Cinque libri per iniziare bene l'anno

Da QualityLand, romanzo visionario che ci offre due versioni di futuro al ritorno di Rocco Schiavone passando per un viaggio incantato. Buona lettura!

image
Courtesy Feltrinelli

Un tuffo nel futuro con QualityLand (romanzo visionario in due versioni) ma anche il ritorno di Rocco Schiavone (nel nuovo libro di Antonio Manzini), un'anti eroina tenera e urticante (Sally Penton esce dal letargo), un viaggio incantato (magistralmente narrato da Robert Nathan) e un museo molto speciale (raccontato da Elizabeth Buchan). Buon inizio!

QualityLand di Marc-Uwe Kling (Feltrinelli, € 17)

Courtesy Feltrinelli

Siamo a QualityLand, il Paese dei superlativi, dove i robot ci assistono in tutto (troppo?), la tecnologia regola ogni aspetto della nostra vita (dalla scelta del cibo all’anima gemella), di noi sa praticamente ogni cosa e non sbaglia mai. Solo che un giorno a Peter, adorato protagonista, viene recapitato un oggetto che lui non vuole e che decide di restituire, cosa impensabile in un sistema ritenuto infallibile e dalla quale si originano pirotecnici sviluppi. Esilarante, inquietante (vedi parti tra un capitolo e l’altro) e pieno di personaggi da ricordare (la bizzarra congrega di robot che Peter non demolisce come dovrebbe fare nella sua officina, ma ospita in cantina, meriterebbero uno spin-off), questo libro mostra un futuro su cui riflettere e ci fa conoscere un autore con cui sarebbe assai bello uscire a cena. N.B. Di QualityLand ci sono due versioni (sono proprio volumi diversi), una per ottimisti e una per pessimisti. E voi come vi sentite?

Viaggio incantato di Robert Nathan (Atlantide, € 20)

Courtesy Atlantide Edizioni

Hector Pecket, modesto carpentiere, sogna di solcare i mari e passa le sere sulla sua piccola barca di legno che staziona in cortile. Quando la moglie per venderla monta delle ruote alla chiglia, Hector parte e inizia un viaggio cui si uniscono una giovane cameriera e un dentista girovago. Una ventata d’aria, da respirare a pieni polmoni.

Il museo delle promesse infrante di Elizabeth Buchan (Nord, € 18,60)

Courtesy Nord

A Parigi c’è uno strano museo, dove sono raccolte tracce di promesse infrante, oggetti che testimoniano fiducie svanite. L’ha creato Laure, sperando di lasciarsi alle spalle il dolore per il suo amore perduto. Un romanzo lieve, che districa i nodi del cuore e che ci fa pensare alle parole dette e alle seconde possibilità.

Sylvia Penton esce dal letargo di Jane O’Connor (Corbaccio, € 17,90)

Courtesy Corbaccio

Sylvia Penton è un po’ spigolosa. Passa il tempo libero in un centro di recupero ricci (sì, gli animaletti spinosi) ed è la segretaria di un prof universitario di cui è innamorata (a senso unico, ma crede di no) da anni. In più a complicare le cose ci si mette una nuova dottoranda. Una protagonista irresistibile che riprende le misure alla vita.

Ah l’amore l’amore di Antonio Manzini (Sellerio, € 14)

Courtesy Sellerio

L’abbiamo lasciato ferito, e lo ritroviamo in ospedale, dove ha affrontato lo stesso intervento per cui è appena morto un paziente, un facoltoso imprenditore. E visto che il decesso è poco chiaro, Rocco Schiavone si mette a indagare. Vicini di letto fastidiosi, fabbriche sull’orlo del tracollo, le intricate questioni di cuore del suo sostituto... Rocco è tornato. Ed è sempre un piacere.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Cultura