Le fiabe non nascono solo nei manieri fra le nebbie, e il Castello Aragonese di Ischia lo dimostra

Al sole del golfo di Napoli una fortezza con secoli di storia alle spalle e tante storie da raccontare riserva sorprese e curiosità (da brivido).

Aragonese castle (Ischia island Italy) 2
dott. Raffaele AmatoGetty Images

Mi visitato il Castello Aragonese di Ischia? Ci sono posti in Italia che nessuna parte del mondo può vantare, non fosse altro perché riescono nella straordinaria impresa di conciliare una location nella natura spettacolare e le comodità della civiltà, sempre molto vicina. Ci sono vedute, in questi posti, che lasciano senza parole, impietriti nella contemplazione mentre pensi che è valsa la pena essere nati per vedere tutto questo. E se vogliamo metterci un po' di orgoglio campanilistico, ringrazi la fortuna di essere nato proprio in Italia, nonostante i molti pretesti di lamentela. Ma torniamo a questo castello stupefacente. Il Sud Italia pullula di esempi della dominazione aragonese che ha caratterizzato il Medio Evo italiano, e fra queste, in particolare i castelli.

Boscolo Gift - Gioielli d'Italia. Pacchetti Viaggio e Week End Regalo in Città d'Arte in Italia.
B BOSCOLO amazon.it
119,00 €

Il Castello Aragonese è una delle costruzioni più belle da visitare nel tratto che va da Napoli a Taranto. Per chi non l'ha mai visto: è sempre il momento buono per organizzare un viaggio, una vacanza o un week end a Ischia, anche con largo anticipo, per visitare l'isola e il suo castello sicuramente. E andare a vedere di persona queste 10 curiosità sul Castello Aragonese di Ischia. Il Castello Aragonese sorge su un isolotto di roccia trachitica collegato al versante orientale dell'isola d'Ischia da un ponte in muratura lungo 220 mt. La prima fondazione del Castello è da attribuirsi a Gerone I tiranno di Siracusa (474 a.C.) la cui flotta aiutò i Cumani nella guerra contro i Tirreni. In ricompensa il tiranno ricevette l’intera isola. Da qui il nome originale, primo nome della struttura, Castrum Gironis.

Il nome attuale ha invece origine dalla dinastia di Alfonso I d'Aragona che trasformò nel XV secolo d.C. il preesistente Maschio angioino, costruì le poderose mura difensive, fece scavare nella roccia la galleria di accesso pedonale. Molto suggestivi sono il convento e il cimitero delle Clarisse dove si vedono delle piccole sedute in muratura su cui venivano posizionati i corpi senza vita delle suore.

SMARTBOX - Cofanetto regalo - 2 giorni di relax per 2 persone
smartbox amazon.it
59,90 €

Durante l’epoca angioina, il Castello Aragonese era collegato al resto dell’isola da un pontile di legno che, ristrutturato più volte a causa delle numerose mareggiate, è stato poi sostituito da un ponte artificiale. La Casa del Sole è una sorta di museo nel quale è possibile ammirare quadri di arte moderna e di epoche passate, ma anche strutture architettoniche di epoche diverse. Geologicamente l’isolotto dove si erige il Castello Aragonese è una bolla di magma derivata da un’eruzione avvenuta oltre 300mila anni fa consolidata grazie a successivi fenomeni eruttivi. Dal 1912 il Castello è proprietà privata: l'ingresso è a pagamento. La famiglia proprietaria ne cura direttamente i restauri e la manutenzione grazie al costo del biglietto d'ingresso e alla gestione di tutte le attività presenti, rappresentando uno dei rarissimi esempi, in Italia, di monumento privato che si auto finanzia, senza necessità di ricorrere a contributi pubblici. Il Castello Aragonese ospita spesso mostre di arte e pittura, incontri ed eventi di cultura. Il castello è visitabile sette giorni su sette dalle ore 9 della mattina fino all’orario di tramonto. L’ingresso al castello Aragonese è a pagamento: per gli adulti il biglietto è di 10 euro, per i gruppi a partire da 20 persone il costo d’ingresso è di 9 euro. Tagliando ridotto a 6 euro per gli under 14, i bambini sotto i 10 anni entrano gratis.

    Pubblicità - Continua a leggere di seguito