concorrenza dei rivali vecchi e nuovi.

Del cambio di nome abbiamo già detto: via le etichette XR, XS e XS Max che lasciano il posto, rispettivamente, a 11, 11 Pro e 11 Pro Max.

Il primo del gruppo, il più economico, costerà in Italia poco più di 800 euro ed è stato rinnovato in maniera infinitesimale nel design (disponibile in sei colori) ma in modo sostanziale sotto diversi aspetti, tra cui la potenza di calcolo, grazie al nuovo microprocessore, l'autonomia e l'audio, che ora è compatibile con il sistema Dolby Atmos.

Grandi cambiamenti anche al reparto fotografico, grazie alla presenza dello zoom ottico e una serie di opzioni software per rendere migliore la resa delle immagini. Sul fronte dei video spiccano, invece, il supporto al 4K e uno stabilizzatore più efficace.

La fotocamera (in tutti i modelli è a 12 megapixel) sarà invece il principale elemento di forza degli altri due modelli più raffinati, che vantano ben tre obiettivi: tele, grandangolo e ultragrandangolo.

Tutto nuovo anche l'iPad che, nella versione base guadagna un po' di dimensioni del display (da 9,7 a 10,2 pollici), mentre l'Apple Watch arriva alla sua quinta generazione e sarà disponibile anche in titanio e ceramica.

E infine i servizi, a partire da Arcade, il servizio di abbonamento mensile che permette di scaricare e installare centinaia di videogiochi alla Apple TV+, la piattaforma di streaming Tv che farà concorrenza a Netflix ed è attesa per il primo novembre in oltre cento Paesi, Italia compresa.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Coolmix