Salone del libro di Torino: 10 autrici da non perdere

Ci siamo, la 31esima edizione del Salone internazionale del libro di Torino è iniziata. Ecco qui 10 appuntamenti con 10 scrittrici che aprono la mente e il cuore.

image
Manuele Fior

Prendere fiato, preparare svariate bottigliette d'acqua, borse capienti, copie da far autografare e scarpe molto comode.

La 31esima edizione del Salone internazionale del libro di Torino il cui tema quest'anno è "Un giorno, tutto questo", è iniziata. E si annuncia più rocambolesca che mai: 5 giorni di full immersione (al Lingotto di Torino, dal 10 al 14 maggio dalla 10 alle 20), la Francia come Paese ospite, sezioni tematiche, un programma da leggere attentamente, un Salone Off che vi farà tirar tardi. Come orizzontarsi? Fatevi ispirare, seguite le passioni e date un'occhiata qui.

Per non perdersi, ecco la nostra top ten di autrici. 10 scrittrici da seguire perché aprono la testa e il cuore.

Courtesy Rizzoli
1) Per chi pensa che per andare avanti si deve tornare indietro. La Reggia di Caserta come teatro dell'infanzia incontro con Giusi Marchetta (Dove sei stata, Rizzoli) e Alessandro Zaccuri (giovedì 10 maggio ore 16,30, Spazio Autori)

Courtesy Sonzogno
2) Perché non si finisce mai di imparare. Il libro della vagina. Meraviglie e misteri del sesso femminile (Sonzogno) con le autrici Nina Brochmann ed Ellen Støkken Dahl e Antonio Pascale (venerdì 11 maggio ore 12, Sala Azzurra)

Courtesy Sem
3) Per chi cerca un (altro?) motivo per NON andare in campeggio. Claire Cameron (L’orso, Sem) dialoga con Federica Manzon (venerdì 11 maggio, ore 15,30, Spazio Internazionale)

Courtesy Sellerio
4) Per chi dopo 14 avventure, senza di lei non può più stare. Petra Delicado indaga sul serial killer di donne sole con Alicia Giménez-Bartlett (autrice di Mio caro serial killer, Sellerio) e Marco Malvaldi (venerdì 11 maggio, ore 16,00, Sala Azzurra)

Courtesy HarperCollins
5) Perché anche dalle pagine di un romanzo si può levare forte e chiaro il no alla violenza contro le donne. Incontro con Marilù Oliva (Le spose sepolte, HarperCollins) e Maurizio De Giovanni (venerdì 11 maggio ore 18,30, Spazio Autori)

Courtesy edizioni e/o
6) Perché ha cambiato il nostro concetto di cosa vuol dire essere fortunate. Alice Sebold (a 18 anni dalla pubblicazione di Lucky, e/o) e Tiziana de Rogatis (sabato 12 maggio ore 12,00, Sala Azzurra)

Courtesy Sur
7) Per chi ama il dibattuto controcorrente. Perché non sono femminista con Jessa Crispin (Perché non sono femminista, Sur) e Christian Raimo (sabato 12 maggio, ore 12,30 Spazio Internazionale)

Courtesy Tunué
8) Per chi a volte si ritrova in apnea. Dimentica di respirare. Kareen Pinter De Martin (Dimentica di respirare, Tunué) con Graziano Graziani e Vanni Santoni (sabato 12 maggio, ore 13,30, Spazio Eventi)

Courtesy Feltrinelli
9) Perché il male può passare anche da una tavola imbandita. Un'ora con... Rosella Postorino (Le assaggiatrici, Feltrinelli) e Michela Murgia (sabato 12 maggio ore 15,30, Caffè Letterario)

Courtesy Feltrinelli
10) Per chi non si rassegna al fatto che quest'anno il Nobel per la Letteratura non verrà assegnato e si vuole rifare. Herta Müller (vincitrice del Premio Nobel per la Letteratura nel 2009) dialoga con Andrea Bajani in occasione del conferimento del Premio letterario internazionale Mondell0 (domenica 13 maggio, ore 17,00 Sala Azzurra)

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Cultura