Marie Claire Italia di aprile 2019 vi aspetta in edicola

Da Ashley Graham che si racconta in esclusiva alla signora dei ghepardi passando per le (nuove) scuole di politica.

image
Courtesy Photo

"Tutto diventa un po’ diverso appena lo si dice a voce alta" Hermann Hesse

La donna che c’è in copertina sorride sempre. Da bambina era dislessica e aveva la sindrome da deficit di attenzione. Ha ereditato un corpo formoso o, come direbbe lei, è grassa. Ashley Graham ha una voce potente e un corpo voluttuoso, ogni giorno si ripete che è coraggiosa e bella, e dice di aver smesso di rivolgersi agli uomini e al cibo per avere amore. Oggi è considerata un marchio, ha milioni di follower ed è un’influencer che sta portando una rivoluzione nella moda. Nella nostra intervista racconta che è contenta di essere un’apripista con la sua taglia diversa da quella delle modelle tradizionali, ma che l’importante è che il mondo diventi più inclusivo: anche una sola persona, dice, può mettere in moto il cambiamento. Ed è vero.

In questo numero c’è un’altra donna coraggiosa e determinata: Laurie Marker, la più grande esperta di ghepardi del mondo. Ha lasciato l’America per la Namibia e ha abbracciato la causa di questi animali fragili e meravigliosi che rischiano di estinguersi tra pochi decenni. La sua è una storia di appassionante ostinazione, esemplare e tenace come quelle di Dian Fossey con i gorilla e Jane Goodall con gli scimpanzé. Sosteniamola con tutti i mezzi che abbiamo: ho vissuto in Africa e so quanto sia difficile la sua impresa. Laurie Marker crede nell’etica dell’ubuntu - ogni cosa che facciamo ha riflesso su qualcun altro, c’è un legame universale di scambio - e nel difendere gli animali protegge anche la comunità degli uomini che da loro possono trarre beneficio. Aprile è il mese della Terra. Mi emozionano i ragazzi che scendono in piazza e si mobilitano contro il climate change e per salvare il pianeta. O per far votare i giovani alle elezioni europee. Basta un hashtag? No, ma aiuta. La politica è un’arte nobile e la classe dirigente deve essere adeguata. Ma le scuole in Italia scarseggiano, come ci racconta Valeria Balocco che ha indagato su quelle di partito e sulle fondazioni apartitiche. Risultato: ci vuole più formazione e meno proselitismo.

E davvero dobbiamo usare i social con le migliori intenzioni: ce ne parlano in tanti in questo numero, dalla campionessa di nuoto Margherita Panziera, al poeta della moda, Pierpaolo Piccioli direttore creativo di Valentino, a Isaac Carew lo chef che ha fatto innamorare la cantautrice Dua Lipa, e che è seguitissimo su Instagram.

Sui social abbiamo tutti salutato Karl Lagerfeld, la voce che risuonerà a lungo nel nostro modo di concepire l’eleganza e lo stile. È stato generoso con Marie Claire e noi lo ringraziamo. E, come faceva lui, abbracceremo sempre il presente e inventeremo il futuro. Arriva la bella stagione, buona primavera.

Questo numero di Marie Claire Italia è in edicola dal 16 aprile insieme a Marie Claire Enfants.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Magazine