La mostra Postcards from Italy a Viareggio, un’estate da cartolina

Le fotografie nostalgiche di Carolina Sandretto ci raccontano quanto sono cambiati i luoghi più iconici delle vacanze del nostro Paese (e soprattutto come siamo cambiati noi).

sandretto postcards
Carolina Sandretto

“Viaggiare serve soltanto a voler più bene al luogo dove siamo nati”, diceva lo scrittore catalano Noel Clarasò I Serrat. Per lui questo luogo era la Catalogna. Per la fotografa Carolina Sandretto, autrice del progetto Postcards from Italy, invece è l'Italia. Soprattutto quella delle spiagge e della villeggiatura. Raccontata attraverso una serie di scatti che sembrano un album di memorie di viaggio.

Già, perché il modo in cui l’artista, da sempre impegnata ad accrescere la consapevolezza e ispirare attivismo sociale, assembla le sue composizioni riporta subito al mondo dei ricordi. Carolina gioca con le sovrapposizioni: lo stesso luogo ritratto nella cartolina di secoli prima viene immortalato e poi sovrapposto in modo da diventare un racconto nel corso degli anni.

Postcards from Italy
CAROLINA-SANDRETTO-PHOTO

Si, ok, lo sappiamo: disquisire di viaggi in un periodo buio come questo, scandito dal lockdown e dal distanziamento sociale, ha il retrogusto della beffa. Eppure la mostra, curata da Claudio Composti al Plaza Project Art Room di Viareggio fino all’ 1 settembre, ha l'effetto di un balsamo. Apre la mente e permette di volare con la fantasia.

Pietrasanta
CAROLINA-SANDRETTO-PHOTO

Carolina, una laurea in scienze politiche alla Cattolica, ha tagliato la Penisola in due come una turista qualsiasi e ha immortalato i suoi monumenti più iconici esplorandone la loro trasformazione, spesso dovuta soprattutto all'avvento della tecnologia e dei social network. Ha studiato il rapporto tra i visitatori e quei luoghi, un po’ come avveniva nel XVII secolo, quando il fenomeno del Gran Tour portava in Italia i giovani delle grandi e ricche famiglie europee, a conoscere le bellezze della nostra arte millenaria. Erano viaggi sì, ma anche percorsi di crescita: durante il tour non solo i rampolli completavano la loro educazione culturale, ma vivevano una grande avventura di vita. Ogni città, ogni piazza, ogni chiesa visitata si trasformava così in pensieri scritti, disegni, pagine di diario.

Il Villino
CAROLINA-SANDRETTO-PHOTO

Postcard from Italy è dunque un racconto nostalgico per immagini che ci conduce lontano anni luce dalle dinamiche dei like e della contemporaneità. La fotografa, che per anni ha vissuto e lavorato a New York, sceglie infatti un approccio antitetico a quello digitale, ritraendo i monumenti con una macchina fotografica analogica. E' stata obbligata a resettare tutto e aspettare il momento giusto della giornata per lavorare. È entrata nei luoghi, - da Piazza dei Miracoli a Pisa e le spiagge della Versilia, Pietrasanta e Roma - li ha studiati, ha stabilito un contatto. Insomma, si è presa il suo tempo.

Pisa
CAROLINA-SANDRETTO-PHOTO

Alla fine, osservando le sue immagini, scopriamo che questi posti non sono cambiati poi tanto negli ultimi secoli. Ad essere cambiato è però il nostro modo di viaggiare. Oggi a differenza del ‘700 non soggiorniamo più a Firenze o Venezia diversi mesi per studiarne chiese, palazzi e scorci, ma abbiamo solo bisogno di avere la prova di esserci stati, un clic sul display del cellulare che dimostri che la nostra esperienza è stata reale, magari aumentando i nostri follower su Facebook o Instagram. La nostra relazione con i luoghi si è stravolta completamente: difficile dire se in meglio o in peggio. Anche se un’idea noi ce la siamo fatta...

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi