Il pittore Dominic Chambers dipinge l'identità nera

Alla Luce Gallery di Torino l'artista ventisettenne originario del Missouri espone una serie di grandi tele che raccontano cosa significa essere black oggi.

dominic-chambers-luce-gallery
Courtesy Luce Gallery, Torino

L’artista Dominic Chambers si ispira alla storia afroamericana di ieri e nel frattempo ci svela la Black Identity di oggi.

A Yellow Moment, Dominic Chambers
Courtesy Luce Gallery, Torino

Nato nel Missouri 27 anni fa, il pittore che oggi vive e lavora a New Haven, Connecticut, firma tele extralarge dove affronta temi come l’eredità culturale, la famiglia e la mascolinità, sfidando le associazioni storiche e contemporanee attribuite al corpo nero. Ma non solo. Si interroga anche sulle interpretazioni psicologiche e letterali del concetto del velo espresso da William Edward Burghardt Du Bois, saggista e poeta statunitense naturalizzato ghanese, in The Souls of Black Folk, del 1903.

Dominic Chambers, Red Sugar Baby, 2019
Courtesy Luce Gallery Torino

Alla Luce Gallery di Torino fino al 12/3 Chambers presenta la mostra Life is Elsewhere dove i protagonisti sono sempre e solo uomini black che, costretti a guardarsi con gli occhi dei bianchi, ne percepiscono le discriminazioni e i pregiudizi (raccontati anche nel documentario Che fare quando il mondo è in fiamme? di Roberto Minervini di cui abbiamo scritto qui).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Magazine