Perché le disparità sociali nel mondo hanno a che fare con il climate change?

Mentre agli Oscar trionfa un film denuncia sul divario sociale come Parasite, disastri come gli incendi in Australia (da non dimenticare) ci avvisano su quanto sia legato all'ambiente.

image
Unsplash.com

Questa storia è originariamente apparsa su truthout.org ed è stata ripubblicata qui come adesione al Covering Climate Now, una collaborazione di giornalismo globale per rafforzare la copertura sulle questioni climatiche.

Non è la prima volta che l'Australia viene devastata dal fuoco. Più di dieci anni fa, nel febbraio 2009, gli incendi in Australia hanno ucciso 173 persone, ferito migliaia e distrutto 2.000 case. Il giorno del grande incendio del febbraio 2009, che è diventato noto come Black Saturday, è considerato il disastro incendiario col più alto numero di morti nella storia del paese. Erano incendi repentini, che si mossero con una velocità allarmante. Ma veniamo al presente. I vigili del fuoco hanno dichiarato a novembre che il clima della stagione era simile a quel "sabato nero", condizioni estreme di caldo e siccità. Ma questa volta, sulla scia dell'anno più caldo e secco registrato nel paese, gli incendi si sono ulteriormente diffusi e hanno bruciato anche più a lungo rispetto a dieci anni fa a causa della crisi climatica.

Il bilancio delle vittime è più basso in questa stagione - le stime hanno finora raggiunto circa 28 morti - ma gli acri di terra, case e vite di animali persi hanno superato di gran lunga i precedenti incendi. Se nel 2009 erano andati persi 1,1 milioni di acri e oltre 1 milione di animali, gli incendi di questa stagione hanno bruciato quasi 18 milioni di acri, oltre 3.000 case e un miliardo (se non miliardi) di animali nativi. Questi numeri sono incommensurabile. Diciotto milioni di acri rappresentano quasi l'1 percento della massa terrestre australiana. È difficile farsene una ragione, di un milione di animali morti, ancora meno di un miliardo. E le conseguenze con cui gli esseri umani dovranno convivere dureranno per decenni.

“Molti sopravvissuti patiranno il lutto dei propri cari, la perdita di effetti personali, la perdita di sostentamento, la mancanza di un riparo, la distruzione dell'ambiente, il supporto insufficiente dello stato, la perdita di speranza per il futuro. E la paura", afferma Sharon Friel, professoressa di politica sanitaria che nel 2019 ha pubblicato il libro Climate Change and the People's Health. Un rapporto del 2016 sulle vittime del Black Saturday ha rilevato che, cinque anni dopo gli incendi boschivi, oltre un quinto dei residenti stava riscontrando più del doppio dei problemi di salute mentale, come disturbo post-traumatico da stress e depressione, rispetto al resto della popolazione. I più colpiti sono coloro che vivono soli o che erano altrimenti più isolati dai gruppi della comunità, secondo il rapporto.

È per i più poveri che il recupero sarà più difficile. Soprattutto per i poveri che vivono nelle aree rurali, con un accesso limitato alle risorse per la salute mentale e fisica, anche se l'Australia ha un'assistenza sanitaria universale. I disastri climatici stanno peggiorando in tutto il mondo e sono solo aggravati dalla disuguaglianza di ricchezza. La ricerca ha messo in evidenza che la prevenzione alle catastrofi può essere troppo costosa per le persone che vivono in condizioni di povertà; l'evacuazione non è possibile per i poveri senza accesso ai mezzi di trasporto o che non possono perdere il lavoro; i locatari potrebbero avere problemi a trovare affittuari per i loro alloggi, dopo un disastro. Come sottolinea Friel, "Le persone benestanti possono permettersi di vivere in edifici isolati con aria condizionata e depuratori d'aria", mentre quelli con redditi più bassi potrebbero dover respirare quell'aria, che sia al chiuso o no. L'elenco delle conseguenze per i poveri potrebbe continuare all'infinito.

Uno dei modi in cui emerge di più questa stratificazione è nelle questioni abitative dopo le catastrofi naturali. Negli Stati Uniti, "se sei un affittuario che non possiede il luogo in cui vive, subisci una sorta di doppio svantaggio", afferma Junia Howell, sociologa dell'Università di Pittsburgh. Anche se una vittima di un disastro è coperto dall'assicurazione del locatario - e la maggior parte dei locatari non la sottoscrive - l'assicurazione probabilmente non coprirà le perdite, afferma Howell. Inoltre, poiché gli alloggi sono più scarsi dopo un disastro e i lavoratori temporanei si trasferiscono per aiutare a ripristinare un'area, gli affitti in genere aumentano.

Nemmeno i proprietari di case con redditi bassi sono esenti dai problemi. L'uragano Katrina è un classico esempio di stratificazione sociale nel ripristino dopo l’emergenza; il governo e le associazioni no profit sono stati più lenti a fornire aiuti alle comunità a basso reddito e nella comunità nera dopo l'uragano. Oltre un decennio dopo Katrina, il Lower Ninth Ward, rione storicamente povero e black, si sta ancora riprendendo. E tutto ciò sta accadendo in un paese ricco. Nel 2016, la Banca mondiale ha scoperto che i disastri naturali trascinano 26 milioni di persone l’anno nella povertà. Il presidente della Banca Mondiale ha dichiarato che stanno "rischiando di perdere decenni di progressi contro la povertà". Man mano che le catastrofi naturali peggioreranno a causa della crisi climatica, le lacune della ricchezza globale e nazionale si allargheranno soltanto; non solo i poveri sono i più colpiti dalle catastrofi naturali, aumentano pure a causa di queste.

Il 6 gennaio, il primo ministro australiano Scott Morrison ha annunciato un fondo di recupero di 2 miliardi di dollari per gli attuali incendi boschivi, ma questo non sarà abbastanza per coprire il danno arrecato - gli incendi del Black Saturday sono costati circa $ 4,4 miliardi. È preoccupante che i leader del governo si stanno anche rifiutando di riconoscere che esiste un legame tra la gravità degli incendi e il cambiamento climatico, riducendo la loro capacità di pianificare misure contro incendi ancora peggiori. E, come una ciliegina sulla torta, i leader del governo hanno anche contribuito a diffondere disinformazione sulla causa, dilagante online. Nella prima settimana di gennaio, i teorici della cospirazione di destra hanno spinto diverse false narrazioni sostenendo che gli incendi erano dolosi - alcune di queste cospirazioni andarono oltre, suggerendo che gli attivisti ambientali li avevano appiccato per spingere la causa per la tutela del clima, e altri hanno detto che le Nazioni Unite hanno incendiato aree da liberare spazio per la ferrovia ad alta velocità. Inutile dire che queste affermazioni sono false. In realtà, sono le azioni dell'ala destra che spesso perpetuano incendi così orribili. Jair Bolsonaro, il presidente di estrema destra del Brasile, l'anno scorso ha incoraggiato il devastante incendio della foresta pluviale amazzonica, per colpire in modo specifico gli indigeni.

Le popolazioni indigene in genere soffrono maggiormente l’impatto degli incendi. Studi condotti in Canada e negli Stati Uniti hanno scoperto che gli indigeni sono in genere i più colpiti da questi disastri. In Australia, oltre all’espropriazione che hanno subito attraverso la colonizzazione e la perdita delle loro case in fiamme a causa della cattiva gestione della terra, gli aborigeni stanno anche perdendo porzioni significative della loro cultura attraverso la distruzione di siti sacri e siti patrimonio culturale. Attualmente, c'è una grande concentrazione di incendi nel Nuovo Galles del Sud, che conta anche la più alta popolazione aborigena del paese. "Il fuoco, un elemento con cui un tempo i gruppi indigeni di tutto il continente vivevano in armonia, ora sta mettendo a rischio i loro siti culturali e sacri", scrive Yessenia Funes per Earther. Guardando al futuro, molti aborigeni hanno chiesto ai funzionari australiani di prestare attenzione alle loro conoscenze sulla gestione degli incendi e di applicare pratiche come quella degli incendi annuali indotti e controllati per prevenire i disastri.

Per garantire che i poveri non vengano lasciati indietro nella crisi climatica, ridurre la disuguaglianza è cruciale. Con la prevenzione: "un focus sulla ridistribuzione, piuttosto che sulla ricerca incessante verso la crescita economica, è un presupposto necessario, per ridurre la povertà e tutta una serie di disuguaglianze, come i risultati sulla salute e sul clima”, dice Friel. Per quanto riguarda, invece, il soccorso in caso di calamità, Howell afferma che i responsabili politici devono esaminare in modo specifico come gli aiuti possono essere distribuiti in modo più equo, prima e dopo un disastro.

Nei giorni scorsi il Consiglio australiano del Servizio sociale ha invitato Morrison a raccogliere fondi per catastrofi, specificando in particolare che sono inadeguati per aiutare le famiglie povere a riprendersi. "Siamo molto preoccupati che l'attuale pagamento di Disaster Recovery sia gravemente insufficiente, in particolare per le persone a basso reddito", ha scritto il CEO di ACOSS in una lettera al primo ministro. Nonostante i negazionisti del clima nel suo governo, Scott Morrison ha riconosciuto che la crisi climatica potrebbe essere collegata a questi incendi. Ma ha anche affermato che le politiche climatiche sono "obiettivi e traguardi che distruggono il lavoro, distruggono l'economia, compromettono gli obiettivi economici" che "non cambierà il fatto che ci siano stati incendi boschivi in Australia". E direi che è tutto. Senza le politiche climatiche che la right wing disprezza tanto, l'Australia potrebbe presto non essere più abitabile. I ricchi avranno possibilità molto più elevate di sopravvivere, facendo i bagagli e trasferendosi in luoghi meno caldi e meno soggetti a calamità. I poveri, privi delle migliaia di dollari necessari per emigrare e stabilirsi in un altro paese, saranno lasciati indietro.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Cultura