L'editoriale del numero di Marie Claire marzo 2021

Il direttore Antonella Bussi racconta un numero dedicato al saper fare italiano.

benedetta piccioli
Pierpaolo Piccioli

Milano tre milioni / Respiro di un polmone solo / Che come un uccello / Gli sparano / Ma anche riprende il volo... Lucio Dalla, da Milano

Pedalo per la città che amo e sento la sua tristezza. Milano non corre più, non ci sono turisti, la cultura si è fermata. Ma il cuore batte e la voglia di riprendere è immensa. Sarà ancora una settimana della moda più digitale che fisica, purtroppo. Per questo abbiamo deciso di scattare i servizi di questo numero per le vie, in case di artisti e sui set che hanno vissuto centinaia di storie di moda, invitando i nostri fotografi internazionali a Milano, dopo essere andati con loro ovunque nel mondo. Per questo abbiamo chiesto a Pierpaolo Piccioli, direttore creativo di Valentino, di scattare la storia di copertina e rendere protagonista sua figlia Benedetta che indossa la Collezione Milano, presentata eccezionalmente qui e non a Parigi il settembre scorso. Perché Benedetta? Perché ci piace scoprire nuovi volti e di lei sentiremo parlare (intanto ci racconta un mondo, quello dell’atelier Valentino a Roma, da insider visto che lì ci è cresciuta). E perché condividiamo con Pierpaolo molti valori: l’idea di fare famiglia anche nel lavoro, creando legami e rispetto, l’importanza dell’empatia che è diventata cardinale nella visione delle sue creazioni.

Empatia, insieme a inclusione, diversità, sostenibilità sono termini costantemente ripetuti, talvolta abusati. Ci hanno già stancato? Però sono valori con cui costruire il futuro. E smetteremo di dirlo quando la società li avrà fatti suoi. Ma c’è ancora molto da fare. E sarà il compito di brave leader educare al cambiamento, difendere i diritti nel lavoro, creare comunità più giuste. Nelle pagine che seguono alcuni esperti suggeriscono come migliorare il tratto della leadership femminile (e facciamo nostri gli insegnamenti di Jacinda Ardern, premier neozelandese e vera ispirazione).

Questo numero pone l’accento sull’italianità, da rivalutare a partire dalla provincia. Perché, anche se il paesaggio ci è familiare, lì succedono cose, ci sono menti geniali e imprese innovative. Sono incantata dalla creatività degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, protagonisti del nostro progetto Future Visioni. E anche dalle piccole realtà legate alla filiera della moda che vi raccontiamo: l’antica sapienza si rinnova, la laboriosità e il saper fare italiano sono una forza magnifica per ricostruire il Paese. Nell’eterna incertezza politica c’è la certezza del nostro talento. Coltiviamolo, sosteniamolo e aiutiamo i giovani a esprimerlo. La grandezza di Milano è fondata anche su questo: il talento che ha saputo accogliere. Noi siamo pronti ad accogliere anche la primavera, e la rinascita.

Courtesy
This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Magazine