Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Roma è la città peggiore del mondo ma i fotografi stranieri non la pensano mica così

Mentre la città eterna fa su e giù nella classifica della vivibilità, un libro e gli scatti di chi la vede da fuori sono dichiarazioni d'amore puro.

unsplash.com

unsplash.com
Roma è la Capitale più invivibile dell’universo, o una città che sta facendo passi avanti? Non è mica così chiaro, anche perché queste classificazioni cambiano ogni tre mesi. Forse i suoi abitanti doc la amano tanto da negare ogni evidenza, tanto da passare sopra il problema dei mezzi pubblici scarsini in cambio della luce dorata, irripetibile altrove, che si posa sui monumenti al tramonto. Forse chiudono un occhio davanti ai cassonetti stracolmi in cambio del verde urbano abbondante e degli alberi secolari che ospitano tante specie di uccelli in città. E Roma è una città dove puoi cogliere una battuta anche per strada lanciata al volo da uno sconosciuto, e continuare a riderne per tutto il giorno. E poi si mangia benissimo, fin troppo. Ma alla domanda di prima per ora non c’è comunque una risposta, visti i risultati completamente opposti di due indagini uscite in questi giorni. Secondo quella del Sole 24 ore, in cui Belluno vince la palma d’oro della più vivibile d’Italia, Roma sarebbe sprofondata nella classifica dal 13esimo al 24esimo posto (ma sarebbero in discesa anche Milano e Torino). Di tutt'altra opinione una classifica di ItaliaOggi realizzata dal Dipartimento di statistiche economiche dell’Università La Sapienza di Roma e Cattolica Assicurazioni, secondo cui la città più vivibile sarebbe Bolzano, mentre Roma avrebbe fatto un balzo avanti in classifica di ben 21 posizioni. Insomma, freddi numeri che interessano poco a Piero Santonastaso e Alessandra Spinelli autori di C’era una volta Roma (Newton Compton Editori), un libro che ripercorre la storia emozionale della città nei secoli. E le classifiche non importano nemmeno ai tanti fotografi stranieri che la visitano, la immortalano e depositano la loro prova d'amore in rete per mostrarla a tutti. Eccone alcuni esempi inediti, accompagnati da alcune delle citazioni più belle del libro C'era una volta.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
unsplash.com

Foto di Ludwig Thalheimer su Unsplash

…una città capace di divorare ogni giorno se stessa e la propria storia per rinascere l’indomani a volte fresca come una rosa, spesso ripiegata su di sé, ma sempre incredibilmente vitale. (pag.7)

unsplash.com
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Foto di Ilya Yakover su Unsplash

Era testimone, quel luogo, di ripetute scene d’esultanza, come mostra un toponimo che ancora oggi sopravvive: piazza di Monte Gaudio. Era il punto in cui i romei si inginocchiavano, baciavano la terra e poi intonavano O Roma nobilis. (pag.17)

unsplash.com
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Foto di ål nik su Unsplash

Non esiste al mondo una metropoli come Roma che contenga al suo interno una tale concentrazione di cittadelle, borghi e addirittura uno Stato estero. (pag.29)

unsplash.com

Foto di Luis Núñez su Unsplash

…Roma era diventata la città capofila delle ricerche contro la malaria. Mentre Grassi studiava le Anopheles, il medico Angelo Celli e l’infermiera Anna Fraentzel, che poi sarebbero divenuti marito e moglie, organizzarono una stazione antimalarica al Casale della Cervelletta… (pag.70)

unsplash.com
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Quartiere Trionfale, Photo di Nicolas Hoizey su Unsplash

Il 3 luglio 1849 venne approvata la Costituzione, una tra le più moderne – libertà di culto, laicità dello Stato, suffragio universale, abolizione della pena capitale tra i diritti sanciti – ancora oggi alla base di molte costituzioni. (pag.80)

unsplash.com
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Foto di huyen. su Unsplash

…sotto l’ex ospedale Forlanini, (c'è) un piccolo gigante idrico che riempie parzialmente una caverna di 7000 metri quadri. Uno specchio d’acqua addirittura navigabile, perché in alcuni punti tocca addirittura gli otto metri di profondità… (pag.131)

unsplash.com

Photo by ål nik on Unsplash

Ecco spiegata la creazione fin dai primi momenti dell’Asylum, un luogo sul Campidoglio inviolabile è riservato all’accoglienza dell’estraneo nel senso letterale del termine, cioè dello straniero, la persona che viene da fuori… (pag.178)

unsplash.com
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Foto di Lode Lagrainge su Unsplash

Roma è la città che ha visto nascere nel I secolo a.C. l’arte topiaria, quella particolare branca del giardinaggio che modella le chiome degli alberi nelle forme più fantasiose. (pag.229)

unsplash.com

Patntheon, foto di Lode Lagrainge on Unsplash

… si inaugurava il primo snack bar italiano. Era il 1950 e il bar California serviva panini all’americana con hamburger e ketchup, hot dog, pancake con salsa d’acero, leccornie Made in USA da gustare magari in piedi nella pausa pranzo dell’ufficio. (pag.271)


foto di apertura Theo Roland da Unsplash.com

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi