20 momenti molto molto fashion della moda anni 90 da ricordare

Foto: dalle top model alle eroine di cinema e Tv, dallo stile grunge alle principesse del pop.

image

Sì, gli Anni '90 stanno decisamente tornando in auge, per la gioia dei nostalgici. Per apprezzare appieno il trend di oggi, suggeriamo di dare uno sguardo alle sue origini. Per fare un giro lungo il viale dei ricordi, in questa gallery ci sono le 20 icone di stiledel decennio. Ancora in fissa con i Nineties e il suo stile? Bene! Le top model sono (ancora) qui, a fare ciò che gli riesce meglio.

via MarieClaire.com

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Le supermodelle

All'inizio degli Anni '90 sono nate le top model. Donne come Cindy Crawford, Naomi Campbell, Christy Turlington e Linda Evangelista - nota per aver dichiarato che non si sarebbe neanche alzata dal letto per meno di 10.000 dollari al giorno - dominavano le passerelle e stregavano il mondo con la loro bellezza sovrumana. Le iconiche foto delle supermodel scattate da Peter Lindbergh nei primi Anni '90 sono ancora ampiamente usate come fonte d'ispirazione, e il videoclip per Freedom 90 di George Michael in cui appaiono quasi tutte resta uno dei più belli mai girati.

Il reggiseno a cono di Madonna

Madonna è un'icona fashion che attraversa diverse decadi, ma uno dei suoi look più memorabili (e imitati) è il reggiseno con le coppe a forma di cono che Jean Paul Gaultier disegnò per il suo Blond Ambition Tour nel 1990.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Beverly Hills, 90210

Nel telefilm, un gruppo di ricchi e stilosi ragazzi californiani vivevano la vita sognata dai teenager. Che poi non vedevano l'ora di imitarne i look, dagli abitini floreali di Brenda agli outfit più eccentrici di Donna.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Courtney Love e Kurt Cobain

Il re e la regina della scena grunge di Seattle, Kurt e Courtney sono probabilmente la coppia che ha avuto più influenza sullo stile degli Anni '90. La leader delle Hole è quella che ha sdoganato lo stile "kinderwhore", mentre il cantante dei Nirvana ha dato il via al genere grunge.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Le icone di stile: Winona Ryder

La Ryder è il massimo esempio di "it girl" degli Anni '90. Nella prima parte del decennio, ha avuto ruoli in film cult come Edward Mani di forbice e Giovani, carini e disoccupati, e il suo stile tomboy ha subito catturato l'attenzione del pubblico. Pixie cut e look total black anche sul red carpet sono diventati i suoi marchi di fabbrica. In più, non guasta il fatto di aver avuto accanto Johnny Depp per diversi anni. Quindi: Winona forever.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Will Smith, il Principe di Bel Air

I colori accesi sono un caposaldo dei primi Anni '90. Will Smith è diventato un trendsetter grazie a Willy, il Principe di Bel Air, sfoggiando tute coloratissime, pantaloni Zubaz e un'impressionante collezione di Jordan. In diversi episodi della sitcom sono apparse anche le TLC, gruppo hip hop tutto t-shirt oversize, bermuda da uomo e accessori in stile cartoon a tinte pazze.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Kate Moss per Calvin Klein

Nei primi Anni '90, da Londra una ragazzina smarrita entrò nelle nostre vite e cambiò il mondo della moda per sempre. Antitesi delle top model che avevano segnato l'inizio della decade, questa teenager diede l'avvio all'era dell'«heroin chic», che esaltava tratti androgini e silhouette (molto) asciutte. Una delle prime campagne di Kate Moss è stata quella di Calvin Klein, in cui abbraccia Marky Mark (Wahlberg) indossando solo underwear.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Marc Jacobs per Perry Ellis

Uno dei momenti salienti della sua carriera: Jacobs, direttore creativo di Perry Ellis, disegna per la Primavera Estate 1993 una collezione ispirata al grunge per cui è stato prontamente licenziato. Strati sovrapposti di tessuti scozzesi e cashmere, beanie e Doc Martens visti su quella passerella sono stati i capisaldi della sua generazione, e sono apprezzati ancor oggi.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Le icone di stile: Drew Barrymore

Con il suo look un po' hippie e un po' wild, è stata una delle star più cool degli Anni '90. Ha preso elementi del grunge - trucco dark, capelli mossi e tatuaggi - e li ha mixati con altri più bohémienne come le coroncine di margherite per creare uno stile tutto suo.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Il taglio alla Rachel

Nelle prime stagioni di Friends Rachel Green, il personaggio di Jennifer Aniston, divenne famoso per il suo taglio di capelli mosso e scalato, creato dall'hairstylist Chris McMillan. Resta uno dei look più iconici di tutti i tempi, ed è stato il taglio da star più richiesto degli Anni '90.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

I red carpet di Brad Pitt e Gwyneth Paltrow

Essendo stati una delle coppie più amate degli Anni '90, la relazione di Brad e Gwyneth è ben documentata. I due venivano spesso fotografati sul red carpet in outfit coordinati - e, per un breve periodo, anche con tagli di capelli simili - e i loro look abbracciano tutto lo spettro dei trend dell'epoca, dal minimalismo estremo al grunge.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Le Spice Girls

L'invasione britannica di metà Anni '90 aveva il volto di cinque ragazze spumeggianti. Le Spice Girls celebravano il girl power e l'unicità, quindi ognuna di loro (Sporty, Ginger, Posh, Baby e Scary) aveva un look unico ammirato dalle ragazze di tutto il mondo. A loro si devono la popolarità delle zeppe, dei codini e, ovviamente, dei glitter per il corpo.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Le icone di stile: Gwen Stefani

Il volto dell'ondata ska-punk di metà Anni '90 era quello della biondissima ed energica Gwen Stefani. La frontwoman dei No Doubt era nota per il fisico atletico e per lo stile, visto che spesso saliva sul palco indossando nient'altro che cargo pants e top cortissimi, il tutto completato da un bindi sulla fronte e una testa piena di piccoli chignon/cornini. Dopo quasi due decadi, la Stefani continua ad avere i migliori addominali sulla scena.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

La ripresa di Gucci

Nel 1994, Tom Ford diventa il direttore creativo di Gucci. Debutta con una collezione ispirata al jet set per l'Autunno Inverno 1995/1996, lanciata da una provocatoria campagna pubblicitaria curata da Carine Roitfeld. A questa linea è attribuito il merito di aver salvato il brand dal collasso: l'anno seguente a quella sfilata, le vendite sono aumentate del 90%.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Clueless - Ragazze a Beverly Hills (1995)

Cher Horowitz, che da sola ha insegnato al mondo l'importanza di Alaïa, resterà sempre una delle maggiori icone di stile cinematografiche. E poi, chi non vorrebe avere armadio girevole?

Getty Images, Facebook, courtesy photo

L'ultima sfilata di Gianni Versace

Versace è stato uno degli stilisti più influenti degli Anni '90, e la sua ultima sfilata - ancora oggi grande fonte di ispirazione - è andata in scena al Ritz di Parigi meno di un anno prima della sua tragica morte a Miami nel 1997.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Fiona Apple - Criminal (1997)

A 19 anni, la cantante è stata molto criticata per il video di Criminal, che conteneva scene in cui si contorce in vari stadi di nudità in mezzo a uomini ugualmente poco vestiti, contribuendo a diffondere l'estetica "porno-chic". Si può scommettere che migliaia di adolescenti siano corse a farsi fare il piercing all'ombelico dopo la pubblicazione di questo video.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Sex & the City (1998)

Due parole: Carrie Bradshaw. Non si sa neanche da dove cominciare per contare le tendenze lanciate dal personaggio di Sarah Jessica Parker, ma molti dei brand più famosi al mondo (Manolo Blahnik, tanto per dire) le devono più di un ringraziamento.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Le principesse del pop

La fine degli Anni '90 ha dato l'avvio all'era del bubblegum pop, con Britney Spears in testa al gruppo. Il suo look da scolaretta sexy nel video di …Baby One More Time ha aperto la strada a jeans a vita bassa, anellini all'ombelico, minigonne e canotte colorate che avrebbero caratterizzato lo stile di fine decade. Poco dopo, star come Christina Aguilera, Mandy Moore e Jessica Simpson sarebbero venute fuori con la loro versione di quel look che era l'incubo dei papà delle teenager dell'epoca.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Il Giardino delle vergini suicide (1998)

Le sorelle Lisbon del film non erano fatte per essere chic - la madre cuciva per loro abiti informi per non attirare l'attenzione dei ragazzi - ma dal momento in cui il film di Sofia Coppola è stato pubblicato nel 1999, il look delle ragazze è diventato una fonte d'ispirazione incredibilmente popolare a livello globale. Abiti bianchi e leggeri, svolazzanti gonne fiorate, e scarpe con la zeppa di legno stile Anni '70 sono capi must have che tornano ogni estate.

Getty Images, Facebook, courtesy photo

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Magazine