Emily Dickinson è una poetessa da riscoprire perché è la storia di una ribelle in versi

Esce il bellissimo e poetico film di Terence Davies - A quiet passion - con la strepitosa interpretazione di Cynthia Nixon, l'avvocatessa Miranda di Sex and the City

emily dickinson cynthia nixon film a quiet passion
Courtesy Photo

Se l'amate la riscoprirete. E se invece non l'avete mai letta, sarà una grandiosa scoperta. Perché il film tutto dedicato alla sua vita, è un capolavoro poetico che parla con e della sua poesia. Emily Dickinson, una delle artiste americane più amate del secolo scorso, ritorna poeticamente nel lungometraggio A quiet passion diretto dallo sceneggiatore e regista inglese Terence Davies, (Voci lontane...sempre presenti, La casa della gioia) che trova, in questo controverso personaggio, un ottimo spunto per mettere a frutto il suo passato di fine conoscitore dell’animo femminile.

Emily Dickinson interpretata nel film da Cynthia Nixon, l'avvocatessa Miranda di Sex and the City.
Courtesy Photo

Emily nasce ad Amherst nel Massachusetts nel 1830. E' figlia di Edward Dickinson avvocato e politico e di Emily Norcross. Ha una sorella Lavinia e un fratello Austin. Tutta la sua vita gira attorno a questo universo familiare, ai suoi membri a cui era legata in modo quasi claustrofobico. E il film - quasi una pièce teatrale fatta di interni e pochissimi esterni, tra cui il giardino di casa - racconta proprio quell'universo in cui Emily scelse e decise di vivere, pressoché da segregata, tutta la sua vita.

Una vita fatta di piccoli gesti, capace di trasmettere, però, lievità e sensazioni fortissime. Una vita di una donna molto forte, una ribelle sotto mentite spoglie, quasi una femminista ante litteram.

Inflessibile, decisa, pronta sempre a sostenere - contro tutto e tutti - la sua opinione. Sin dalla prima scena di apertura del film quando si rifiuta di piegarsi al terrore di Dio, cristiana sì, ma libera di essere, di scegliere, e prima di tutto libera di capire e ragionare con la sua mente.

Qui Emily da giovane interpretata da Emma Bell nella scena di apertura.
Courtesy Photo

Il regista si sofferma sui visi e sulle parole che sono in realtà le poesie che ogni giorno, o meglio ogni notte, Emily scrisse per tutta la sua vita. Quei visi, il suo e quello dei familiari, che scorrono o meglio sfumano dalla giovinezza alla maturità, e che sono i visi e gli affetti dell'intera vita di Emily, una vita travagliata e sofferta. Una trasgressiva giovinezza e una vita adulta da reclusa. Sempre alla ricerca di amore, o meglio di un amore.

Una scena del film.
Courtesy Photo

A interpretare il ruolo della poetessa americana, CynthiaNixon, già icona femminista in Sex & the City nel ruolo dell’avvocatessa Miranda. Un'interpretazione perfetta. Anche grazie agli scoppiettanti dialoghi tra lei e le amiche, tra lei e la sorella e fratello, tra lei e l'amatissimo padre. Dialoghi che ci fanno comprendere quando Emily fosse intelligente, con una mente vivace capace di sottolineare nelle sue poesie il mondo e la società del suo secolo.

Un’altra scena di ribellione di Emily, quando si rifiuta di inginocchiarsi per la preghiera.
Courtesy Photo

Nel cast anche il premio Oscar Keith Carradine nel ruolo del padre, Jennifer Ehle che interpreta la sorella (Orgoglio e Pregiudizio, Il discorso del re) e Emma Bell (Frozen, Final Destination) nel ruolo di Emily da giovane.

Un film che ci permette di penetrare realmente nelle pieghe nascoste della grande letterata, fine conoscitrice dell’animo femminile e nella sua misconosciuta storia. Un film, stupendo, lieve e che, seppure lungo (dura più di due ore) riuscirà a coinvolgervi per scoprire una grande poetessa. E una grande donna. Poesia pura. Come l'ultima lettera che Emily scrisse a se stessa - una poesia ovviamente - che compose per il suo funerale poco prima della sua morte.

“Questa è la mia lettera al Mondo
Che mai non scrisse a Me -
Semplici Notizie che la Natura raccontò -
Con tenera Maestà
Il suo Messaggio è affidato
A Mani che non posso vedere - Per amor Suo - Dolci - amici cari -Giudicate teneramente
Me.".

La locandina del film.
Courtesy Photo

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Cultura