Una cartolina da Cortina d'Ampezzo

Riscopriamo l'Italia con una guida speciale. Terza tappa: la Regina delle Dolomiti

cortina dampezzo, italy   july 04 cityview with the dolomites and the church parrocchiale ss filippo e giacomo on july 04, 2011 in cortina dampezzo, dolomites, italy cortina is famous for skiing in winter and hiking, climbing, mountainbiking in summer  photo by eyeswideopen getty images
EyesWideOpen - Getty Images

Se come dicono gli ampezzani "Il mondo si divide fra chi è stato qui e chi non ci verrà mai", c'è ancora una gran numero di persone che non hanno ancora visitato questa località dolomitica. Che dalle Olimpiadi Invernali del 1956 a oggi continua a piacere pur non avendo mai grandi novità, se non le stesse persone che la animano. Questa volta abbiamo chiesto a chi ha reso, con le sue quattro boutique su Corso Italia, l'esperienza dello shopping più esclusiva e griffata che mai. Ma non crediate che Daniela e Franz Kraler con il figlio Alexander abbiano parlato solo di vestiti, anzi...!

L'EVENTO «L'Enrosadira, come si usa dire in lingua ladina, significa “diventar di colore rosa”; come se la natura al culmine della propria magnificenza fosse percorsa da un fremito e arrossisse per l’emozione. È un fenomeno che riguarda le cime delle Dolomiti quando diventano rossastre o violacee soprattutto all'alba e al tramonto. Anche la miglior foto non rende giustizia quando è vista dal vivo».

Il monte Averau visto dal passo di Falzarego nel momento della Enrosadira.
Frank Bienewald - Getty Images

MUSICA, MUSICA... «Fèsta di Ra Bàndes o parata degli oltre 25 gruppi folkloristici e musicali di tutto l’arco alpino è un evento imperdibile. Sono tutti rigorosamente con il costume tradizionale e nell’ultima settimana di agosto propongono diverse occasioni musicali, con l’importante sfilata finale tra le vie della cittadina. Dobbiamo ringraziare il Corpo Musicale di Cortina d’Ampezzo, attivo da oltre 150 anni, che tiene vivo questa tradizione» (corpomusicalcortina.it)

Una delle bande mentre attraversa Corso Italia a Cortina
Courtesy Corpomusicalecortina.it

PASSEGGIATE UNICHE «In una cornice già spettacolare, tra le vette dolomitiche Patrimonio Unesco, fino al 2 novembre al Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo si può visitare la rassegna Sentieri d’arte, con il progetto Arcipelago fossile ispirato alla storia geologica delle Dolomiti. Grazie alle opere degli artisti, in un tutt'uno con la natura, l'anima del parco si definisce ancora di più e le sorprese d'arte non mancano».

Total look e borsa Fendi
Courtesy Franz Kraler

COSA INDOSSARE «Noi siamo sportivi e quindi per passeggiate alle Cinque Torri, al rifugio Lagazuoi, al lago di Sorapiss e le cascate di Fanes meglio stare comodi, al massimo uno zaino tecnico e magari cesto porta pic-nic griffato. Per i momenti da Corso Italia o per la sera invece meglio avere l'ultimo look. Sia a Cortina che a Dobbiaco, abbiamo tutti i più grandi brand internazionali, spesso con capi e accessori che si possono trovare solo qui. Rispettiamo la personalità di ognuno e cerchiamo di esaltarla al meglio, basta avere il tempo di entrare e curiosare nei nostri negozi».

Una delle tante proposte Franz Kraler: qui total look Celine by Hedi Slimane
Courtesy Franz Kraler

UN'ARTE A PARTE «Passeggiando per Corso Italia non si può non notare il Museo Mario Rimoldi vista la presenza scenica e come è collocato nello storico Palazzo delle Regole. Oltre alla mostra permanente allestita con la donazione delle prestigiose opere della collezione Mario Rimoldi ci sono esposizioni temporanee, tra cui, fino al 16 agosto, I Mille di Sgarbi: lo stato dell’arte contemporanea in Italia» (Via Monsignor P. Frenademez, 1 - Cortina d'Ampezzo - Tel. 0436 2206)

Una delle sale del Museo Rimoldi a Cortina d’Ampezzo
Courtesy Franz Kraler

UNA CARTOLINA DA... «Ok, è vero, scrivere una cartolina è un gesto d'antan ma pensiamo che oggi abbia ancora più valore perché significa impiegare più tempo per pensare a un'amica o a un conoscente. Alla Libreria Sovilla ci sono anche cartoline vintage dagli anni 50 ai 70 oltre a vecchi manifesti dell’epoca, completamente restaurati e trasformati poi in cartoline con pigmenti su carta cotone e la tecnica della piezografia dell’artista Roberto Tomasi. Difficile comprarne una sola» (Piazza Franceschi, 11 - Cortina d'Ampezzo -Tel. 0436 868 416).

cortina, cortina d'ampezzo, cartolina, franz kraler
Una cartolina d’epoca di Cortina d’Ampezzo
Courtesy Franz Kraler
cortina d'ampezzo, cortina, franz kraler, lusso
"Cortina vi aspetta - Daniela Kraler 
Courtesy Franz Kraler

IL PARADISO DELLE COCCOLE «Il Rosapetra Spa Resort ha le raffinate visioni di Carlo Samarati, interior design di Milano che ha firmato spazi, volumi ed essenze della struttura. Fra legni d’abete e marmi di Castellavazzo, questi usati per la spa e la piscina, il momento di distensione dopo ore di macchina per arrivare è il massaggio Hatma Essenza, che favorisce il buon sonno ed elasticizza dolcemente corpo e mente, per ricevere un'irripetibile e profonda esperienza di armonia e benessere» (Zuel di Sopra, 1 - Cortina d'Ampezzo -Tel. 0436 869062)

La vista sulle Dolomiti dalla piscina del Rosapetra Spa Resort
Photographer Maurizio Paradisi - Courtesy Franz Kraler

UNA DOLCE RIPARTENZA «Prima di arrivare a Cortina o quando si torna in città, a San Vito di Cadore, c'è la pasticceria Fiori che dal 1947 lascia i suoi clienti a bocca aperta. La nostra preferita è la Sacher Torte, cremosa e prelibata, soddisfa ogni palato grazie all'antica e segreta ricetta del nonno» (Corso Italia, 78 - San Vito di Cadore. Tel. 0436 890158).

Una fetta di Sacher Torte della pasticceria Fiori
Courtesy Franz Kraler
This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi