Tallin meta dell'estate, wait, stiamo esagerando? No, per nulla

Mappa della città dell'Est lontana ma non troppo che allarga l'orizzonte di chi ha visto tutto, già fatto tutto, assaggiato tutto e si è innamorato di tutto.

image
Getty Images

Tallinn è una di quelle mete turistiche in fase di scoperta recente, come accade per tutte le nazioni un tempo poco vacanziere, e anche un po’ misteriose, ma che poco alla volta hanno fatto il loro ingresso nell’Unione Europea (l’Estonia ne fa parte dal 2004) diventando timidamente sempre più accessibili e più appetibili per gli appassionati viaggiatori. Tallin e la sua popolazione, sempre più accogliente e aperta al mondo occidentale, sono diventate subito sinonimo di splendore della terra baltica. Questa città dall’atmosfera magica si può considerare la nuova meta di cui innamorarsi perdutamente, soprattutto se abbiamo già visto di tutto e di più. Ecco qualche consiglio per visitare Tallinn in Estonia nel modo più appropriato. E anche più goloso, viste le sue specialità gastronomiche e della tradizione birraia. Cominciamo con la domanda tipica del turista doc, quella che cercheremo sulle guide.

Tallinn, cosa vedere? La segnalazione d’obbligo, la precedenza assoluta, va al magnifico castello di Toompea, costruito tra il XIII e il XV secolo su un'antica fortezza. Al primo impatto può sembrare un palazzo barocco, di quelli che si vedono anche in Sicilia, perché è stato ristrutturato nei tempi di Caterina la Grande. Ma la sua parte posteriore è un autentico esempio di solida architettura medievale. La torre Pikk Hermann, che svetta sulla città con i suoi 46 metri, è uno dei simboli nazionali più forti. Se vogliamo iniziare il nostro tour con una buona veduta della città, sulla collina di Toompea troveremo due punti di osservazione che offrono i migliori panorami: la Kohtuotsa e la Patkuli Platform. Lasciando il castello, sulla stessa collina di Toompea troviamo la spettacolare cattedrale Alexander Nevsky, con le cupole a forma di bulbo.

Quella di Tallinn è la cattedrale ortodossa più grande della Russia antica. È stata costruita nel 1900 sotto gli Zar, e all'interno custodisce bellissimi mosaici. Tallinn, città vecchia: un’altra tappa da esplorare con accuratezza. In centro c’è la via più suggestiva della città vecchia di Tallinn: il passaggio di Santa Catalina. Si trova dietro a quella che una volta era la chiesa dedicata alla santa. Ciò che troverete molto interessante di questo luogo è che in esso si trovano le officine degli artigiani medievali della città. A Tallinn lo shopping è un’attività molto piacevole. Un altro punto di interesse è senza dubbio il municipio di Tallinn. Situato nella piazza principale della Città Vecchia (Piazza del Municipio), è l'unico municipio gotico che sopravvive intatto in tutta Europa. Durante l'estate è anche possibile salire sulla sua torre di 64 metri (occhio alle vertigini). Nell'angolo dell'edificio possiamo anche visitare la più antica farmacia d’Europa.

Nel centro storico di Tallinn i monumenti sono tanti: il convento dei Domenicani con il suo chiostro e il suo Museo, Suur Rannavärav e Paks Margareeta (il Muro della costa e la Torre di Margherita), la Torre Hellemann. La Casa della Confraternita delle Teste Nere è un edificio rinascimentale che si può visitare ed è rinomato per la sua spettacolare porta verde e rossa tempestata con ornamenti d'oro. E poi la torre Kiek in Kök, una torre difensiva di 38 metri di altezza, la Torre della Vergine, la spettacolare Chiesa dello Spirito Santo, le chiese di San Nicola e San Olaf. C’è l’imbarazzo della scelta, ma si finisce per voler vedere tutto (peccato a non farlo). Infine la Porta Viru, che costeggia la via Viru con le sue due torri fantastiche, così mozzafiato che sembrano uscite dai racconti di principi e principesse. Inoltre, vicino al centro storico, potete anche visitare la Vabaduse väljak, che tradotto vuol dire Piazza della libertà, uno spazio più moderno dedicato all'orgoglio nazionale e al simbolismo dell'indipendenza del paese.

Getty Images

Tallinn, cosa mangiare. Il locale più famoso dove mangiare a Tallinn è il ristorante medioevale Olde Hansa, in Vana Turg 1 (prendete nota!). Questo ristorante ha molto da farsi apprezzare. Le sue porzioni di piatti tipici locali sono le più grandi e le più deliziose di tutta l’Estonia, e comprendono specialità che provengono direttamente dai menù medievali. I dettagli sono spettacolari: dal vestito dei suoi camerieri al decor degli ambienti, fino alle stranissime toilette che si ispirano alle ritirate del passato.

Tallinn, clima. Marzo e aprile sono i mesi più piovosi, in Estonia e a Tallin. Maggio invece regala un clima relativamente stabile, ma soprattutto giornate di una lunghezza che sembra infinita. La luce nella bella stagione, in questa zona, può durare 19 ore su 24. Giugno è temperato e con giornate di luce naturale ancora più lunghe. Ma i mesi migliori per visitare la capitale estone sono luglio e agosto. Le giornate? Ancora più lunghe, la notte è quasi un concetto astratto. Il tempo è stabile, con temperature medie sotto i 20 ° C ma poca pioggia (portate comunque un impermeabile leggero). L’autunno a Tallin offre ancora temperature gradevoli di giorno, ma le notti sono molto fredde. Infine, se decidete di partire per Tallin da dicembre a febbraio dovete essere consapevoli di quello a cui andate incontro: temperature molto (molto!) sotto lo zero e la neve come elemento costante del paesaggio. Solo per estimatori puri del freddo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi