24 agosto 2018: per l'anniversario del terremoto in centro Italia esce "Resistere", un libro che vi toccherà il cuore

Le fotografie in bianco e nero di Alessio Pagani e Francesco Fiorello raccontano storie di quotidiana resistenza.

Norcia dopo il terremoto
Alessio Pagani

Ci sono fotografi e giornalisti che aspettano come falchi l’evento-preda che li farà lavorare. Arrivano, scattano, vendono le foto e se ne vanno. Alessio Pagani e Francesco Fiorello non sono di quel tipo. Loro quando è arrivato il terremoto in centro Italia, anzi i terremoti del 24 agosto e del 30 ottobre 2016 che hanno messo in ginocchio Lazio, Umbria e Marche, erano in zona per caso. Sono dei professionisti: certo che ci sono piombati in mezzo. Ma poi sono rimasti, mischiandosi con la popolazione, puntando l’obbiettivo dal suo punto di osservazione, dando una mano come potevano, arrabbiandosi e denunciando se dovevano. Quando se ne sono andati è stato per tornarci ancora e ancora, nell’arco di questi ultimi due anni che stanno per finire, e che hanno prodotto una rete ricchissima di relazioni. Il risultato è un progetto, che si chiama Genziana Project, che sta per dare il suo primo frutto, o dovremmo dire fiore: il libro Resistere – Nel cuore terremotato del centro Italia, edito da Seipersei. Una raccolta di immagini in bianco e nero, corredate di testi, in grado di rendere improvvisamente reale, fisico quello che i media ci hanno provato a raccontare con quel linguaggio che sfoderano per tutte le tragiche occasioni, spruzzato di burocratese, di gusto per il patetico e di frasi fatte. Resistere è nato per uscire entro il 24 agosto di quest’anno. Gli manca poco, ma ha ancora bisogno di sostegno, che possiamo dargli tutti su una piattaforma di crowdfunding.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Cultura