Miart 2020 for dummies, anticipazioni dalla più grande fiera d’arte internazionale di Milano

181 gallerie provenienti da 20 Paesi, racconti dall'officina creativa ritratto del capoluogo e del suo dna culturale.

Hand, Arm, Skin, Leg, Joint, Human leg, Finger, Human body, Elbow, Gesture,
Courtesy Photo

1981. "Quando unisco il bronzo al rame, un colore a un altro colore, attuo una forma metafisica di simpatia, tanto è che quando il risultato dell’unione funziona, noi non abbiamo più il senso dell’unione, ma il senso di una terza cosa", Luciano Fabro, scultore di arte povera.

2020. "Le diverse epoche e i diversi artisti non esistono mai in una dimensione di autonomia, ma di reciproca comprensione. miart a partire da questa edizione vedrà arte moderna e contemporanea in relazione con design e arti applicate, senza alcuna separazione tra gallerie d’arte, gallerie di design e di arti decorative", Alessandro Rabottini, direttore artistico miart 2020.

Ecco l’essenza di miart asse 1981-2020: stesso principio ovvero la “simpatia tra le cose”, l’abbattimento delle barriere, l’assenza di limiti. Infatti, i limiti verranno completamente spazzati via da questa 25esima edizione organizzata da Fiera Milano con il sostegno del main partner Intesa Sanpaolo. Qui i numeri da capogiro: 181 gallerie provenienti da 20 Paesi, 66 le gallerie estere e 36 quelle che partecipano per la prima volta, 5 le sezioni (Estabilished Contemporary, Estabilished Masters, Generations, Decades, Emergents). Un grande dialogo fra discipline, periodi e personalità: un concept che ambisce a fare della fiera un ritratto della città di Milano e del suo dna culturale, un’officina creativa fra tradizione e sperimentazione sempre all’avanguardia.

Courtesy Photo

Qualche nome per farci un’idea. Chi espone per la prima volta o dopo un periodo di assenza: A Gentil Carioca, Blank, Rossella Colombari, Chantal Crousel, Gagosian, Jackson Design, Karsten Greve, Kadel Willborn, Nilufar, Franco Noero, Eva Presenhuber e Thomas Schulte. Chi conferma la partecipazione dalla precedente edizione: A Arte Invernizzi, Alfonso Artiaco, Isabella Bortolozzi, Cabinet, Campoli Presti, ChertLüdde, Clearing, Continua, Raffaella Cortese, Corvi-Mora, Dvir, Feldt, Gladstone, Marian Goodman, Herald St, Kaufmann Repetto, Peter Kilchmann, Andrew Kreps, Lelong & Co, Magazzino, Massimo Minini, P420, Lia Rumma, Sprovieri, Vistamare, Hubert Winter e Zero.

Andrea Pisapia

Per orientarci meglio in questo labirinto... Emergent è per gli irriverenti, qui si troveranno le novità assolute, freschissime, inaspettate. Per gli amanti della tradizione, invece, Estabilished Masters presenterà alcuni capolavori dell’arte moderna e Decades quelli del Novecento. Numerosissimi i premi e le iniziative connesse. Miartalks a tema “l’esistenza dell’artista” in collaborazione con Between Art Film, Transmission ovvero il racconto per immagini sugli spazi di contatto fra esseri umani e opere d’arte, la Milano Art Week (14 – 19 aprile) con un fittissimo programma di inaugurazioni e mostre, la Investec Cape Town Art Fail (14 – 16 febbraio) il parallelo di miart ma a Cape Town. Troppo ancora da dire ma soprattutto tanto da vivere. L’appuntamento si avvicina.

miart 2020

Dal 17 al 19 aprile.
Fieramilanocity, padiglione 3, gate 5.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Cultura