Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

I 15 posti da visitare in Italia almeno una volta nella vita

Scopri i posti più belli da visitare in Italia: da Matera a Cisternino, da Alagna a Pitigliano 15 destinazioni + how to.

Posti da visitare in Italia
Courtesy Photo

Posti da visitare in Italia romantici? O più location per un nuovo inverno? Ci sono angoli d’Italia ancora più incredibili di quelli classici (e comunque impagabili): ma le soluzioni per stupirsi come mai prima d’ora arrivano da porticcioli vicini a must come Venezia, montagne che hanno alla base villaggi antichi (e meno battuti della classica Cortina). Posti da visitare in Italia perché favolosi: concetto semplice, voglia di fuga immediata. Da Alba a Matera, da Pantelleria ad Assisi: dici Italia dici weekend. Ecco i 15 viaggi da fare una volta nella vita. E che vita.

Perché visitare Matera: città della cultura 2019, exploit di b&b e di soluzioni a chilometro zero. Bellissima e ancora sconosciuta: da visitare prima del grande boom del 2019 (ps: si mangia benissimo).
Perché visitare Camogli: paesino ligure da cartolina ideale per vivere il mare d’inverno, pesce fresco, malinconia d’autore. Fermata del treno comodissima, impiego di energie minimo, risultato notevole.
Perché visitare a Pantelleria: è l’isola che non c’è, è il rifugio per eremitaggi mariti, è il vento che spazza via tutti i brutti pensieri. Prenotate un dammuso a settembre, coltivate l’arte della cucina locale.
Perché visitare Montalcino: è il paesaggio che ha costretto gli inglesi a ricredersi, è il lifestyle allo stato brado. Affittate una magione in collina, noleggiate una vecchi auto e collezionate bottiglie doc.
Perché visitare Assisi: è il centro di un’Italia che supera credo e terrore, dal terremoto alla ricostruzione di un dei capisaldi della spiritualità d’Italia. Andateci da soli a meditare in autunno.
Perché visitare Breis: il suo lago è la risposta a tutti i filtri di Instagram, le Dolomiti qui sono davvero rosa e il weekend perfetto vi vuole in uno degli hotel più antichi delle Alpi.
Perché visitare Scicli: meno turistica della vicina Modica, più affascinante della blasonata Noto, Scicli è il barocco che si fissa negli occhi, il concetto antico di Paese e il profumo di sole che non ti lascia più.
Perché visitare Burano: addio caos di Piazza San Marco, anche la piccola Murano e il suo vetro prezioso rimane lontana da questo villaggio di pescatori con casette coloratissime (per ritrovare la strada di casa).
Perché visitare Cisternino: incanto bianco, boom pugliese in provincia di Brindisi da custodire e non svilire (stile Salento). Plus: masserie monastero dell’anima e comunità anni Settanta ancora autentiche.
Perché visitare Santo Stefano di Sessanio: piccolo mondo antico, nuovo turismo forbito. Qui nell’entroterra abruzzese è nato il più sincero esempio di Albergo Diffuso, valorizzazione pura del territorio. Ritiro mistico.
Perché visitare Alagna: un villaggio di montagna antico, la vetta del Monte Rosa che guarda e invita gli sciatori a piste dolci e neve compatta. Vivere la natura 80 anni fa con il comfort di oggi in un’antica casa walser? Bingo.
Perché visitare Piscinas: le dune di sabbia più belle d’Italia (e del mondo) sono qui scendendo lungo il museo a cielo aperto d’archeologia industriale di Ingurtosu nel comune di Arbus. Un solo resort, una sola spiaggia, un Eden in terra.
Perché visitare le Isole Borromeo: lasciate stare la visita al palazzo Borromeo (troppi turisti) ma quando scegliete la direzione di Stresa, Lago Maggiore, entrate nell’ottica di perdervi nei vicoli dell’Isola Bella, chicca di trattorie, mercerie sospesa sull’acqua.
Perché visitare Pitigliano: perennemente inserito tra i borghi più belli d’Italia per un ottimo motivo ovvero essere arroccato nella campagna maremmana, esempio di antico vivere toscano, vecchissime trattorie, botteghe, cantine.
Perché visitare Manarola: è una delle Cinque Terre meno battuta, è una delle anime della Italia bellissima, intima, che vorremmo tenere lontano da tutti. Non si può: quindi andateci rigorosamente a marzo con il primo sole tiepido e i carrugi vuoti.
Perché visitare le Langhe: puntatina ad Alba, agriturismo fuori in mezzo alle Langhe con osteria e vigne a cornice della notte. Più nebbia c’è meglio è: pullover di cashmere e calice di Barolo saldamente in mano.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Pantelleria

Prenotate un dammuso a settembre, coltivate l’arte della cucina locale.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Montalcino

Affittate una magione in collina, noleggiate una vecchi auto e collezionate bottiglie doc.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Piscinas

Il museo a cielo aperto d’archeologia industriale di Ingurtosu nel comune di Arbus. Un solo resort, una sola spiaggia, un Eden in terra.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Camogli

Fermata del treno comodissima, impiego di energie minimo, risultato notevole.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Matera

Bellissima e ancora sconosciuta: da visitare prima del grande boom del 2019 (ps: si mangia benissimo).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Burano

Villaggio di pescatori con casette coloratissime (per ritrovare la strada di casa).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Alagna

Vivere la natura di 80 anni fa con il comfort di oggi in un’antica casa walser? Bingo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare le Isole Borromeo

Lago Maggiore, entrate nell’ottica di perdervi nei vicoli dell’Isola Bella, chicca di trattorie, mercerie sospesa sull’acqua.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Pitigliano

Ottimo motivo ovvero essere arroccato nella campagna maremmana, esempio di antico vivere toscano, vecchissime trattorie, botteghe, cantine.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Cisternino

Plus: masserie monastero dell’anima e comunità anni Settanta ancora autentiche.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Santo Stefano di Sessanio

Qui nell’entroterra abruzzese è nato il più sincero esempio di Albergo Diffuso, valorizzazione pura del territorio. Ritiro mistico.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Perché visitare Scicli

Scicli è il barocco che si fissa negli occhi, il concetto antico di Paese e il profumo di sole che non ti lascia più.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Magazine