Milano resta a casa

Da piazza del Duomo a piazza della Scala fino a Brera: i luoghi simbolo della metropoli sono deserti. Un video con immagini esclusive racconta la città dopo il decreto emanato per il contenimento del Coronavirus.

Da piazza del Duomo fino alla Galleria Vittorio Emanuele II, dal teatro alla Scala fino a piazza San Fedele. E poi corso Vittorio Emanuele II, le vie dello shopping, degli incontri, del lavoro.

Il silenzio è forte, la città è praticamente deserta. Pare un agosto invernale.

Quei pochi che ci sono e non sono a casa, come indicato dall'ultimo decreto governativo "Io resto a casa" per il contenimento del Coronavirus, camminano veloci schivandosi l’un con l’altro, molti indossano anche la mascherina. Qualcuno si concede ancora una chiacchiera calcolando almeno 1,50 metri di distanza, una distanza di “responsabilità”.

I bar del centro, del quartiere Brera, di corso Como e della zona Garibaldi – le zone della movida milanese - sono quasi tutti chiusi. Praticamente nessuno è seduto ai tavolini.

Nei parchi qualche bambino isolato e i pochi che non rinunciano allo sport tenendo le dovute distanze indicate dalle norme contro il Coronavirus.

Qui le immagini in un video girato in queste ultime ore, da quando la città è diventata "zona protetta" per il contenimento del Covid 19.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Coronavirus 2020