Assassinio sull'Orient Express è il primo libro dove non esistono buoni e cattivi?

Rebecca's Review: cosa succede quando una 12enne rilegge (e recensisce) i più grandi classici di sempre.

image
Getty Images

Un’assassinio è sempre un atto estremo, abominevole e violento, non è vero? Certo, eppure Agatha Christie con Assassinio sull’Orient Express riesce a ribaltare la situazione e a portare il lettore dalla parte di coloro che normalmente verrebbero considerati i ‘cattivi’. Uno dei gialli più sensazionali di sempre è ambientato in un luogo insolito: un treno - l’Orient Express. Attraversando l’Europa il treno viene bloccato da una valanga di neve nel bel mezzo del nulla. Proprio qui in mezzo a un’enorme distesa di neve e a bordo di un lussuoso vagone di prima classe, viene commesso un omicidio e caso vuole che proprio sul questo treno si trovi il mitico Hercule Poirot, il più grande investigatore di tutti i tempi, capace di risolvere i casi più intricati e difficili.

Getty Images

Assassinio sull’Orient Express è uno dei più famosi e acclamati romanzi gialli di Agatha Christie nota giallista della prima metà del Novecento che ancora una volta pone al centro del suo romanzo il bizzarro e unico investigatore belga Hercule Poirot. Questa volta il caso da risolvere sembra impossibile...ma non per lui, che dopo tutto è pur sempre il miglior investigatore al mondo. La vittima è Mr. Ratchett, un uomo che nel corso delle indagini si rivelerà essere una persona spregevole. A bordo 15 passeggeri apparentemente tutti forniti di un solido alibi e di primo acchito senza un valido motivo per commettere un omicidio.

Pur non essendo mai stata un’amante dei romanzi gialli, credo che Assassinio sull’Orient Express sia uno dei più bei romanzi di sempre: penso che il suo punto di forza sia far capire che spesso nella vita non è tutto bianco e nero, ma esistono le sfumature. Proprio queste rendono tutto meno chiaro e scontato e talvolta possono ‘giustificare’ azioni terribili quali un omicidio. Questo libro mostra come un’azione accaduta in passato possa ripercuotersi e cambiare il corso della vita a più persone che all’apparenza sembrano prive di alcun legame.

Consiglio questo libro a tutti coloro che non pensano che al mondo esistano i buoni e i cattivi e che la distinzione fra i due gruppi sia sempre netta e definita. L’animo umano è spesso di difficile lettura e non è detto che un agnello un giorno non possa rivelarsi un lupo e viceversa.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Cultura