Nel castello di Fénis l'incontro con un fantasma (vero) è compreso nel tour

Storia di un'antica dimora medievale in Val d'Aosta che incute timore e allo stesso tempo attira, attira, attira irresistibilmente, come per magia.

Fenis, Valle d'Aosta, Italy 26 December 2015
Massimo ParisiGetty Images

La Val d’Aosta è una delle tante prove che quando qualcuno creò il mondo, ebbe un occhio di riguardo per tutta Italia. E se in Val d’Aosta ci sono cose belle da vedere, il Castello di Fenis è uno dei più belli, famosi e visitati castelli valdostani, uno straordinario esempio di architettura medievale che mozza il fiato per la suggestione (e soggezione) che suscita. È stato un tempo dimora degli Challant, la nobile famiglia valdostana che dal XXI secolo ebbe grande potere per conto dei Savoia. Oggi il Castello di Fénis è una testimonianza storica ma anche il teatro di leggende misteriose e avvincenti, su cui è bello saperne di più.

SMARTBOX - Cofanetto regalo coppia- idee regalo originale - 2 o 3 giorni magici in luoghi favolosi
smartbox amazon.it
95,44 €

Castello di Fénis, storia. Il Castello di Fénis, in Valle d'Aosta, è diverso dagli altri castelli medievali della zona per una particolarità: non è situato alla sommità di un colle o di un promontorio, bensì su una piccola altura priva di difese naturali. Più che una fortezza, insomma, dà subito l'idea di una residenza signorile, utilizzata dalla famiglia nobiliare di Challant per amministrare il circondario privo di pericoli. Costruito probabilmente nei primi anni del XIII secolo dal visconte Gotofredo II, citato per la prima volta nel 1242, è stato arricchito di torri, mura e merli un centinaio di anni più tardi da Aimone di Challant. Nel 1716 il castello fu venduto al conte Baldassarre Castellar di Saluzzo Paesana e andò incontro a un lento e progressivo degrado, fino al recupero avvenuto nei primi anni del 1900 grazie ad Alfredo d'Andrade. Oggi il castello è di proprietà della regione Valle d'Aosta.

Castello di Fénis, interno. Il castello è ovviamente una delle maggiori attrazioni della Val d'Aosta. Strutturato su una pianta pentagonale, con torrette circolari ha ogni angolo, ha il masto racchiuso in una doppia cinta muraria, con le torrette collegate da camminamenti di ronda. Nella visita al pian terreno si possono ammirare la sala d'armi, il refettorio, la dispensa e le cucine. Al primo piano, invece, sono situate la cappella, la magnifica sala di rappresentanza e le altre sale, tra cui la camera del signore, la sala di giustizia e quella da pranzo.



Castello di Fénis, affreschi. Assai suggestivo è anche il cortile interno, con scalone a forma di semicerchio sormontato da un affresco raffigurante san Giorgio che uccide il drago e da balconate in legno decorate con motivi biblici. Sulla parete che dà a est, infine, si possono osservare i dipinti di San Cristoforo e dell'Annunciazione, di epoca quattrocentesca, realizzati probabilmente da un seguace di Jaquerio.

Boscolo Gift - Top Weekend. Esperienza Completa in Termini di Arte, Bellezza del Territorio e Gastronomia.
B BOSCOLO amazon.it
219,00 €

Castello di Fénis, leggende. Attorno al castello sono sorte numerose leggende e curiosità. La prima riguarda (e come poteva mancare) un fantasma. Si racconta che una donna, sposata in seconde nozze dal padrone del castello, per assicurare al figlio l'eredità decise di uccidere il figliastro, che si aggirerebbe ancora adesso tra le mura del castello. Misteriosi sono anche i numeri magici che si ripetono ossessivamente all'interno del maniero. Sono sette i gradini dello scalone semicircolare, otto invece le punte della stella contenuta in una circonferenza tra lo stemma dei Savoia e lo scudo degli Challant. Particolari pure i cartigli retti dai profeti e dai saggi del cortile interno: al loro interno contengono massime morali in francese arcaico.

Castello di Fénis, come arrivare. Il castello si trova a pochi chilometri dall'uscita autostradale di Nus, sull'autostrada Torino-Aosta: una volta usciti al casello, bisogna svoltare a sinistra alla rotonda e in meno di dieci minuti si raggiunge il parcheggio del castello. Castello di Fénis, orari. Da aprile a settembre il castello è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19. Da ottobre a marzo, invece, resta chiuso il lunedì ed è aperto negli altri giorni dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17. Resta chiuso anche nei giorni di Natale e Capodanno. Castello di Fénis, biglietti. Per accedere al castello di Fénis i prezzi variano da 7 (intero) a 5 euro (comitive di almeno 25 persone, studenti universitari e convenzionati). I ragazzi tra 6 e 18 anni e le scolaresche pagano 2 euro, gli under 6 e i portatori di handicap entrano gratis. Castello di Fénis, film. L'ultima curiosità è di carattere cinematografico. Gli amanti della commedia all'italiana riconosceranno subito l'ambientazione di un film degli anni 80, Fracchia contro Dracula, in cui il maldestro ragioniere interpretato da Paolo Villaggio deve vedersela con il famigerato vampiro transilvano. La pellicola, diretta da Neri Parenti, è stata girata proprio nel castello di Fénis e nella sua corte.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito