Quando hai letto l’ultimo libro? Se questo articolo ti ha attirato come una falena verso un lampione non deve essere passato molto tempo. Oppure sì, un sacco di situazioni noiose ti hanno impedito di leggere e ora vuoi ricominciare a farlo anche perché quella che in metropolitana, in una selva di smartphone, ha tirato fuori Dovremmo essere tutti femministi di Chimamanda Ngozi Adichie ti ha suscitato invidia ( o senso di colpa). Forse, invece, sei una di quelle persone che finiscono un libro e ne iniziano un altro, come i fumatori seriali. Ma questo è un vizio meraviglioso, è come avere costantemente una doppia vita, quella quotidiana e quella dei protagonisti della storia. Forse siete di quelli che aggiornano mensilmente la lista dei libri da leggere assolutamente (nella vita). Vi siete mai accorti che la giornata può essere condizionata dai libri molto più che da un film o una serie tv? Un effetto del rilascio graduale. Se la storia è triste pensiamo con distacco: "meno male che la mia è più bella". Se è divertente ci immedesimiamo nei personaggi e tutta la giornata si impregna di buonumore. Insomma, va sempre bene. È dimostrato da tempo che la lettura può essere un antidepressivo ed è consigliata a chi è in cura per malattie importanti perché alza le difese immunitarie. Ma se leggere è un piacere, spesso un divertimento, non trascuriamo il valore aggiunto dei libri, il motivo per cui sono stati inventati: i libri insegnano un sacco di cose. Non deve essere per forza un saggio, non importa se si tratta di un libro leggero, un romanzetto rosa, un thriller di fantascienza: qualcosa che non sapevi ci sarà sicuramente e quella nuova informazione si inserirà come un mattoncino Tetris nel tuo sapere. Ti dispiace sapere molte cose? Ma va. Abbiamo scelto dei libri da leggere assolutamente e li abbiamo divisi in tre gruppi: i super classici imperdibili (assolutamente non completa, ne abbiamo pescato solo 5 che molti non hanno mai letto, inspiegabilmente), i libri interessanti da cui sono tratti film e serie tv, e una piccolo gruppo di scelte non scontate della redazione. L'ordine è casuale, non è una classifica: quella la stilerete voi a mano a mano che li leggerete. Buona lettura!

Jan Mellstrom su Unsplash

Classici da leggere assolutamente #1. Cent’anni di solitudine, di Gabriel Garcia Marquez (10 euro su Amazon.it). Questo non è solo un romanzo bellissimo, che ci si ritrova a rileggere più volte nella vita. Non è solo l’opera che ha spianato il destino dell’autore verso il premio Nobel. È letteralmente un sogno concepito a occhi aperti da Gabriel Garcia Marquez, Gabo per gli amici, che pur di metterlo su carta, nel 1967, ha venduto l’auto e metà dei suoi averi fra le proteste della moglie, e si è tappato in casa ignorando le bollette che si ammucchiavano. Non è stato nemmeno il suo unico successo.

Classici da leggere assolutamente #2. Memorie di Adriano, di Marguerite Yourcenar (11,90 euro su Amazon.it). Una lunga poesia in lirica, una lettera immaginaria scritta dall’imperatore del II secolo Adriano al giovane amico Marco Aurelio. Cosa resta più impresso? La scrittura spettacolare, il sapore della sabbia sparsa sul pesce cotto sulle spiagge dall'imperatore durante le campagne belliche. La storia del suo grande amore per Antinoo, morto ventenne in circostanze misteriose. E la potenza con cui una donna riesce a immedesimarsi nell’animo di un uomo senza retorica.

Classici da leggere assolutamente #3. Alla ricerca del tempo perduto, di Marcel Proust (39,95 euro su Amazon.it). Beati quelli che soffrono di sinestesia, la condizione che porta a rispondere a uno stimolo col senso sbagliato, per cui sentendo una musica si vede anche un colore, oppure leggendo una parola se ne sente il sapore. Leggere la recherche di Proust, tutta la serie che prende vita da questo volume, è una sequela di messaggi sensoriali attraverso le descrizioni e i pensieri dell’autore che, a causa della salute precaria, guardava il mondo dal suo oblò nel 1907. Dopo, cercherete ovunque le Madeleine, biscottini morbidi al burro e limone che per Proust hanno un valore rievocativo. Ps. Pare che nella prima stesura fossero invece delle fettine di pane tostato con marmellata, ma poi venne cambiato in editing. Ma non ditelo in giro.

Classici da leggere assolutamente #4. Lolita, di Vladimir Nabokov (9,35 euro su Amazon.it). Nel 1955 era un libro shock ed è passato alla storia con questa etichetta, anche se di descrizioni veramente scabrose sulla storia d’amore fra un’adolescente e il marito di sua madre, non ce ne sono. Oggi scabroso lo è un po’ di meno e a colpire seriamente è più la bellezza della scrittura. Lolita è uno di quei romanzi che non bisogna avere fretta di leggere solo per la curiosità di sapere come va a finire. Bisogna concedersi il lusso di rileggere i passaggi che ci colpiscono per l’incastro perfetto delle parole. Meglio di un cocktail freddo in una serata calda.

Classici da leggere assolutamente #5. Gita al faro, di Virgina Woolf (6,80 euro su Amazon.it). Non date retta a chi vi dirà che Virginia Woolf deve essere per forza noiosa perché scriveva all'inizio del secolo scorso. Woolf ha cambiato il modo di scrivere dei suoi contemporanei e dei suoi predecessori, che prima si occupavano solo di sviluppare la trama, poco o niente di indagare nell'animo dei personaggi. Questo romanzo è del 1927 ma scorre senza che il lettore se ne renda conto. E poi, nelle sue parole ci sono (molte) tracce di femminismo.

Romanzi da cui sono stati tratti film e serie tv #1. Amando Pablo, odiando Escobar, di Virginia Vallejo (15,30 euro su Amazon.it). È il momento dei narcotrafficanti, le cui vicende attraggono frotte di lettori e spettatori attraverso serie tv e film. Dovevamo capirlo qualche anno fa, quando ci siamo ritrovati a fare (ingiustamente, ma pazienza) il tifo per il pessimo George Jung interpretato da Johnny Depp in Blow. Dal libro di Virginia Vallejo è infatti tratto il film Escobar, il fascino del male, con Penelope Cruz e Javier Bardem. Ovviamente, racconta la storia del criminale Pablo Escobar dall’ascesa negli anni 80 fino alla morte nel 1993. Che detto così è molto riduttivo: leggetelo.

Romanzi da cui sono stati tratti film e serie tv #2. L’ora più buia, Anthony McCarten (16 euro su Amazon.it). Da questo libro è tratto il film omonimo che ha fatto vincere a Gary Oldman il suo primo Oscar. Racconta la vita del leggendario primo ministro del Regno Unito Winston Churchill (vedi anche The Crown) durante il salvataggio dei soldati inglesi sulle coste di Dunkerque. L’autore, Anthony McCarten, è lo sceneggiatore de La teoria tutto, il film sulla vita di Stephen Hawking. Per una full immersion, è consigliato poi di vedere anche il film Dunkirk, che racconta la stessa storia dall’altra parte del mare.

Romanzi da cui sono stati tratti film e serie tv #3. Player One, Ernest Cline (14,45 euro su Amazon.it). Avete visto al cinema Ready Player One di Steven Spielberg e vi è piaciuto tanto? Vi siete appassionati ai mondi virtuali e non vedete l’ora di comprarvi un oculus rift, l’occhiale per entrarci dentro? Cominciate a sfogliare. Per leggere il libro bisogna però fare un reset perché la storia è parecchio diversa, un po’ più seria. Anche più bella, se possibile.

Romanzi da cui sono stati tratti film e serie tv #4. Black Widow : The True Story of Griselda Blanco, di Hillary Dunn (7,45 euro su Amazon.it). Occhio: come dicevamo sopra, in un mondo appassionato alle vicende dei narcos ora è spuntata fuori Grisleda Blanco, la Madrina di tutti i narcotrafficanti. Catherine Zeta-Jones l’ha interpretata per il film Cocain Godmother, una vicenda che l’ha appassionata tanto da uscire dall’inattività professionale. Il libro ci fa conoscere ancora meglio la storia di questa signora che negli anni 70 e 80 è stata la mandante di un paio di centinaia di omicidi.

Romanzi da cui sono stati tratti film e serie tv #5. Cronache del ghiaccio e del fuoco, George R. R. Martin (14 euro su Amazon.it). Okay, seguite la serie Il trono di spade e state morendo di aspettative nell’attesa della ottava stagione. Che non andrà in onda - ahimè - prima del 2019, si dice addirittura ad aprile 2019 (se non scoppia prima una rivolta). L’unico modo per porre rimedio all’ansia è leggere i libri della saga da cui è tratta. Se non l’avete già fatto. Da mettere in conto parecchie differenze con la serie tv, che viene riscritta stagione dopo stagione. Ma in qualche modo bisogna sopravvivere.

Libri consigliati dalla redazione #1. Che la festa cominci, di Niccolò Ammaniti (11,90 euro su Amazon.it). Dicono sia un libro roma-centrico. Noi abbiamo visto fior di torinesi sbellicarsi dalle risate, leggendolo. Niccolò Ammaniti è in grado di toccare tutte le corde della sensibilità umana, in questo caso, con la storia surreale del milionario che si compra Villa Ada e fa organizzare un megaparty pacchiano, ha fatto da precursore a La grande bellezza, ma condita di satanismo maccheronico e da fantagenetica.

Libri consigliati dalla redazione #2. L' anno del pensiero magico, di Joan Didion (15,30 euro su Amazon.it). La grande scrittrice americana, nel 2015 testimonial di Céline, racconta ed elabora la morte del suo marito e collega John Gregory Dunne. Ci riesce in un modo così lontano dall'essere lacrimevole che l'abbiamo scelto perché è il balsamo più efficace per superare un lutto di qualsiasi tipo e uscirne rotti, è vero, ma in grado nuovamente di camminare.

Libri consigliati dalla redazione #3. Faccio salti altissimi, Iacopo Melio (15,30 euro su Amazon.it). Autocommiserazione questa sconosciuta. Iacopo Melio vive su una sedia a rotelle - non importa perché – è un influencer su Facebook dove ha 600mila follower, è un goliardico e ha la risposta sempre pronta contro gli haters che battono in ritirata umiliati. È il fondatore del movimento #vorreiprendereiltreno che ha lanciato con un videoclip spassoso insieme a Lorenzo Baglioni sulle note di Vengo anch’io di Iannacci, e che punta a spianare tutte le barriere architettoniche. Il suo libro non è la biografia strappacore che vi aspettate, ma una serie di considerazioni che partono da episodi di vita vissuta e giungono a conclusioni da "ah, però".

Libri consigliati dalla redazione #4. Da qualche parte verso la fine, di Diana Athill (8,40 euro su Amazon.it). La vecchiaia? Una faccenda di cui non preoccuparsi più, dopo aver letto questo libro. Lo vorrete passare alle vostre madri, alle vostre amiche, alle vostre nonne. La scrittrice racconta la sua, di vecchiaia, come se fosse qualcosa di completamente tollerabile, come la perdita di un dente da latte. Non c'è una sola riga di malinconia, né patetici e insinceri motti su quanto sia bella la terza età. Semplicemente, un manuale per la best practice di una fase della vita, la certezza che abbiamo qualcosa da fare fino alla fine.

Libri consigliati dalla redazione #5. Fabrice Lucchini, La Comédie-Française (8,40 euro Amazon.it). Leggete in francese? Ecco per voi il diario giorno dopo giorno (quasi!) di uno dei migliori attori francesi degli ultimi decenni. Un'autobiografia che cede il passo (ma anche due, tre...) alla parafrasi A/Rnel 2018 delle opere di Flaubert, Esopo, Céline. Fabrice è un piacere da guardare su uno schermo, tra le poltroncine in vellutino rosso di un teatro,tra le pagine fitte fitte di vita vera.

John Mark Smith su Unsplash