Regali di Natale, 50 idee solidali che vi risolvono la situazione

Piccoli pensieri o regali deluxe, la nostra gift guide natalizia che sostiene progetti al femminile, ricerca scientifica, bambini e anche l'ambiente. Mai pensato di regalare un Baobab?

christmas gift
Getty Images

Piccoli pensieri per amici e colleghi o regali deluxe in edizione limitata, come opere d'arte o vino da collezionisti. Oppure accessori e moda etica che promuovono l'indipendenza economica delle donne. Abbiamo steso una guida natalizia con oggetti ed esperienze che sostengono onlus, associazioni benefiche, progetti al femminile, la ricerca scientifica, i bambini ma anche l'ambiente e gli animali da proteggere. Scegliete la vostra causa con le nostre 50 idee per regali di Natale davvero buoni.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
1 OVS per Save The Children Italia
Courtesy photo

Il maglione perfetto per il Christmas Jumper Day (13 dicembre) o per far sorridere tutta la famiglia al pranzo di Natale: si trova negli store OVS e online dal 4 dicembre e andrà a sostenere i progetti di Save The Children Italia, l’organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare i bambini in difficoltà e garantire loro un futuro. Disponibile in versione uomo, donna e bambino.

2 Louis Vuitton per (RED)
Courtesy photo

La candela profumata di Louis Vuitton con il design di Marc Newson sostiene l'organizzazione no profit (RED) e la lotta contro l'Aids. Costa 175 euro e per ogni vendita saranno devoluti 60 dollari.

3 Il calendario d'autore di Survival Italia
Mattia Passarini/Survival

Survival lotta a fianco dei popoli indigeni dal 1969 e da sempre collabora con loro per amplificarne le voci e difendere i loro diritti, dal Brasile all'India, ovunque ci sia bisogno. Il calendario 2020 contiene foto di grandi autori che ritraggono la bellezza e la diversità dei popoli indigeni del mondo: costa 14 euro; catalogo.survival.it.

4 Le Groletterie buone e solidali
Courtesy photo

La cooperativa Panta Rei, con sede vicino Verona, crea posti di lavoro per persone in situazioni di fragilità. Si dedicano con passione a confezionare "Groletterie", ovvero marmellate, conserve, sottaceti e passate in cesti natalizi che si possono ordinare comodamente a distanza (cooperativapantarei.it/form-groletterie; tel. 045 6717635). È un progetto sostenuto dalla Fondazione San Zeno (fondazionesanzeno.org).

5 Vhernier per Progetto Itaca onlus
Courtesy photo

Il bracciale Calla sostiene Progetto Itaca, la onlus che promuove programmi di informazione, prevenzione, supporto e riabilitazione rivolti a persone affette da disturbi della salute mentale e alle loro famiglie. In oro rosa con turchese, lapis e kogolong ricostruito, i bracciali costano 600 euro l'uno, di cui 200 euro sono devoluti alla onlus.

6 I regali di Emergency
Courtesy photo

Tornao gli Spazi Natale di Emergency in 15 città italiane, dei veri temporary shop con prodotti provenienti sia da aziende italiane che da Paesi come Indonesia, Marocco, Nepal, Sri Lanka. Si trovano molte idee regalo utili, tra agende e calendari, accessori e capi d’abbigliamento, libri e giocattoli, gadget e prodotti enogastronomici. Il ricavato sarà destinato agli ospedali Emergency in Afghanistan e Iraq. I prodotti si acquistano anche online: shop.emergency.it. Il nostro preferito è il kit portapranzo in fibra di bambù con tazza abbinata (14 euro).

7 I ricami etici di Sep Jordan
Courtesy photo

Un marchio di moda etica che produce accessori ricamati a mano dalle donne nel campo profughi di Jerash, in Giordania. Queste sono le ballerine, ma ci sono anche stole, giacche, borse, cappelli e accessori per la casa. Sep Jordan ha una boutique a Ginevra mentre vende online per l'Italia: sepjordan.com.

8 A sostegno di UNHCR - Agenzia Onu per i Rifugiati
Courtesy photo

L'Agenzia Onu per i Rifugiati ha lanciato il suo e-shop di regali solidali, dove vengono venduti oggetti a sostegno delle proprie attività umanitarie. Dai quaderni realizzati a mano da un gruppo di donne rifugiate dell'Arrupe Woman Center in Sud Africa (8 euro) alle t-shirt e alle shopper a tema, fino a cartoline e regali virtuali per donare cibo, acqua e istruzione (regalisolidali.unhcr.it).

9 Pupa per la tutela di delfini e balene
Courtesy photo

Whales è la nuova collezione di kit makeup di Pupa ispirata alle balene. Contengono ombretti, gloss, polveri viso e sono in plastica parzialmente riciclata. La linea celebra il sostegno di Pupa a favore della Whale and Dolphin Conservation, la principale associazione a livello globale che si dedica alla tutela e alla protezione di balene e delfini (i prezzi partono da 13,50 euro circa).

10 Le borse di The Circle Italia onlus
Courtesy photo

The Circle Bag è proposta in tre versioni (cipria, ferro, blu elettrico), sempre in tessuto Alcantara. Il ricavato è devoluto completamente per le attività della onlus fondata da Annie Lennox, che sostiene progetti al femminile in Italia e nel mondo. Si acquista al Circle Christmas Market: fino a domenica 22 dicembre a Milano in corso Magenta 10 tutti i giorni dalle 1 1.00 alle 19.00 (erogazione liberale da 45 euro; thecircleitalia.org).

11 Brosway per Gruppo San Donato Foundation
Courtesy photo

Il bracciale Très Jolie di Brosway è una edizione limitata che sostiene il Gruppo San Donato Foundation, impegnato nella cura, nella ricerca e soprattutto nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Sul bracciale è incisa la frase “Tieni d’occhio il tuo cuore”.

12 I regali colorati di Amref
Courtesy photo

Amref Health Africa promuove da 60 anni progetti di salute nelle aree più isolate dell'Africa ed è la più grande organizzazione sanitaria africana che opera nel continente. I bavaglini in stoffa wax costano 10 euro l'uno e si trovano nello store online Occasionidelcuore.amref.it insieme a decorazioni natalizie, tazze, shopper, T-shirt stampate e libri.

13 Marni per l'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma
Courtesy photo

Realizzata a mano in Colombia, questa speciale collezione di bicchieri, vasi e bottiglie in vetro soffiato, sostiene il progetto Future Brain del Progetto Heal onlus, dedicato ai bambini ricoverati nel reparto di oncologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Nello specifico Marni vuole promuovere assistenza psicologica permanente ai piccoli pazienti e ai loro genitori, mediante attività educative e ludiche nel reparto.

14 Arnaldo Pomodoro per l'Istituto Mario Negri
Francesco Dolfo

Uno dei centri di ricerche biomediche e farmacologiche più importanti d'Italia, l'Istituto Mario Negri raccoglie fondi anche grazie alle donazioni di artisti. Come il maestro Arnaldo Pomodoro, che ha messo a disposizione 200 esemplari del suo iconico Disco in bronzo girevole ma in versione "da tavolo" (dimensioni della base 2x9x9 cm). La donazione richiesta è di 3.500 euro ed è fiscalmente deducibile. Per informazioni: si può telefonare al numero 035 42131 o scrivere una mail a francesca.difronzo@marionegri.it

15 Chantecaille per gli animali africani
Courtesy photo

I Luminescent Eye Shades di Chantecaille sono sei ombretti perlati: su ognuno c'è la foto di un diverso animale africano che ha bisogno di protezione (elefante, ghepardo, rinoceronte, leone, giraffa, pangolino). Una parte del ricavato dalla vendita di ciascun ombretto verrà destinato a sei organizzazioni no profit africane per la conservazione della fauna selvatica (per esempio ai Lion Guardians o alla Giraffe Conservation Foundation). In Italia si acquistano su Saccani.com a 54 euro l'uno.

16 Le felpe dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano
Veronica Garavaglia123

Le felpe del Progetto Giovani dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano sono state disegnate dai ragazzi in cura sotto la guida della stilista Gentucca Bini. Il risultato è la collezione Youth con felpe colorate, con e senza cappuccio, in vendita dal 3 dicembre in un corner presso lo store Annex dentro La Rinascente di piazza Duomo a Milano. Il ricavato sarà destinato al Progetto Giovani della Pediatria Oncologica dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, supportato dall’Associazione Bianca Garavaglia Onlus, che dal 1987 si impegna a promuovere l’assistenza e l'avanzamento della ricerca nel campo dei tumori dell’età pediatrica.

17 Le delizie di Addiopizzo
Courtesy photo

Addiopizzo è una rete di associazioni, attivisti, agricoltori, commercianti e negozi che garantiscono prodotti liberi dalle mafie, come olio, vino, pasta, caffè, dolci e panettoni artigianali. Si possono acquistare online e sono disponibili cesti natalizi (da ordinare entro il 16 dicembre per essere sicuri di riceverli in tempo; addiopizzostore.com).

18 Acqua di Parma e Hotel Principe di Savoia per Dynamo Camp Onlus
Courtesy Acqua di Parma/Mattuzzi

Nella lobby dell'elegante Hotel Principe di Savoia a Milano sarà installato un albero di Natale griffato Acqua di Parma. Per l'occasione, in una zona dedicata sarà venduta la Holiday Season Collection con i decori dell'artista Gio Pastori a sostegno di Dynamo Camp. La onlus offre gratuitamente programmi di terapia ricreativa a bambini/e e ragazzi/e affetti da patologie gravi o croniche e garantisce sostegno e aiuto anche alle loro famiglie.

19 I panettoni di Admo - Associazione Donatori di Midollo Osseo
Courtesy photo

Tornano nelle piazze i "Panettoni per la Vita" di Admo da fine novembre (su Admo.it tutte le date e i luoghi). L'iniziativa di raccolta fondi ha permesso in questi anni di informare la popolazione sulla donazione aumentando sensibilmente il numero dei donatori italiani iscritti al registro. Un numero che non è ancora sufficiente, perché in caso di donatore non consanguineo la compatibilità con la persona malata in attesa di trapianto si verifica in 1 caso su 100mila.

20 DoDo regala un albero
Courtesy photo

Con il nuovo charm a forma di albero Dodo ha sviluppato la campagna A Tree for a Tree, organizzata con Treedom, la prima piattaforma online impegnata nella coltivazione di alberi geo-localizzati. Acquistando il ciondolo Albero si riceve un codice personale che consentirà di piantare e veder crescere a distanza un vero albero da frutto, contribuendo così alla creazione e alla crescita della Dodo Forest ad Haiti e al sostegno per lo sviluppo delle comunità di agricoltori locali. Il ciondolo in oro rosa costa 150 euro, quello con 12 zaffiri rosa costa 380 euro.

21 Le Pigotte di Unicef
Courtesy photo

Un classico regalo: le morbidissime bambole Pigotte che sostengono i progetti di Unicef. Non si comprano ma si "adottano", con una donazione di 20 euro; pigotta.it/adotta.

22 Gucci per Chime for Change
Gucci per Chime for Change

Chime for Change è la campagna globale lanciata da Gucci per incentivare la parità di genere e fornire risorse e servizi per la salute sessuale di donne e ragazze in tutto il mondo. Per essere efficaci collaborano con organizzazioni partner attive sul territorio. In Italia lavorano insieme a D.i.Re - Donne in Rete contro la violenza, la più grande rete di centri antiviolenza che opera nel nostro Paese. Questa è la T-shirt Gucci che sostiene Chime for Change.

23 I gioielli etici SeeMe
Courtesy photo

Sono prodotti in Tunisia da donne sopravvissute alla violenza o messe ai margini dalla società per diversi motivi: i gioielli di SeeMe sono in oro o argento e hanno come simbolo il cuore, che decora collane, orecchini e anelli. Per l'Italia si acquistano online.

24 L'impegno di Venissa per l'acqua alta a Venezia
Courtesy photo

Venissa è uno splendido albergo diffuso, con ristorante stellato, osteria e vigna a Burano. La tenuta è di proprietà della famiglia Bisol che ha deciso di raccogliere fondi per le famiglie colpite dall'eccezionale pioggia e acqua alta delle ultime settimane. Per questo hanno messo a disposizione dei collezionisti e degli appassionati di vino 6 magnum di vecchie annate del vino Venissa, che erano state tenute per la cantina di famiglia. Le bottiglie partono da un valore di 990 euro fino ai quasi 5000 euro. Il ricavato sarà totalmente devoluto in beneficenza (per informazioni si può contattare Venissa al numero +39 041 52 72 281 o via email info@venissa.it).

25 Potere alle donne: I was a sari
Courtesy photo

I bellissimi tessuti di vecchi sari indiani vengono riciclati per diventare nuovi abiti e accessori. È l'idea del brand I Was a Sari (ero un sari) che in India impiega donne di comunità svantaggiate o in situazioni di fragilità, insegna loro un mestiere e le spinge e diventare indipendenti economicamente. In Italia vendono attraverso la rete di Altromercato; iwasasari.com.

26 Regala un'esperienza con Charity Stars
Courtesy photo

Charity Stars è una piattaforma che aziende e onlus utilizzano per mettere in vendita prodotti o esperienze per raccogliere fondi per le loro iniziative benefiche. Ci sono aste con prezzi al rialzo oppure vendite a prezzo fisso e si trovano accessori moda, viaggi, vino, pezzi d'arte, incontri esclusivi con personaggi famosi. In più, tramite il servizio concierge si può richiedere, a pagamento, una esperienza a scelta. Charity Stars proverà a contattare il marchio o il personaggio in questione per sapere se sono disponibili a esaudire il vostro desiderio devolvendo il denaro offerto in beneficenza (charitystars.com).

27 I gioielli Sabbadini per la Breast Cancer Research Foundation
Courtesy photo

Una collezione con un tocco di rosa per sostenere la ricerca contro il cancro al seno: è l'idea della giovane Micol Sabbadini, seconda generazione della famiglia di gioiellieri milanesi. Un bracciale, una collana, un paio di orecchini (in foto) e una spilla in oro, con smalti, zaffiri e diamanti, in vendita da Sabbadini per la Breast Cancer Research Foundation (sarà donato il 30% del ricavato per ogni pezzo venduto).

28 La lista Amazon per la Fondazione Somaschi
Courtesy photo

Fondazione Somaschi si prende cura di 140 bambini e ragazzi in condizioni di disagio nelle sue strutture di Milano e Como, ma anche in Liguria, Piemonte e Sardegna. Per questo Natale hanno creato una lista di regali su Amazon alla quale chiunque può contribuire. Ci sono libri, giocattoli, materiale di cartoleria che esaudiscono i desideri degli ospiti delle varie strutture. Basta andare sul sito fondazionesomaschi.it e collegarsi al link della wish list nella sezione Natale 2019. Tutti i regali vanno fatti recapitare presso Fondazione Somaschi Onlus, Piazza XXV Aprile 2, 20121 Milano (per informazioni 02 62911975).

29 La moda etica di Progetto Quid
Courtesy photo

Progetto Quid è il brand di moda etica dell’impresa sociale Quid di Verona. Presso la cooperativa vengono impiegate persone che si trovano in condizioni di fragilità lavorativa, con particolare attenzione alle donne. Mentre per il confezionamento degli abiti sono utilizzate in prevalenza eccedenze tessili provenienti sia da tessuti italiani sia da noti brand della moda. I capi e gli accessori si posso acquistare negli store del marchio oppure online sul loro sito.

30 I Baobab del Madagascar di Treedom
Courtesy photo

Treedom è la prima piattaforma che pianta alberi in giro per il mondo e permette a chi lo "dona" di seguirne la crescita online con la geolocalizzazione. Si aiuta l'ambiente, certo, ma anche le comunità e i piccoli agricoltori. Natale è la stagione dei Baobab del Madagascar, alberi simbolo di longevità e forza. Costano 69,90 euro l'uno, ma i prezzi di altri alberi disponibili variano dai 15 ai 35 euro circa. Dalla sua fondazione, nel 2010 a Firenze, Treedom ha piantato più di 600.000 alberi in Africa, America Latina, Asia e Italia: Treedom. net

31 Profumi Tonatto per Vergnano Women in Coffee
Courtesy photo

Una boccetta anni 20 rivestita di rosa: la fragranza è opera di Diletta Tonatto e va a favore del progetto Women in Coffee ideato dal marchio torinese Caffè Vergnano. Si tratta di un progetto che raccoglie fondi per stimolare l'imprenditoria al femminile nelle piantagioni e torrefazioni di caffè in Repubblica Dominicana. Costa 55 euro.

32 L'economia circolare di Fondazione Cortina 2021
Courtesy Fondazione Cortina 2021/Giacomo Pompanin

Prodotte dai detenuti nel carcere di Venezia, i borsoni e gli zainetti di Fondazione Cortina 2021 utilizzano materiali di recupero (vecchi banner dei campionati di sci 2019) e sono venduti per sostenere la sartoria e i laboratori creativi all'interno del carcere. Dal 29 novembre al 9 dicembre sul sito Sportabilia.org saranno messi all'asta i pezzi in edizione limitata, più preziosi perché hanno i loghi dei vecchi campionati. Mentre sul sito Cortina2021.com sono in vendita nello store i borsoni della collezione "basic", senza loghi, sempre a favore delle attività del carcere.

33 I gioielli di Pangea onlus
Courtesy photo/Mirella Tassetto

Pangea onlus opera in Italia, Afghanistan, India e Colombia con progetti a favore di donne in difficoltà e dei loro figli. Il bracciale in cuoio Siamo tutti Pangea sostiene una rete che ha l’obiettivo di formare e aiutare le donne vittime di violenza a uscire dalla loro situazione e a mettere la propria esperienza a disposizione di altre donne. Donazione minima di 20 euro; pangeaonlus.org.

34 Borsa etiche by Carmina Campus
Courtesy photo

Il brand ideato e disegnato da Ilaria Venturini Fendi è un pioniere della moda etica in Italia. Per le loro borse sono utilizzati materiali di recupero (persino lattine o reti da giardino), tessuti vintage o tessuti fondi di magazzino.

35 Il biscotto per la Fondazione Lene Thun
Courtesy photo

Il marchio Thun è molto amato per le sue decorazioni natalizie e per il presepe. Nei negozi Thun che aderiscono all'iniziativa è possibile aggiungere 1 euro agli acquisti per ricevere il Biscotto del cuore: un cookie con gocce di cioccolato che sostiene la Fondazione Lene Thun. La fondazione organizza laboratori di arte-terapia e ceramica negli ospedali.

36 Kiehl's per Progetto Heal
Courtesy photo

La linea natalizia in edizione limitata con i disegni dell'artista Janine Rewell comprende creme, scrub, siero viso e il calendario dell'avvento (in foto, 79 euro, negli store e online). Parte dei proventi viene devoluta a Progetto Heal, onlus che opera nella ricerca scientifica in campo oncologico-pediatrico, per l'acquisto di un simulatore neurochirurgico presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

37 Aliita per i bambini in Venezuela
Courtesy photo

Aliita collabora ancora una volta con la fondazione Un Milagro de Amor, un'organizzazione no-profit che aiuta oltre cento bambini in condizioni di malnutrizione a Maracaibo, Venezuela. Tutto il ricavato della limited edition Dino (un bracciale e la collana) sarà donato alla fondazione.

38 Le donne di Ara Lumiere
Courtesy photo

Nato in India, Ara Lumiere è un progetto costituito da un collettivo di designer, istituito dalla ong Hothur Foundation sotto la guida della stilista Kulsum Shadab Wahab. Questo collettivo si compone di donne talentuose e forti, sopravvissute ad aggressioni con acidi. Realizzano a mano accessori per capelli i cui profitti sono al 100% destinati alla riabilitazione delle donne vittime di aggressioni con acido.

39 Le conserve delle Cuoche Combattenti
Courtesy photo

Cuoche Combattenti è un progetto di imprenditoria sociale nato a Palermo, con l'obiettivo di rendere economicamente indipendenti le donne vittime di violenza di genere. È stato fondato da Nicoletta Cosentino dopo aver seguito un percorso al centro antiviolenza Le Onde onlus e uno stage in ambito alimentare. Oggi Nicoletta e le altre cuoche preparano conserve (in foto il pesto di melanzane) e confetture. I loro barattoli sono famosi per le etichette con messaggi di forza e incoraggiamento. Si può ordinare a domicilio: cuochecombattenti.com

40 Cromia con la Costa Family Foundation
Courtesy photo

Le borse Cromia della linea Ergobando ("arcobaleno" in Ladino) sostengono le attività della Costa Family Foundation che opera in Uganda, Togo, Etiopia e Afghanistan. I foulard sono realizzati dalle donne che ricevono il sostegno della fondazione, come assistenza psicologica, sociale, sanitaria, disponibile sia per le mamme che per i loro bambini.

41 Lorena Antoniazzi per l'ospedale pediatrico di Perugia
Courtesy photo

Un'edizione limitata di 500 berretti, neri e bianchi con una stella in lurex, griffati Lorena Antoniazzi sono in vendita dal 5 dicembre per raccogliere fondi a favore del Comitato per la vita "Daniele Chianelli". Costano 75 euro e l'intero ricavato sostiene, tramite la onlus, la ricerca e i reparti di ematologia e oncoematologia pediatrica dell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, la città d'origine del brand.

42 The Woolmark Company e LemLem Foundation
Courtesy photo

LemLem è un brand di moda etica africana fondato dalla modella Liya Kebede. La collezione da viaggio in lana merino creata insieme a The Woolmark Company è servita per accrescere le competenze tecniche delle donne che l'hanno confezionata in Etiopia. Il 5% delle vendite dei capi di abbigliamento e il 100% delle vendite delle sciarpe saranno devoluti alla LemLem Foundation, che sostiene progetti educativi, sanitari e di empowerment per le donne e le loro famiglie. Disponibile solo online su Lemlem.com

43 Le donne afghane di Zarif Design
Courtesy photo

Zolaykha Sherzad è una donna afghana, nata a Kabul ma rifugiata in Svizzera da bambina a soli 10 anni. Da 15 anni lavora con le donne afghane per rilanciare l'artigianato locale attraverso la moda: oggi nel suo atelier a Kabul per Zarif Design lavorano 36 donne e 16 uomini. I cappotti ricamati sono la loro firma; zarifnyc.com.

44 Pence 1979 per l'altopiano di Asiago
Courtesy photo

Pence 1979 con il progetto Give me new roots si impegna a sostenere il parco Natural Arte e a contribuire al ripopolamento boschivo dell’altopiano di Asiago, devastato dal maltempo un anno fa. La direttrice creativa Dora Zecchin indossa la T-shirt creata per sostenere il progetto.

45 Boss e Meissen per gli elefanti africani
Courtesy photo

Il brand di moda Boss e le storiche porcellane Meissen si uniscono per una collezione natalizia in edizione limitata che ha per protagonisti gli animali africani. Gli animali decorano alcuni capi e accessori uomo e donna e cinque tazze di porcellana. Parte del ricavato sarà donato a Elephants for Africa, un'organizzazione che collabora con enti locali e nazionali in Botswana per fornire istruzione e sensibilizzazione sul tema della conservazione di queste specie.

46 Dolomia per La Forza e il Sorriso onlus
Courtesy photo

Il profumo Enrosadira di Dolomia sostiene La Forza e il Sorriso, che aiuta le donne in cura oncologica. Una parte del ricavato di questa eau de toilette viene infatti devoluta alla onlus (prezzo 32 euro, in farmacia).

47 I bracciali di Keep Out per i bambini indiani
Courtesy photo

Per ogni bracciale della collezione Jaipur del brand Keep Out vengono donati 2 euro a sostegno di una scuola in un villaggio del Rajasthan, India. In oltre un anno sono riusciti a raccogliere i fondi necessari a costruirla e ora vogliono ampliarla e costruire una mensa più grande. I bracciali sono in seta colorata con un ditale portafortuna in argento.

48 Kidult per il FAI - Fondo Ambiente Italiano
Courtesy photo

Questo bracciale da uomo in acciaio viene venduto a sostegno delle attività del Fai, a cui viene donato il 20% del ricavato. Sul bracciale è incisa una frase di Chief Seattle: “Man belongs to the Earth. Earth does not belong to man”.

49 Agapanthus per Children in Crisis Italy
Courtesy photo

Agapanthus mette in vendita nel proprio negozio di Milano il braccialetto Orchidea in oro rosa e velluto bordeaux a favore di Children in Crisis Italy e dei suoi progetti scolastici in Cambogia, dove hanno già costruito diverse scuole elementari e materne in aree rurali. L’intero ricavato (50 euro) della vendita del braccialetto sarà devoluto per le attività della onlus.

50 Il Natale di Dottor Sorriso onlus
Courtesy photo

La onlus Dottor Sorriso regala gioia e sorrisi ai bambini ricoverati in ospedale con attività di clowterapia in tutta Italia. Per la raccolta fondi natalizia i regali sono tanti, dolciari e non solo: per ordinare i prodotti solidali di Dottor Sorriso si può inviare una mail a info@dottorsorriso.it o telefonare al numero 02-93796488.

51 #ilfashionbelloebuono di Es'Givien
Courtesy photo

#ilfashionbelloebuono è un progetto del marchio veronese Es'Givien e di Vivilla Zampini: produce oggetti con rimanenze di tessuto insieme alle donne della onlus Nos Otras di Firenze. In questo periodo è in vendita negli store e online una borsa porta iPad o porta libri. All'interno è possibile acquistare anche il libro Donne Capovolte, con storie di donne e di resilienza (22 euro solo la borsa; 28 euro insieme al libro).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito